Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Teatro Comunale Bologna. Sventato lo sciopero sulla prima e ci saranno metal detector all’ingresso


(foto delle prove del Singspiel (foto di Rocco Casaluci)
Dopo aver raggiunto l’intesa che prevede un risparmio sul personale pari a 900.000 euro a fronte di un taglio di almeno 750.000 euro sui costi di produzione del Teatro Comunale di Bologna e sulle consulenze insieme alla promessa che anche il sovrintendente e il direttore generale si riducano lo stipendio, la prima di venerdì 20 Gennaio è salva. I licenziamenti “coatti” sono spariti dal tavolo, ma bisognera” verificare il rispetto dei patti ogni tre mesi e su questo anche Comune e Regione dovranno vigilare. D”ora in poi, in ogni caso, la leva dei costi del lavoro non potra” piu” essere usata in caso di nuove sforbiciate ministeriali, “anche perche” ormai qui a Teatro siamo all”osso”; l’essenza dell’ipotesi di accordo tra direzione e sindacati (Fistel-Cisl, Slc-Cgil, Uilcom-Uil, Fials-Cisal) firmata ieri sera per la Fondazione Teatro comunale di Bologna, dopo un tavolo durato fino alle 22 nell”ambito di una trattativa che si trascina ormai da un anno con una trentina di esuberi.

Così venerdì andrà in scena il “Ratto dal serraglio”, risparmata dallo sciopero delle maestranze saltato dopo la sigla dell’intesa. La novità però, ora riguarda la sicurezza perchè anche per le quattro recite successive, il Teatro Comunale aumenterà le misure all’ingresso, in ragione del contenuto sensibile dell’opera mozartiana messa in scena dal regista austriaco Martin Kusej.
“Anche se il terrorismo può colpire pure a un film dei fratelli Vanzina – ha esemplificato il sovrintendente del Teatro Comunale Nicola Sani – abbiamo deciso di concerto con la Prefettura di incrementare la sicurezza ai varchi”. E così sarà per le repliche successive. L’opera, ambientata in un deserto mediorientale avrebbe molti riferimenti al terrorismo islamico. Nonostante i tagli della rappresentazione originale messa in scena nel 2015 ad Aix-en-Provence, alcune scene come le decapitazioni finali con lo sventolio di bandiere nere dell’Isis sono rimaste. Da qui la decisione di rafforzare le muisure di sicurezza all’ingresso del teatro.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Antonella Zangaro

Autore

Articolo scritto da: | 919 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:32 ram:35148848