Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Serie A: le ultime su Roma-Inter e non solo

La 31ª giornata offre subito il piatto forte con Roma-Inter delle 18. Diversi i dubbi di formazione per Claudio Ranieri e Josè Mourinho.

QUI ROMA — Chi fuori tra Menez, Perrotta e Taddei? In una vigilia in cui è tornato a disposizione Totti, il vero tormento di Ranieri è stato un altro. Totti, infatti, sembra destinato ad andare in panchina. È stato convocato, rivede la luce dopo 42 giorni, ma Ranieri ieri non sembrava intenzionato a buttarlo subito nella mischia. Taddei sembra destinato alla panchina, con il ritorno di Perrotta e la conferma di Menez trequartista. In questo caso, pare più probabile la riproposta del rombo, con Pizarro vertice basso, Perrotta e De Rossi intermedi e il francese dietro Toni e Vucinic. Se invece giocasse Taddei, spazio al 4-2-3-1.

QUI INTER — Sneijder molto più sì che no. Reduce da un’infiammazione all’adduttore, l’olandese ieri ha iniziato la rifinitura con i compagni, ma dopo la parte atletica si è deciso di esentarlo dalle partitelle. Semplice precauzione, perché Sneijder sta bene e con ogni probabilità giocherà dall’inizio. La vera sfida decisiva è però quella contro il Cska, quindi Mou schiererà il trequartista solo se non ci saranno rischi di ricadute. Se cautela sarà, è pronto Pandev, che può completare il tridente con Milito ed Eto’o, ma anche giocare da trequartista, cercando di togliere respiro alla prima fonte di gioco romanista, Pizarro. Pandev però non è al top e non va escluso l’impiego di Stankovic, che potrebbe anche trovare spazio a centrocampo se Mou non volesse rischiare Chivu, rientrato mercoledì dopo uno stop di due mesi e mezzo, e arretrasse Zanetti.

Ecco invece le ultime che riguardano le altre partite del turno.

palermo-bologna — (oggi, ore 20.45)
Palermo – Si avvicina l’esordio in serie A del giovane Marco Calderoni, 21 anni, prelevato dal Piacenza a gennaio (cartellino in comproprietà). Con la rosa ridotta all’osso (Kjaer, Balzaretti e Cavani squalificati, Bresciano e Simplicio infortunati, Mchedlidze fuori rosa) Delio Rossi si affiderà all’entusiasmo del nazionale under 20 sulla fascia sinistra per non stravolgere ruoli naturali ed equilibri di squadra. L’alternativa è spostare Bovo (recuperato) sulla fascia e retrocedere Migliaccio in difesa con l’inserimento di Bertolo (o Blasi) a centrocampo. Per evitare confusione nel momento più delicato della stagione il romagnolo sceglierà probabilmente la prima opzione. In cabina di regia torna Liverani, davanti Hernandez farà coppia con Miccoli (e il Primavera Giovio andrà in panchina). (a.c.)

chievo-parma — (domani, ore 15)
Chievo – Sergio Pellissier potrebbe cambiare col Parma il terzo partner d’attacco in sette giorni. Dopo l’impiego di Bogdani col Catania e di De Paula con l’Udinese, domani probabile che Di Carlo offra una maglia da titolare anche a Granoche, in concorrenza proprio con De Paula. Qualche perplessità anche nel ruolo di mediano davanti alla difesa, dove Rigoni potrebbe tirare il fiato e lasciare il posto a Iori. In difesa cambierà la fascia destra, Sardo è in vantaggio su Frey. Poche alternativa a metà campo, con Di Carlo costretto a chiamare il giovane Alessandro Sbaffo viste le assenze di Marcolini, Pinzi, Bianchi e Hanine.
Parma – Più che probabile il ritorno al 4-3-3 con difesa composta da Zaccardo, Paci, Dellafiore e Castellini. Centrocampo con Morrone, Galloppa e Antonelli . Attacco in cui, attorno alla punta centrale Bojinov, potrebbero muoversi Biabiany e Lanzafame. In alternativa Jimenez a centrocampo e Antonelli nel tridente offensivo. (p.raz.)

fiorentina-udinese — (domani, ore 15)
Udinese – Un problema in più per Pasquale Marino: contro la Fiorentina dovrà rinunciare anche a Floro Flores stoppato dall’influenza, ma il tecnico non rinuncerà al tridente che sarà composto da Sanchez, Di Natale e Pepe. In difesa è confermato che giocherà Ferronetti al posto dell’infortunato Coda.

juventus-atalanta — (domani, ore 15)
Juventus – Ieri notte, davanti alla sede della Juventus, alcuni tifosi juventini hanno protestato distribuendo volantini contro la società. “Vergogna – si legge – via la dirigenza”. Contro l’Atalanta rientrano Legrottaglie, Sissoko e Buffon mentre si fermano Camoranesi e Poulsen. In campo Buffon, Zebina, Legrottaglie, Chiellini, De Ceglie. A centrocampo Sissoko, Melo e Marchisio. Diego trequartista in appoggio a Del Piero e Trezeguet. (a.m.)
Atalanta – Due dubbi per Mutti dopo la rifinitura di stamattina. Anche Guarente infatti è affaticato e proverà soltanto domani, così come Garics che sta comunque meglio. Sono in preallarme De Ascentis e Capelli (g.m.)

livorno-bari — (domani, ore 15)
Livorno – Il Livorno giocherà con il 3-5-2. In conferenza stampa Cosmi ha fatto intendere che ci sarà spazio, in attacco, per la coppia Tavano-Lucarelli. Perticone, alle prese con un noioso torcicollo, figura fra i convocati, ma ha solo il dieci per cento di possibilità di scendere in campo. Fuori causa, per un malanno alla schiena, anche Esposito. Recuperato Di Gennaro, che, tuttavia, partirà dalla panchina. (fa.gio.)

napoli-catania — (domani, ore 15)
Catania – Tre assenze dell’ultima ora costringono il Catania a scelte quasi obbigate, almeno in difesa. Capuano e Alvarez, spesso titolari sulle corsie esterne della retroguardia, sono acciaccati (Alvarez è tormentato da un torcicollo da almeno una settimana) e non sono partiti per il ritiro campagno. Stessa sorte per Carboni, influenzato, costretto a rinunciare per precauzione e in vista del derby di Palermo. Mihajlovic, che in conferenza stampa ha detto di voler conquistare punti salvezza, ha anche ribadito: “Farò scendere in campo i più in forma, senza risparmiare alcun atleta. Mancano quattro lunghezze al traguardo salvezza, mi piacerebbe festeggiare nella successiva partita, il derby interno con il Palermo”. Ecco la lista dei 21 rossazzurri. Portieri: Andujar, Campagnolo, Kosicky. Difensori: Augustyn, Bellusci, Silvestre, Spolli, Terlizzi. Centrocampisti: Barrientos, Biagianti, Delvecchio, Izco, Ledesma, Moretti, Ricchiuti, Sciacca. Attaccanti: Martinez, Mascara, Maxi Lopez, Morimoto, Russo. (g.f.)

Sampdoria-Cagliari — (domani, ore 15)
Sampdoria – Blucerchiati in campo nel pomeriggio per la rifinitura, ma giochi praticamente fatti. In attacco, conferma per la coppia Cassano-Pazzini. Torna Lucchini in difesa. Rossi indisponibile, ma Cacciatore dovrebbe andare in panchina. (f.g.)
Cagliari – Dopo Bergamo, hanno alzato bandiera bianca Lazzari e Jeda. Non bastasse, dopo la rifinitura di questa mattina ha disfatto le valigie anche Cossu, bloccato da un affaticamento muscolare. E così contro la Samp si vedrà un Cagliari mai visto. Se in difesa, davanti a Marchetti ci sarà una linea quasi titolare, con Canini, Lopez, Astori e Agostini, a centrocampo, con Biondini e Conti, spazio a Barone. Davanti, poi, sarà Nainggolan a coprire il ruolo di trequartista alle spalle di Matri e Larrivey, leggermente favorito su Nenè. In panchina, poi, diversi giovani. (a. ma.)

siena-genoa — (domani, ore 15)
Siena – Alberto Malesani non potrà contare su Ekdal alle prese con una tendinite al tibiale posteriore della gamba destra, torna invece a disposizione Malagò. Il dubbio tattico del tecnico del Siena è schierare Codrea davanti alla difesa nel 4-1-4-1 oppure giocare con Larrondo dall’inizio e schierare il Siena secondo lo schema tattico 4-2-3-1. Maccarone, Ghezzal, Reginaldo dovrebbero far parte in ogni caso dell’undici titolare. Probabile ritorno, infine, della difesa a quattro, dopo quella a tre utilizzata all’inizio della gara con la Lazio. (a.l.)
Genoa – Gasperini convoca anche tre Primavera per la partita di Siena: Terigi, Lazarevic e il 17enne ghanese Boakye. L’allenatore rossoblù deve fare i conti, come al solito, tra infortuni e squalifiche: scelte obbligate in difesa, a centrocampo ballottaggio Kharja–Juric, con il primo leggermente favorito, anche se il croato potrebbe giocarsela pure con Zapater. In avanti spazio ancora a Sculli al centro dell’attacco, con Suazo che parte dalla panchina. (g.rem.)

milan-lazio — (domani, ore 20.45)
Milan – In attesa di risolvere i dubbi in attacco, Leonardo perde Abbiati: il portiere è alle prese con una tendinite dovuta all’anno di inattività. Con la Lazio ci sarà Dida.
Lazio – Reja non intende modificare l’assetto tecnico, ma dice: “In avanti, con Floccari recuperato, devo fare ancora delle valutazioni. Ho cinque attaccanti con caratteristiche diverse, deciderò domani mattina”. Nell’allenamento di questa mattina il tecnico ha provato la coppia Rocchi-Floccari, ma potrebbe comunque scegliere di far partire l’ex genoano (reduce da una contrattura) dalla panchina.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Maurizio Rizzi

Autore

Articolo scritto da: | 1339 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:28 ram:35243256