Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: redazione@telesanterno.com
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Pastorello: “Di Vaio:un futuro da dirigente? Possibile, ma ora è prematuro. Mudingay: per il rinnovo aspettiamo la chiamata del Bologna”

Intervista di Ugo Mencherini e Vittorio Longo Vaschetto a Federico Pastorello, agente Fifa e procuratore tra gli altri di Marco Di Vaio e Gaby Mudingayi, nel corso della trasmissione “Tempi Supplementari” (Telecentro-OdeonTv)

Dottor Pastorello, come sta Di Vaio, attualmente non al 100% ma comunque un giocatore imprescindibile per il Bologna?

Marco ha avuto un inizio di stagione abbastanza difficile. Non tanto dal punto di vista dell’impegno, che è sempre massimo: il problema è che per un attaccante non fare gol è come per un sub finire l’ossigeno. Sta attraversando un momento di difficoltà dovuto fondamentalmente a questo problema. Ma sono convinto che Marco ne uscirà brillantemente e aiuterà il Bologna, come accaduto lo scorso anno, a raggiungere l’obiettivo della salvezza.

Quanto ha influito la vicenda dei pass sulla sua condizione psico-fisica?

Conoscendolo bene, è una persona molto sensibile, attenta a tutto quello che lo circonda al di là del calcio ed è un padre di famiglia. La vicenda penso gli abbia dato molto fastidio: a livello personale, umano e morale non è stato una bella storia, nonostante lui abbia spiegato quello che è successo. Speriamo che la realtà sia ora effettivamente più chiara tutti.

Questa estate c’è mai davvero stato un momento in cui ha pensato di lasciare il Bologna?

Probabilmente non l’ha mai veramente voluto. Sicuramente ci sono stati dei momenti di scoraggiamento: ci siamo sentiti era abbastanza abbattuto e dispiaciuto. Io credo che l’amore per questa maglia e l’attaccamento che ha per i tifosi, che gli hanno dimostrato molto affetto, siano assolutamente imprescindibili per lui. Sono convinto che alla fine sia contento di rimanere dov’è altrimenti avrebbe fatto le valige e sarebbe andato via. E’ rimasto perché, senza ombra di dubbio, era la cosa che lui voleva di più.

Da tempo uno dei tormentoni è che Di Vaio si trovi meglio in campo se gioca da solo in avanti. E’ anche la sua convinzione?

Marco è quel tipico attaccante di razza che effettivamente ha la necessità di gestire gli spazi e la partita nel modo migliore. Quando è stato messo come terminale di gioco unico, lo scorso anno, ha fatto la differenza. E’ un attaccante, e come tale deve essere utilizzato:  sono convinto che Pioli sarà in grado di tirar fuori le qualità di Marco in campo, visto che l’impegno durante la settimana e durante la gara non vengono mai meno. Probabilmente è una questione di correttivi. Il mio pensiero personale è che quando Marco ha la possibilità di essere nell’azione finale, negli ultimi 20-25 metri, è un giocatore straordinario per quantità di gol in base ai palloni che gli arrivano. Lui ha comunque sempre segnato anche con una spalla vicino: probabilmente si tratta solo di trovare i meccanismi giusti per riportarlo al gol.

Quando il presidente era Marco Pavignani, è stato allungato il contratto di Di Vaio con tanto di una mezza promessa verbale per un futuro da dirigente. Può confermarlo?

Non c’è nulla da smentire o da confermare. Il legame tra la società, la città e Marco è stato un argomento di cu si è discusso, proprio in virtù del suo attaccamento alla società e a Bologna. E’ una cosa che non si può escludere, ma non sono stati firmati contratti, anche perché non si può. Oggi Marco è un giocatore e non un dirigente, e tra l’altro non è nemmeno vicino ad esserlo perché è concentrato sulle questioni sportive da atleta.

Se n’è parlato, e c’è stata disponibilità sia da parte della società che di Marco ad approfondire questa eventualità quando i tempi saranno maturi.

Tra i suoi assistiti c’è anche Gaby Mudingayi. Come commenta le voci che vogliono la sua partenza dopo un non rinnovo del contratto?

Gaby ha un contratto che scade tra un anno. E, a parte qualche mal di pancia che risalgono ormai a un paio di anni fa, come si vede ogni domenica si è calato molto nella realtà Bologna. Poi, come ogni giocatore, si vorrebbe giocare per obiettivi diversi rispetto ad una salvezza, ed è un’ambizione che ci può stare ed è condivisibile. Lui, per rendimento, è uno dei migliori in Italia nel suo ruolo ed è normale che ci possano essere interessamenti da parte di vari club. Lui però è a Bologna ed è concentrato su questa stagione: poi si vedrà cosa succede a fine anno.

Una proposta di rinnovo da parte del Bologna è già arrivata?

No, non è stato al momento oggetto di discussione. Probabilmente si aspetterà fine anno e si vedrà lo stato dell’arte: se ci saranno offerte, dove sarà il Bologna e altre cose.

Di fronte a una congrua offerta economica, Mudingayi sarebbe disposto ad allungare il suo contratto con il Bologna?

Con lui non ne abbiamo ancora parlato, visto che ancora non si è discusso di rinnovo con la società e non è arrivata nessuna offerta in tal senso. Io credo che Gaby a Bologna stia molto bene quindi bisognerà vedere i progetti del Bologna e le prospettive che ci sono: ma penso che sia nella situazione mentale per ascoltare eventuali offerte. Però ancora non è stata paventata questa ipotesi.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Matteo Fogacci

Autore

Articolo scritto da: | 2228 articoli inseriti

Copyright © 2014 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
V.Bonazzi, 51 - 40013 Castel Maggiore (Bo) - tel: 051 63236 - fax 051 714795
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria di Pubblicità Publivideo2 Srl.

q:31 ram:24906704