Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Tumori: calano in Italia, ma attenzione ancora alta. Ecco i dati dell’Associazione Italiana Registro Tumori (Airtum)

E’ del 12% in meno tra gli uomini e del 6% in meno tra le donne il trend negativo che caratterizza le morti per tumore in Italia. In aumento sono le diagnosi, mentre il Sud, in cui prima si registravano meno casi, si va pian piano riallineando al Nord. A fotografare la situazione italiana e’ stata l’Associazione Italiana Registri Tumori (Airtum) che ha aggiornato al periodo 1998-2005 i dati sull’andamento dell’incidenza e della mortalita’ per patologia tumorale nel nostro Paese. Il documento e’ stato pubblicato sulla rivista Epidemiologia & Prevenzione, la rivista dell’Associazione Italiana di Epidemiologia. La riduzione della mortalita’ riguarda, per entrambi i sessi, il tumore allo stomaco, al retto, al fegato e i linfomi non Hodgkin. Tra i soli uomini, invece, diminuiscono i decessi per il cancro della prostata, le leucemie e per i tumori legati al tabagismo; mentre tra le donne, la mortalita’ si riduce per i tumori del colon, dell’osso e della mammella. ”A fronte della riduzione – ha spiegato Emanuele Crocetti, epidemiologo dell’Ispo (Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica) di Firenze, coordinatore del Rapporto – c’e’ un aumento di mortalita’ per il tumore del polmone tra le donne (da 13,1 decessi su 100.000 donne nel 1998 a 14,2 nel 2005) e per il melanoma tra gli uomini (2,4/100.000 nel 1998, 2,7/100.00 nel 2005). Un effetto dovuto all’aumento dei casi senza un contemporaneo miglioramento della terapia”. Questo aumento dei casi segnalati sarebbe dovuto, secondo Crocetti, ”a un aumento dell’esposizione a fattori cancerogeni, ma anche al miglioramento delle campagne di screening e diagnosi precoce”. Dal rapporto e’ emerso anche che le regioni meridionali, storicamente piu’ protette nei confronti delle malattie tumorali, continuano a perdere il loro vantaggio nei confronti del resto d’Italia. ”Si tratta di un processo – ha spiegato l’epidemiologo – dovuto alla perdita di una maggiore presenza di fattori protettivi come la dieta e a una minore diffusione di fattori cancerogeni”. Infine, nel confronto internazionale, i miglioramenti ottenuti in termini di mortalita’ pongono l’Italia al livello dei Paesi occidentali piu’ avanzati.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 7149 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:22 ram:37714256