Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

West Nile: allarme anche a Bologna. Disinfestazione straordinaria

west_nile_virusSi stava appena attenuando la tensione per l’influenza “A”, ed ecco un nuovo sussulto di “Febbre del Nilo”, sembra che il destino di quest’ultimo scorcio di estate sia quello di dover fare lo slalom fra un possibile contagio e l’altro, in una situazione che appare sempre più incerta e confusa, tale da condurre all’esaurimento nervoso anche chi non appare predisposto ad ammalarsi né dell’uno né dell’altro virus. Comunque in queste ore è il virus “West Nile” a creare le maggiori apprensioni nelle città emiliane, a Bologna e Ferrara in particolare. Nuovi contagi si sono infatti registrate in queste due province, che portano a sette i casi verificatisi negli ultimi tempi nella regione, compreso quello del ferrarese di 71 anni, deceduto nei giorni scorsi. Altri due pazienti ferraresi sono tuttora ricoverati in rianimazione all’Ospedale S.Anna di Ferrara, altri due nel reparto Malattie Infettive dello stesso Ospedale, altri due casi sono in cura presso gli ospedali di Modena ed Imola, da ieri, infine, si è aggiunto un nuovo ricovero nel reparto Malattie Infettive dell’Ospedale S.Orsola, il primo caso di infezione nella città di Bologna, che proprio per questo, oltre all’intensificarsi che sembrano avere i contagi, ha suscitato particolare allarme da parte degli abitanti e delle stesse autorità comunali, che hanno deciso di far scattare una campagna straordinaria di disinfestazione dalle zanzare, portatrici del virus “Febbre del Nilo”, nella zona dei quartiere San Vitale, la stessa da cui proviene il cittadino di circa 60anni, il primo bolognese contagiato, già ricoverato da venerdì sera. “Le sue condizioni non destano preoccupazione”, fa sapere un comunicato delll’Ausl, che avanza l’ipotesi che l’uomo si stato infettato da una zanzara nel corso di un soggiorno in una casa della campagna modenese. Come è previsto in questi casi sono state effettuate immediatamente misure di profilassi nelle abitazioni dell’uomo sia a Bologna che a Modena, coinvolgendo le Aziende Sanitaria Locali di entrambe le province. Si esclude dunque, per ora, che esista un focolaio di contagio all’interno della città di Bologna, l’infezione sarebbe cioè “di importazione”, ma per sicurezza e prevenzione il Comune, come si è detto, ha avviato disinfestazioni straordinarie “anti-zanzare”.

Il virus del Nilo, che può avere gravi conseguenze neurologiche negli animali (nel mantovano è morto un cavallo) e nell’uomo se l’infezione è concomitante ad altre malattie debilitanti (come è accaduto al 71enne ferrarese morto perché affetto già da altre patologie croniche), viene trasmesso soprattutto dalla zanzara culex pipiens (autoctona, a differenza della zanzara tigre). “Ma il serbatoio — spiega l’Ausl — è rappresentato solo dai volatili”. Ciò vuole dire che il virus “non si trasmette da uomo a uomo”, ma che può arrivare all’uomo solo tramite una zanzara che in precedenza abbia punto un uccello infetto. Per questo fin dalle cinque di sabato mattina sono state bonificate e disinfettate le aree pubbliche della zona: aiuole, strade, spazi verdi; trattamento che è proseguito anche nella giornata domenicale.
Si è appreso intanto che il figlio della prima vittima ferrarese aveva chiesto ai Comuni di impegnarsi di più sul delicato fronte della disinfestazione. Gli ha risposto l’assessore alla sanità del Comune di Ferrara, ribadendo che “I protocolli della Regione prevedevano fin dall’inizio una particolare vigilanza e l’assunzione di procedure ad hoc in caso di infezioni particolari. Ecco perché in queste settimane abbiamo sempre continuato con i trattamenti larvicidi e abbiamo aumentato il livello di attenzione sugli animali”. “Sono gli animali i sensori del virus” – spiega l’assessore – “Così abbiamo fatto disinfestazioni nei luoghi vicini alle residenze delle persone colpite, abbiamo fatto e faremo ancora interventi mirati nei luoghi dove sono in programma manifestazioni all’aria aperta, almeno fino a fine settembre. Inoltre interverremo anche nelle scuole: saranno interessati i giardini e le zone alberate”.
Il ronzio delle zanzare è sempre stato fastidioso, le loro punture anche ed ancora di più quando alle zanzare nostrane si è aggiunta la più “urticante” e dolorosa zanzara tigre; ma ora quel ronzio sta diventando davvero inquietante. Come se non ci fossero già abbastanza preoccupazioni a rendere meno tranquille le nostre notti… che stress.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 7149 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:33 ram:37788992