Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Referendum: a Bologna si moltiplicano le polemiche

“La costituzione riconosce espressamente l’istruzione e l’educazione quali diritti fondamentali della singola persona umana, prescindendo dalla natura dei soggetti erogatori del servizio”. Questo un passaggio della lettera pubblicata oggi sul Corriere della Sera con cui Pier Ferdinando Casini interviene sul referendum di domenica a Bologna dove i cittadini sono chiamati a esprimersi sul mantenere o meno il finanziamento comunale alle scuole materne paritarie. Con il suo intervento Casini, favorevole al mantenimento del sistema delle convenzioni, intende rispondere a Stefano Rodotà, presidente onorario del Nuovo Comitato Articolo 33, che ieri sullo stesso quotidiano aveva spiegato che ad aver ispirato il referendum è stato proprio il rispetto della Costituzione. Intanto a Bologna il clima è sempre più rovente e la maggioranza di centro sinistra rischia di spaccarsi. PD e Sel appaiono sull’orlo del divorzio. “ Il sindaco vuole forse sbatterci fuori? Pensa a un governissimo con il PDL anche qui?” domanda provocatoriamente il consigliere regionale di Sel, Gian Guido Naldi. Parole che arrivano pochi giorni dopo allo scontro tra il primo cittadino e Nichi Vendola il cui sostegno ai referendari era stato bollato come “vergognoso”. Da parte sua il sindaco in un intervista a Sussidiario.net ha puntato il dito contro “chi pensa di approfittare di questa occasione per colpire ulteriormente il Pd”. Se il fronte referendario, che chiede l’abolizione dei fondi comunali alle materne convenzionate, e è appoggiato da Sel e 5 stelle, i sostenitori del B possono contare sul’ appoggio del Pd,del centrodestra, della curia e di tante realtà ad essa legate. Ultimo in ordine di tempo è arrivato il sostegno di Unindustria che vede “in un sistema scolastico integrato” la ricetta per “avere una qualità educativa diffusa”.
La polemica ha investito anche la cronaca. “Succede nelle scuole private cattoliche…” ha scritto su facebook l’attivista referendario Maurizio Cecconi, commentando la vicenda di suor Stefania, preside dell’Istituto Maestre Pie, condannata a 24 giorni di permanenza ai domiciliari dopo che un alunno della scuola si è lanciato dalla finestra del suo ufficio rimanendo invalido. “ La vicenda non è in alcun modo in relazione al referendum è quanto riportato è solo una mia personale opinione” ha poi precisato Cecconi dopo che la sua affermazione aveva scatenato reazioni indignate anche da parte dei referendari.
Intanto resta altissima la tensione intorno al finale della campagna. Il 24 in piazza Maggiore sarà la volta del fronte referendario che porterà sul Crescentone anche Moni Ovadia. Sabato 25, invece, in piazza ci sarà chiusura del campagna del fronte del B. Una scelta quella di chiudere la campagna di sabato che secondo i sindacati Usb non rispetta il tradizionale, anche se non previsto dal regolamento comunale, silenzio elettorale e che dunque ha lanciato una contromanifestazione che dovrebbe partire nelle stesse ore da Piazza San Francesco. Annuncio che ha spinto i vertici del comitato per la B a chiedere ad Articolo 33 “di dissociarsi” dall’iniziativa.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7010 articoli inseriti

Un Commento in “Referendum: a Bologna si moltiplicano le polemiche”

Trackbacks

  1. Fiom: «Merola tira dritto?Ora Sel deve scegliere» – Corriere della Sera | Sindacato UNSIAU

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:37 ram:30520968