Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Se ce l’ha fatta Rio… rispunta il progetto Olimpiadi 2020 in Romagna

OLIMPIADI IN TESTASe ce l’ha fatta Rio de Janeiro contro la fortissima candidatura di Chicago “sponsorizzata” da Obama, perché non crederci davvero nella possibilità di ospitare le Olimpiadi del 2020 in Romana? Con questa domanda provocatoria rispunta l’idea, lanciata già un anno fa, di candidare l’Emilia Romagna ed in particolare la riviera romagnola per ospitare i “Giochi” del 2020. Un’idea sorta ad un gruppo di imprenditori locali durante le Olimpiadi di Pechino, e trasformata subito in un Comitato Promotore, con tanto di sito (www.romagna2020.com). Il primo portavoce del Comitato è stato l’imprenditore Ubaldo Marra, che, ha precisato, si spende per questo progetto come un privato cittadino “che ci crede”, e non come presidente di E Bus né come politico.
Per portare avanti il progetto della “Romagna Olimpica” bisognerà prima trattare e coordinarsi con altre forti candidate italiane, Venezia e Roma, che stanno vagliando anch’esse l’ipotesi di diventare sedi dei Giochi. La Romagna, che è in una posizione geografica di baricentro fra le due città, potrebbe anche mettere d’accordo tutti quanti e rappresentare una soluzione unitaria per una forte candidatura italiana.
Sarà ovviamente il Coni – il Comitato Olimpico Nazionale – a determinare l’opzione più idonea per una proposta italiana che possa avere caratteristiche convincenti e vincenti sul piano internazionale.
La Romagna, da parte sua, di queste caratteristiche ne ha già parecchie, a cominciare dalla sua impareggiabile capacità ricettiva, dal suo ambiente, dal suo clima, dalla sua storia e dalla sua imprenditorialità.
Le Olimpiadi sarebbero naturalmente anche l’occasione per investire in nuove infrastrutture che poi resterebbero come “arricchimento” permanente del territorio: un nuovo sistema aeroportuale con collegamenti ferroviari moderni (anche ad alta velocità), un ulteriore recupero dell’area portuale di Ravenna, impianti sportivi che in parte esistono già e che dovrebbero essere solamente adeguati (uno stadio da 90mila posti, che potrebbe diventare un impianto “centrale” al servizio di tutte le maggiori società romagnole). Anche la creazione del Villaggio Olimpico da almeno 20mila posti (al di là dell’eventuale utilizzo di soluzioni ricettive già esistenti) potrebbe trasformarsi in un business territoriale (c’è chi pensa di realizzarlo sotto forma di isola o piattaforma artificiale sul mare, con caratteristiche architettoniche ed energetiche eco-compatibili, e con una futura funzione anche di barriera protettiva permanente contro l’erosione delle spiagge. Terminati i Giochi, l’Isola Olimpica potrebbe diventare un’area “porto franco”. Rivivrebbe in forma legale e più strutturata un’esperienza che a Rimini c’è già stata, quella dell’Isola delle Rose, la piattaforma marittima che negli Anni Sessanta dichiarò addirittura la propria indipendenza dallo Stato Italiano (fra mille polemiche che portarono poi alla sua distruzione). Questa volta si tratterebbe di un sogno veramente universale, un sogno che però contiene già molti elementi di realtà, elementi che potrebbero rendere più logico e razionale del previsto “crederci davvero”.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 7150 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:22 ram:37799440