Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Vescovo contro la pillola abortiva: “Con 11mila bambini in più, l’Emilia sarebbe più ricca”

lunetta ParmaDal pulpito della cattedrale, il Vescovo di Parma, mons. Enrico Solmi, fa il censimento dell’aborto nel nostro paese: “Con i 141mila bambini abortiti lo scorso anno in Italia, gli 11mila in Emilia Romagna e i 400 a Parma, il mondo sarebbe più ricco, più bello e più giusto”. Monsignor Solmi critica soprattutto l’introduzione della nuova “pillola del giorno dopo”, la RU486, nei protocolli sanitari italiani: “L’aborto chimico può portare ad una cultura senza futuro e speranza – ha detto il vescovo parmense durante l’omelia – Questo ritrovato chimico lascia dubbi sulla metodica di sperimentazione e sui rischi che corrono le donne”.
Il vescovo parmense non ha risparmiato frecciate anche alla recente esclusione degli insegnanti di religione dagli scrutini scolastici, decretata dal TAR del Lazio: “Forse si teme che la religione faccia regredire l’umanità”. Infine mons. Solmi non ha trascurato anche il moltiplicarsi di episodi di violenza, nelle città emiliane, che vedono come protagonisti adolescenti e gang giovanili: “Siamo sorpresi dai gesti di criminalità perpetrati da ragazzi di buona famiglia. Cosa sta venendo meno? Un senso di umanità vera. Per gli adolescenti ci si preoccupa più della riduzione del danno che di alzare il loro orizzonte”.
Parole che esprimono profonde inquietudini, condivise da molti fedeli, ma che trovano altre risposte in ambienti più laici. Questi fanno notare che le critiche e gli anatemi alla pillola RU486 vengono appunto prevalentemente da uomini di chiesa e da medici cattolici “obiettori” che non hanno quindi alcuna esperienza clinica diretta con le donne ed il loro dramma dell’aborto. Per quasi tutti i medici che invece praticano l’aborto con i metodi attuali, e vivono da vicino ciò che significa per le donne, la RU486 è semplicemente un modo per rendere meno “cruento” e drammatico questo intervento, ed evitare maggiori ed inutili sofferenze. C’è poi anche chi replica all’affermazione che se tutti gli aborti praticati in Italia e nella nostra regione fossero state invece altrettante nascite, il nostro sarebbe un paese più ricco e più giusto. In questo il vescovo di Parma ha sicuramente ragione: se il nostro paese fosse effettivamente più giusto e più ricco – di servizi, nelle retribuzioni, nelle opportunità per le giovani coppie e la famiglia – forse ci sarebbero davvero molti bambini in più


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7145 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:23 ram:35471304