Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Trovato morto con coltello nel petto, fratello indagato

C’è un indagato nella vicenda di Luigi Giovagnoni, l’anziano di 81 anni trovato morto con un coltello nel petto lo scorso 2 gennaio. Si tratta del fratello minore Carlo, di 78 anni. Il pensionato era sul letto del proprio appartamento alla periferia di Bologna, supino, e a dare l’allarme era stato proprio il fratello che aveva poi riferito di essere entrato per portare la spesa. L’iscrizione “è un atto a garanzia del soggetto”, ha spiegato il procuratore aggiunto Valter Giovannini, delegato ai rapporti con la stampa. L’autopsia non ha sciolto i dubbi e ci sono alcune circostanze che hanno indotto gli inquirenti, che procedono con grande cautela, ad andare avanti negli accertamenti con un’iscrizione, a tutela dell’interessato. Ad esempio il fatto che, forse per l’agitazione, prima dell’arrivo della polizia il 78enne aveva estratto il coltello e ripulito la camera. Inoltre, insieme ad una sorella residente in un’altra regione a cui andrà metà dell’appartamento, risulta che Carlo sia stato nominato da Luigi come erede, in un testamento olografo, depositato da un notaio e che gli inquirenti hanno acquisito. A lui andrà l’altra metà della casa e il resto dei beni del deceduto, sui quali sono in corso accertamenti. Nelle ultime ore la squadra mobile, il pm Augusto Borghini titolare dell’indagine, il procuratore aggiunto e il consulente medico legale Antonio Iesurum si sono incontrati per un confronto. Saranno importanti, anche se forse non risolutivi per definire l’eventuale crimine, gli esiti degli esami istologici, attesi in un paio di settimane: serviranno a capire se al momento dell’estrazione del coltello l’anziano fosse ancora vivo. L’ora della morte sarebbe di poco risalente al ritrovamento da parte del fratello. La ferita, dall’alto verso il basso, viene ritenuta compatibile sia con una lesione auto-inflitta che con un intervento esterno. Carlo Giovagnoni era stato sentito dagli inquirenti quando era ancora persona informata sui fatti. E’ stato accertato, poi, che il fratello aveva alcune migliaia di euro in un conto corrente, mentre dovranno essere aperte due casseforti nell’appartamento, ancora sotto sequestro. A breve la Scientifica utilizzerà il luminol per evidenziare tracce di sangue eventualmente ripulite.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7006 articoli inseriti

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:34 ram:30508088