Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Portate dalla Nigeria a Bologna e costrette a prostituirsi

Dalla Nigeria facevano giungere illegalmente le ragazze a Bologna per poi costringerle a prostituirsi. La Squadra mobile della Polizia di Bologna ha smantellato un’organizzazione dedita allo sfruttamento e prostituzione di giovani donne. Tre ordinanze di custodia cautelare in carcere sono state eseguite nei confronti di nigeriani accusati di prostituzione minorile, reclutamento, induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. In manette sono finite due sorelle di 23 e 35 anni e un uomo di 38 anni, tutti nigeriani. L’indagine ha anche permesso di ricostruire il viaggio effettuato dalle donne dal luogo di origine a Bologna. Tutto è partito dalla denuncia di una delle loro vittime, oggi 20enne ma ancora minorenne al momento del suo arrivo in Italia nel settembre del 2015. Ai poliziotti la ragazza ha spiegato, nelle denunce presentate tra fine maggio e giugno del 2017, che nel luglio del 2015 il capo dell’organizzazione si era presentato dalla sua famiglia in Nigeria, proponendo alla madre di mandarla in Italia, dove avrebbe lavorato come collaboratrice domestica per una famiglia nigeriana. La ragazza è arrivata in Sicilia in gommone, dopo un viaggio della speranza attraverso la Libia dove le persone dormivano ammassate in capannoni con condizioni igieniche pessime. Una volta giunta in provincia di Bologna è cominciata la prostituzione: in due anni di lavoro la giovane ha portato 29mila euro nelle tasche dei suoi aguzzini. Quando però i suoi sfruttatori hanno cercato di imporle di lavorare anche di notte, lei si è ribellata e, nonostante le minacce di ritorsioni nei confronti della sua famiglia in Nigeria, ha smesso di prostituirsi e si è rivolta alla onlus ‘L’albero di Cirene’, andando poi a raccontare la sua storia alla Polizia. Le indagini hanno portato all’arresto dei tre complici. Le due sorelle si trovano nel carcere di Modena, mentre l’uomo è stato preso in Calabria ed è rinchiuso nel carcere di Castrovillari, in provincia di Cosenza.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 1067 articoli inseriti

Copyright © 2018 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:23 ram:38197760