Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Potrebbero arrivare in Emilia tre detenuti di Guantanamo

guantanamoC’è anche il carcere di Parma fra le possibili destinazioni di tre detenuti di Guantanamo che in base all’intesa raggiunta fra gli USA e l’Italia potrebbero terminare di scontare la loro pena nel nostro paese.
L’operazione fa parte del più vasto piano con cui l’amministrazione Obama sta tentando di chiudere, come aveva promesso, la discussa prigione di Guantanamo, operazione che richiede però anche il concorso di altri paesi, come appunto l’Italia.
I tre detenuti destinati ad essere affidati al sistema carcerario italiano, sarebbero tre tunisini che hanno un procedimento penale pendente nel nostro paese. I loro nomi sono Riad Nasri, Moez Fezzani e Abdul Mohammed bin Ourgy.
Il trasferimento sarà operativo non appena il nostro ministro Alfano e il General Attorney americano, Eric Holder, firmeranno ufficialmente il protocollo d’intesa, sulla base delle modalità tecniche già concordate. Tali firme potrebbero essere scambiate subito dopo Ferragosto. L’arrivo effettivo dei tre detenuti in Italia verrebbe quindi perfezionato entro la fine del 2009.
La scelta del carcere in cui verranno “ospitati” i tre tunisini, considerati pericolosi terroristi islamici, verrà effettuata dall’Amministrazione Penitenziaria, Dipartimento centrale. Potrebbe essere scelto un penitenziario in Emilia Romagna, si pensa a quello di Parma. Ma si ipotizzano anche altre destinazioni: Voghera e Milano. Il carcere in cui è rinchiuso il maggior numero di sospetti terroristi islamici, è attualmente quello sardo di Macomer. Sono 25 i detenuti con questa imputazione che si trovano attualmente fra le sue mura. Di fatto il regime carcerario al quale saranno sottoposti nel nostro paese sarà quello definito “Alta Sicurezza 2”, creato ad hoc per i casi di terrorismo e di eversione, sia per detenuti in fase di giudizio, che per detenuti già con condanna definitiva. I tre “reduci” da Guantanamo non potranno entrare in contatto con altri categorie di detenuti particolarmente pericolose, come ad esempio i condannati per mafia; finiranno in celle da due o più posti; avranno diritto a otto colloqui mensili di un’ora. In alternativa ai colloqui potranno fare o ricevere altrettante telefonate.
Per consentire questo trasferimento, è stata creata una nuova convenzione giuridica ad hoc, specifica per l’accoglimento degli indagati e dei condannati per terrorismo provenienti da Guantanamo. Non si tratterà infatti di una vera e propria estradizione, ma piuttosto di una specie di deferimento giudiziario; saranno cioè “affidati” all’Italia solo quanti, fra i detenuti di Guantanamo, abbiano pendenze giudiziarie nel nostre paese, od imputazioni relativi ad attività terroristiche svolte in Italia, o tramite contatti con cittadini italiani, e per questo possano essere perseguiti e giudicati dalla nostra magistratura. In fase di definizione dell’accordo erano state prese in esame anche le posizioni di altri quindici detenuti di Guantanamo, ma nessuno di loro risultava colpito da mandato di cattura o oggetto di indagini nel nostro Paese.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 7149 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:30 ram:37735200