Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Pubblicato il rapporto macrosismico dell’ INGV, Cavezzo il paese più distrutto dal terremoto

É stato Cavezzo il paese più distrutto dal sisma. Il primato è stato stabilito dal Rapporto Macrosismico sui terremoti del 20 e 29 maggio pubblicato dall’INGV. L’indagine è stata condotta osservando soprattutto i danni visibili subiti dagli edifici civili.
Cavezzo, dove sono collassati degli edifici in cemento armato, è stato classificato con un indice pari a 8, Concordia, Mirandola, Novi e Rovereto con un indice tra 7 e 8, mentre a Finale Emilia e San Felice è stato attribuito un indice 7, a Crevalcore 6-7 e a Sant’Agostino 6.
L’INGV sottolinea che la forte scossa delle 4.03 del 20 maggio ha dato inizio ad una lunga sequenza sismica proseguita con oltre 2200 repliche, le più forti delle quali sono state registrate alle 9 e alle 12.55 del 29 maggio. Scosse queste che hanno fatto registrare uno spostamento verso Ovest dell’epicentro con un conseguente allargamento dell’area di massimo danneggiamento che ha reso necessario il continuo aggiornamento del rilievo dei danni.
La zona colpita dal terremoto – sottolineano gli estensori del rapporto – è caratterizzata da una modesta sismicità storica, i cataloghi sismici, infatti, riportano come evento significativo solo il forte terremoto registrato nel ferrarese il 17 novembre del 1570, per il quale è stata calcolata una magnitudo inferiore a quella delle scosse di maggio, a cui si deve aggiungere quello segnalato a Finale Emilia il 6 aprile del 1639.
Le cause principali dei danni all’edilizia civile sembrano essere state le scosse del 29 maggio, un dato legato, probabilmente alla maggiore vicinanza dell’epicentro ai centri abitati rispetto alla prima forte scossa..
Le costruzioni recenti hanno generalmente sofferto in modo contenuto e i danni più gravi e diffusi sono stati individuati nei centri storici. I crolli – sottolinea il rapporto – hanno riguardato soprattutto edifici precedenti alla seconda guerra mondiale, edifici caratterizzati dalla quasi totale assenza di elementi di collegamento e rinforzo tra le varie parti strutturali, accorgimenti che non sembrano appartenere alla tradizione costruttiva dell’area colpita. Inoltre, la maggior parte dei crolli totali ha riguardato capannoni industriali, cascinali e fienili e l’edilizia monumentale. Quest’ultima ha riportato danni gravissimi per quanto riguarda chiese, torri e campanili, edifici in mattoni non rinforzati da catene.
Lo studio dell’INGV è stato pubblicato mentre in Emilia continua il cammino verso la normalità e sono sempre di più coloro che stanno facendo ritorno nelle loro case. Ritorno auspicato dalle amministrazioni che hanno emanato diverse ordinanze per accelerare il ritorno tra le mura domestiche di coloro che dispongono di un’abitazione agibile. Nei prossimi giorni dovrebbero essere smantellate 4 tendopoli a Finale Emilia, San Felice, Cavezzo e San Possidonio. Il possibile ripetersi di nuove scosse fa ora un po’ meno paura ed è anche per questo che in tanti hanno storto il naso davanti all’annullamento del concerto di Anastacia, in programma domani a Bologna, motivato dallo staff della pop star inglese dalle scosse registrate nei giorni scorsi. Scosse che sembrano non avere però nulla di diverso dallo sciame sismico.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 7149 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:22 ram:37736464