Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: redazione@telesanterno.com
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Pedrelli: “Mi aspettavo il ritorno di Cazzola. Col Napoli 4000 mila bambini allo stadio”

Direttore, com’è il clima in casa Bologna in vista della gara di domani con il Brescia?
Il clima è il solito dei prepartita in campionato. Ci avviciniamo a una partita importante e c’è la giusta tensione emotiva.

Tra i tifosi non sembra regnare molto ottimismo e il Brescia viene visto nettamente favorito. Lei è ottimista sull’impegno di domani?
Io quest’anno ho vissuto diverse trasferte in cui la squadra che ci ospitava era nettamente favorita, e qualche volta ci siamo tolti delle belle soddisfazione. Va benissimo che ci diano per sfavoriti.

Qual è il suo obiettivo per il proseguo del campionato del Bologna?
In tutta sincerità, l’obiettivo che ci eravamo prefissati l’abbiamo raggiunto. Quindi in questo momento non è nemmeno giusto dire quale sarebbe la speranza, perché si rischia di mettere ulteriori pressioni a un gruppo che ha dimostrato di fare bene anche senza la necessità che gli venisse imposto qualcosa. Spero di andare avanti e di togliermi qualche altra soddisfazione: smentire chi ci dà per perdenti a Brescia sarebbe un ulteriore piacere sportivo in questo campionato. Non metto limiti, ma non metto neppure traguardi obbligatori da raggiungere, perché non sarebbe giusto.

Cosa fa il Bologna per aiutare i tifosi di fuori Regione, che con certe disposizioni non possono seguire la squadra? Un’idea potrebbe essere quella di biglietti omaggio, che non hanno l’obbligo della nominatività?
L’obbligo della nominatività sui biglietti omaggio c’è ugualmente, poi c’è chiaramente un patto d’onore tra noi e il Ministero relativa ai residenti anche in zone dove esistono limitazione che hanno una giustificazione per essere presenti. Faccio l’esempio del papà di Di Vaio, che è di Roma: quando giochiamo contro la Roma o contro la Lazio non mi sento di lasciarlo fuori dallo stadio. E lo stesso discorso vale ad esempio per uno sponsor che ha sede Roma: si tratta di una cosa che ci è concessa in via straordinaria, è un gentlemen agriment che abbiamo con il ministero. C’è un mezzo semplicissimo, che è quello che il Ministero vuole diffondere con queste limitazioni: la tessera del tifoso. Il modo per superare queste limitazioni è la tessera del tifoso, per cui i titolari non soggiacciono più a nessuna limitazione imposta.

E’ un’idea fattibile quella di dare i biglietti che vi rimangono della curva Costa ai gruppi della tifoseria che hanno sempre sostenuto la squadra con grandi risultati e senza chiedere niente?
C’è un regolamento che ce lo vieta: non possiamo intrattenere rapporti di natura economica con i rappresentanti della tifoseria ultrà. E poi ci si aprirebbe la diatriba su chi merita di più e chi merita di meno, e ci andremmo ad infilare in un ginepraio. Noi cerchiamo di agevolare gli abbonati quando abbiamo delle iniziative, perché sono i nostri primi sostenitori. Sappiamo allo stesso modo che quest’anno, per una questione di principio, alcuni sostenitori della curva non hanno potuto o non hanno voluto fare l’abbonamento per l’aspetto della tessera del tifoso: speriamo che questo discorso venga superato, perché comunque è stato dimostrato che alla fine la tessera del tifoso, rispetto alla nominatività del biglietto, non appone nessuna schedatura in più. La nostra è una delle poche squadre che aprioristicamente non era favorevole, perché la ritenevamo la duplicazione di un meccanismo già esistente. A questo punto, avendolo adottato e avendo visto che, al di là dell’aspetto di principio, non comporta particolari oneri per nessuno, riteniamo che per il prossimo anno possa essere accolto in maniera migliore di come non sia stata accolta quest’anno e stiamo lavorando in quest’ottica anche noi, come le altre società, su richiesta esplicita del Ministero degli Interni.

In occasione della partita con il Napoli ci saranno iniziative simili a quelle che c’erano state contro il Cagliari?
Per evitare cose che arrechino sia agli abbonati che alla tifoseria bolognese un danno o una situazione non ottimale, anche su suggerimento della Questura abbiamo previsto di non predisporre iniziative nei confronti dei tifosi “normali”, ma implementeremo di quasi il doppio il discorso per i bambini e cercheremo di portare 3-4mila bambini nei settori dei Distinti. Si tratta di nostri tifosi e di un tipo di tifoseria che è sempre bello avere allo stadio e che non arreca pregiudizi a nessuno: né agli abbonati né a chi compra il biglietto a prezzo piepreno. Su questa partita, oltretutto, la Questura, in accordo con la società, aveva previsto determinate linee guida per la vendita dei biglietti mentre a sorpresa il Casms ha stravolto la situazione, questa volta in maniera ampliativa e non restrittiva come fa di solito, consentendo la vendita in tutte le Regioni per i tifosi partenopei, tranne la Campania.Ci aspettiamo quindi una forte presenza di tifosi del Napoli, come è giusto che sia, ma crediamo di riuscire a mitigarla con il nostro zoccolo duri di tifosi – di tutto rispetto dal punto di vista numerico oltre che della coreografia – e ampliando il numero dei bambini presenti allo stadio. Potremo avere una buona fetta di tifosi rossoblu.

Il nuovo Bologna ha già un’idea sull’aspetto del nuovo stadio? Conoscete il progetto di ristrutturazione del Dall’Ara?
Innanzitutto c’è da aprire un capitolo sul discorso Dall’Ara. Ho visto il progetto solo in maniera sommaria, ho visto il numero finale che mi ha un pochino spaventato e, per il momento, disincentivato dall’approfondire l’argomento perché sarebbe una spesa estremamente onerosa. Il nostro è uno stadio spettacolare, è una fetta di cuore rossoblu, ma bisogna vedere se, nonostante i lavori, sarà uno stadio di soddisfare le sempre maggiori esigenze che vengono richieste, soprattutto a livello europeo. Occorre quindi fare una verifica non solo strutturale, ma anche ad esempio delle zone limitrofe, di un certo numero di parcheggi e della viabilità dedicata solo alla tifoseria ospite. E’ quindi un discorso complesso che non riguarda solo la struttura: sono situazioni attualmente allo studio, ma che ancora non hanno una risposta.

C’è qualche novità in vista riguardo alla Giornata dei tifosi rossoblu di fuori Bologna?
Stiamo prevedendo qualcosa, ma non vorrei anticipare troppo: è comunque una cosa che abbiamo in mente e a cui stiamo lavorando.

Ci sono novitĂ  sui rinnovi contrattuali di Malesani e Longo?
A me dei rinnovi piace parlare quando il contratto è depositato: chi mi conosce, sa che sono sempre quello che tira indietro sulle previsioni. Secondo me dei contratti bisogna parlare una volta che sono stati siglati, prima secondo me è abbastanza sterile affrontare l’argomento.

Qual è la cosa più bella e positiva che Cazzola sta portando al suo rientro in società?
Si è appena ripresentato, per cui non ci ha ancora espresso una pianificazione dettagliata, Avendolo incontrato di recente, direi che l’entusiasmo con cui sta affrontando questa nuova-vecchia avventura rossoblu sia una nota estremamente positiva.

Lei se l’aspettava, il ritorno di Cazzola?
Io me l’aspettavo da tempo, ma avevo tutti segnali che erano contrastanti con questa mia sensazione, per cui aspettavo di verificare se avessi avuto un’illuminazione o meno: e in effetti non c’ero andato lontano.

Ci dobbiamo aspettare altri nuovi soci?
Non ho cognizione di nuovi soci, ma qualora qualcuno volesse partecipare all’avventura rossoblu, non vedo perché precludere l’ingresso a chi la stessa passione per i nostri colori.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Matteo Fogacci

Autore

Articolo scritto da: | 2227 articoli inseriti

Copyright © 2014 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
V.Bonazzi, 51 - 40013 Castel Maggiore (Bo) - tel: 051 63236 - fax 051 714795
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria di Pubblicità Publivideo2 Srl.

q:32 ram:24900072