Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Processo al Forteto: parla un sacerdote bolognese: “Lì avevo una donna e in Curia lo sapevano”

“Alla comunità del Forteto avevo una donna e in Curia lo sapevano”. Sono le rivelazioni che Don Stefano Benuzzi, docente di religione al liceo Copernico e officiante Messa nella parrocchia della Madonna del Lavoro di via Murri, ha fatto durante il processo sul Forteto, la comunità del Mugello per giovani disagiati, sotto inchiesta per abusi sessuali.

Un sacerdote sui generis Don Stefano Benuzzi, qualcuno direbbe alternativo. Non anomalo incontrarlo per concerti a Bologna e sempre in mezzo ai giovani. Classe 1969, insegnante di religione al Copernico e per sei anni parroco della chiesa di Sant’Ambrogio di Villanova di Castenaso, che lasciò senza dare spiegazioni nel 2012.
rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_tg_prete_forteto_20140225.mp4
Ora il nome di Don Benuzzi riempie le pagine dei giornali, dopo le rivelazioni choc fatte a Firenze nel processo a Rodolfo Fiesoli, il guru fondatore del Forteto, la comunità del Mugello per minori in difficoltà, sotto inchiesta per presunti abusi sessuali commessi sugli ospiti. Il processo vede imputate 23 persone per maltrattamenti, tra cui il ‘profeta’ Fiesoli, 71 anni, accusato anche di violenza sessuale. Ma veniamo alle rivelazioni choc. Don Benuzzi, che aveva cominciato a frequentare la comunità nel 2004, veniva chiamato ‘priore’. “Confidai a Rodolfo la relazione sessuale che avevo con una ragazza di nome Lucia – ha spiegato durante il processo – non rimase colpito anzi mi disse di stare tranquillo e che prima o poi avrei scelto tra il ruolo di prelato e il rapporto con lei. I miei superiori sapevano, li informai durante una visita pastorale”. Dunque secondo Don Benuzzi anche vescovi e cardinali sapevano. E poi ancora: “Fiesoli mi diede un bacio in bocca profondo, ma era casto e puro. Insegnavo religione al liceo e andai lì più volte con studenti e sacerdoti perché si rendessero conto della sua interpretazione del Vangelo”. Pare che due liceali bolognesi decisero di fermarsi in comunità. Nel 2010 Don Benuzzi venne a sapere che il padre di uno presentò un esposto. Don Stefano ha ammesso anche di aver avuto accesso alle “segrete stanze” dove avvenivano le confessioni pubbliche delle fantasie sessuali degli ospiti, stimolati dal Guru. Poi prese le distanze qualche anno fa, perché Fiesoli “si avvicinava troppo agli ospiti”, per l’accusa imponeva loro rapporti omosessuali e punizioni fisiche. La cooperativa il Forteto aveva all’attivo un fatturato di 15 milioni di euro all’anno, parte dei quali frutto dei finanziamenti erogati dalla Regione Toscana.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 906 articoli inseriti

Un Commento in “Processo al Forteto: parla un sacerdote bolognese: “Lì avevo una donna e in Curia lo sapevano””

  • simona scritto il 26 febbraio 2014 pmmercoledìWednesdayEurope/Rome 13:42

    Bella roba!

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:35 ram:30604208