Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Regionali: Bersani ed Errani presentano la lista PD “Faremo una campagna elettorale d’attacco, per smascherare gli effetti speciali di Berlusconi”

“Niente paura”. Bersani sceglie l’Emilia-Romagna, e dopo Vasco Rossi sceglie un altro grande della musica emiliana come Luciano Ligabue, per lanciare il suo messaggio all’Italia per le regionali: la missione del Pd è “disvelare gli effetti speciali” di Berlusconi. E lo fa parlando da Bologna, fissando gli obiettivi e caricando i militanti per fare “una campagna elettorale all’attacco”. Sul palco del capoluogo emiliano, davanti a migliaia di fedelissimi arrivati da tutta la Regione, Bersani gioca in casa come più non si può: gigioneggia, fa battute, ammicca alla platea ricordando anche la sua partecipazione al festival di Sanremo: “Il problema di questo paese è Berlusconi, mica Morgan: è lui che non dovrebbe andare a Sanremo”. Poi dalla musica salta al cinema e invita ad andare da chi Berlusconi l’ha votato per dimostrare di non averne paura e per smascherare gli effetti speciali. “Prendete il caso dell’Aquila – argomenta Bersani – l’Italia pensa che l’Aquila sia a posto, ma se si va là si vede che c’é un numero impressionante di problemi. I riflettori e gli effetti speciali, si sono spostati da un’altra parte: si tratta di un meccanismo che dobbiamo disvelare, è questo meccanismo che ha paralizzato i problemi dell’Italia”. O come la vicenda del provvedimento anticorruzione: “Parlando di questo ddl è come se mettessero il sale nel caffé: avete fatto lo scudo fiscale, i condoni: se andavate a fare un pisolo ce l’avevamo già la legge anticorruzione….”.
Ma la paura, da queste parti, deriva anche dalla scottatura che Bologna ha sofferto per le dimissioni del sindaco Delbono. “Sono vicende che possono lasciare un’ammaccatura e gente un po’ arrabbiata, ma siamo in zone in cui si riesce a distinguere: se c’é un’ombra un sindaco si dimette. C’é comunque un’idea che c’é un altro stile e per questo ci sarà una reazione”. Bersani è della vecchia scuola e crede che l’idea che la sinistra sia migliore non sia passata di moda. “Con quale coraggio – arringa la folla – questi qua alzano il dito verso di noi, cosa fanno di meglio e di più di quello che facciamo noi in una regione come questa? Una regione che con il governo di Vasco Errani ha raggiunto livelli di eccellenza”.
Sull’Emilia-Romagna, nel Pd, nemmeno i più pessimisti pensano di perdere. Ma l’esito delle regionali sarà decisivo per il futuro del Pd, anche perché ci saranno tre anni senza elezioni, uno scenario assolutamente inedito per l’Italia. E Bersani non se lo nasconde. “La destra – continua – ha pensato di metterci al minimo e fare tre anni di galoppata verso una trasformazione esplicita della nostra democrazia. Ma hanno fatto i conti senza l’oste: adesso siamo sulla griglia di partenza ben piazzati, scaldiamo i motori e quando li abbiamo accesi vi accorgerete che spingono più di quello che noi pensiamo”. L’importante è non avere paura. (di Leonardo Nesti – Ansa)

.
ERRANI, “FAREMO PAGARE ALLA DESTRA IL NON VOTO A BOLOGNA”

“Ora non vogliono votare. Ma sono convinto che pagheranno un prezzo alto. Glielo faremo pagare”. Lo ha previsto il presidente della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani, durante il discorso che ha tenuto a Bologna nella serata di lancio della sua campagna elettorali per le Regionali, riferendosi alla città commissariata. “Ogni discorso che faremo inizierà così: fate votare i bolognesi. Fategli scegliere il loro sindaco”. Errani ha ribadito il concetto per cui Flavio Delbono “con le dimissioni ha fatto un gesto di responsabilità e una cosa giusta”. Al centrodestra ha detto: “Dateci una legge e noi siamo pronti a votarla. Una legge che renda i cittadini di Bologna liberi di scegliersi un sindaco”. (ANSA).

BERSANI, “E’ UN DELITTO NON AVER CONSENTITO LE ELEZIONI”

Non consentire a Bologna di anticipare la data del voto è “un delitto ingiustificabile, c’é un limite a tutto, anche ai pretesti di tipo politico”, secondo il segretario del Pd Pier Luigi Bersani, che ha contestato così la decisione del Pdl che in Parlamento si è opposto ad una legge per consentire alla città di tornare alle urne entro l’estate dopo le dimissioni di Flavio Delbono. “Ho sentito dire da Cicchitto – ha detto Bersani – che Bologna è una città come le altre: questo, a suo gusto, è una cosa che può dire, ma non si chiedono cose eccezionali, si chiede solo di ripristinare il turno elettorale che c’era e che é stato tolto in via eccezionale. Per consentire cioé a Bologna e a qualche altro Comune di andare a votare: quindi sono loro che se non lo fanno, fanno una cosa anormale. E questa è una vergogna. Voglio credere che ci ripensino, noi comunque insisteremo”. Bersani è tornato anche a commentare le dimissioni di Delbono: “Sono vicende che possono lasciare un’ammaccatura e gente un po’ arrabbiata – ha detto – ma siamo in zone in cui si riesce a distinguere: se c’é un’ombra un sindaco si dimette. C’é comunque un’idea che c’é un altro stile e per questo ci sarà una reazione. Adesso c’é un commissario, che fa il suo mestiere, e per questioni normative e di stile ha un’operatività limitata: per questo credo che in un momento così difficile per l’economia non consentire che Bologna vada rapidamente a darsi un’amministrazione sarebbe veramente un delitto ingiustificabile”. (ANSA).

.
BONACCINI, “NON C’E’ QUESTIONE MORALE IN EMILIA-ROMAGNA”

“Voglio dirlo con nettezza. Non c’é nessuna questione morale nel Pd in Emilia-Romagna”. Lo ha sostenuto il segretario regionale dei Democratici Stefano Bonaccini, nel suo intervento al lancio della campagna elettorale di Vasco Errani. “Voglio dirlo – ha proseguito – soprattutto a quei dirigenti locali che dedicano tempo al partito e al bene della comunità, rubandolo agli affetti”. Ha poi invitato gli esponenti del suo partito ad avere “una sobrietà nei comportamenti e negli atteggiamenti, che deve essere una cifra. Lo dico in ricordo di Benigno Zaccagnini, di cui ricorrono 10 anni dalla morte e di Renzo Imbeni, della cui scomparsa abbiamo appena ricordato il quinto anniversario”. Bonaccini, a margine del convegno, ha risposto ai cronisti sull’esposto presentato da Enzo Raisi, deputato e coordinatore provinciale del Pdl, che contesta la legittimità del terzo mandato di Errani. “Fossi in Raisi – ha detto – penserei a far crescere quello che i sondaggi assegnano al suo partito. Noi ci affidiamo al voto reale. Vincerà chi prenderà più voti”.

.
ERRANI, “NON PRENDIAMO LEZIONI ETICA DA ‘QUESTI SIGNORI’”

“Non abbiamo nulla da temere sulla questione morale. Non prendiamo lezioni di etica e moralità da ‘questi signori'”. Lo ha scandito Vasco Errani, presidente della Regione Emilia-Romagna, nella serata di lancio, a Bologna, della sua campagna elettorale, con il segretario nazionale del Pd, Pierluigi Bersani. “Non perché siamo geneticamente diversi dalla destra, ma perché abbiamo comportamenti diversi”, ha spiegato Errani. Aveva appena annunciato alla folta platea del palazzo dei congressi l’impegno di “ridurre di un ulteriore 20% le spese di rappresentanza, per le missioni e per le consulenze”. E la volontà “anche attraverso internet di rendere trasparente e controllabile ogni nostro atto”. L’obiettivo, per il presidente candidato ad un terzo mandato in “é quello di farci percepire come persone vere e non di plastica. Un esempio che ci viene dalla destra, un prodotto chimico e altamente tossico”. Errani ha ribadito che se nella vicenda giudiziaria dell’ex sindaco di Bologna Flavio Delbono, al tempo dei fatti contestati suo vice “emergeranno delle irregolarità, la Regione si costituirà parte lesa”. Sulla “sobrieta”, ha aggiunto “non ho bisogno che nessuno mi tiri per la giacca. Chi mi conosce lo sa. Non a caso ho dato mandato agli uffici di rivisitare il sistema dei controlli”. (ANSA).

.
BERSANI, “SUI PM TALEBANI SI SRAGIONA. ALLE REGIONALI I CITTADINI DICANO BASTA”

Le frasi del premier Berlusconi sui pm talebani? “Penso quello che pensa una persona normale. Ormai siamo alle sparate, si sragiona. E’ preoccupante, sono frasi inaccettabili”. Così ha risposto alle domande dei cronisti il segretario del Pd Pier Luigi Bersani, che questa mattina a Faenza, nel Ravennate, si è recato ai cancelli della Omsa e ha incontrato il presidio permanente che da gennaio è stato costituito dai lavoratori contro i licenziamenti annunciati dall’azienda. “Dire che ormai ci siamo abituati, no – ha aggiunto Bersani – perché restano inaccettabili. Credo che veramente gli italiani debbano cominciare a pensare come andare oltre questa fase. Noi non possiamo essere tutti i giorni dentro a questa vicenda. Abbiamo un sacco di problemi, siamo davanti a fabbriche che chiudono. Non possiamo parlare sempre di Berlusconi e delle sue beghe coi magistrati. E questa – ha ripetuto il segretario Pd – è una responsabilità che lui porta: mettere sempre al centro se stesso e le sue questioni”. Bersani ha ricordato che “c’é un appuntamento elettorale. Non chiedo che il governo venga mandato a casa, ma chiedo che i cittadini mandino una letterina al governo per dire basta, cerchiamo di occuparci dei problemi nostri”. (ANSA).


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 7150 articoli inseriti

Un Commento in “Regionali: Bersani ed Errani presentano la lista PD “Faremo una campagna elettorale d’attacco, per smascherare gli effetti speciali di Berlusconi””

  • Stella scritto il 28 febbraio 2010 pmdomenicaSundayEurope/Rome 13:47

    La scelta e stata sua di dare le sue dimensioni il sindaco del Bono ma credo la gente di Bologna non avrebbe contestato la vicenda se avesse voluto rimanere,comunque vadano le
    cose penso il popolodi Bologna,tra l’altro mi permetto di salutare una persona ex P, del PD
    Romano Prodi,torno al discorso i bolognesi andranno al voto per una scelta di un sindaco.
    Certo adesso sono momenti delicatissimi perchè ci sono l’elezioni regionali per tutti!!!

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:35 ram:37865248