Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Parrucchiere cubano sgozza autista ferrarese: “Ho ucciso papà” dice ai Carabinieri

casumaro-2-300x240Si è scagliato contro l’uomo che dal 2002 lo ospitava a casa sua “come se fosse un figlio”, dopo averlo conosciuto a Cuba un anno prima,colpendolo con almeno cinque fendenti di coltello, di cui uno alla gola.

Un parrucchiere cubano di 32 anni, Batista Santiesteban Lesther Yrankis, ha ucciso così ieri sera alle 23 un autista di 54 anni, Ivan Benuzzi, nella casa di Casumaro, nel Ferrarese, in cui viveva un’altra cubana di 46 anni, da tempo compagna dell’italiano. Ha poi chiamato i carabinieri e confessato: “Ho ucciso mio padre”

Da tempo il giovane centramericano soffriva di disturbi psichici e ieri sera, colto da un raptus – secondo una prima ricostruzione dei carabinieri di Cento, diretti dal capitano Virgillo – ha preso un coltello da cucina, lungo 22 centimetri, ed è andato nella camera da letto dove il cinquantaquattrenne stava riposando.

Batista ha affondato un primo fendente, facendo accorrere la compagna dell’uomo che, vista la terribile scena è scappata, inseguita dall’omicida. L’uomo è poi rientrato in casa per finire a coltellate la vittima, che nel frattempo era riuscita a trascinarsi fin quasi alla porta della camera da letto. E proprio lì Batista ha infierito con altri fendenti che hanno ucciso Benuzzi.

Una volta ucciso il ferrarese, Batista ha chiamato i carabinieri, dicendo semplicemente di andare a casa perché aveva commesso un omicidio: “Ho ucciso papà”.

All’arrivo dei carabinieri della stazione di Casumaro, i militari hanno trovato all’esterno della casa la compagna di Benuzzi, che sconvolta ha raccontato l’accaduto. Poi, una volta entrati in casa, hanno trovato Batista, in bagno, che si stava lavando, e la vittima, a terra, in un lago di sangue.

A quel punto sono intervenuti anche i militari della Compagnia di Cento e del nucleo investigativo del comando provinciale, per cercare di capire il movente del gesto omicida.(ANSA).

Dalle redazione di Telestense-Ferrara: 5 coltellate, una alla gola, poi la doccia per lavarsi dal sangue della sua vittima e la telefonata ai carabinieri per confessare. Un omicidio agghiacciante dal movente ancora oscuro quello compiuto ieri sera da Batista Santiesteban Lesther Yrankis, parrucchiere cubano di 32 anni che dal 2002 era ospitato in Italia da Ivan Benuzzi, autista 54enne originario di Bologna. Da circa due anni Benuzzi, la sua compagna 46enne, anche lei cubana, e il giovane parrucchiere si erano trasferiti in una casa a Casumaro, in via Bondenese. È qui che ieri sera, attorno alle 23, il 32 enne ha dato sfogo alla sua furia. È entrato nella camera da letto dell’autista armato di coltello e lo ha colpito alcune volte. Le grida dell’uomo hanno fatto accorrere la donna che era nell’altra stanza. Vedendola il parrucchiere si è avventato con l’arma anche su di lei ma la 46enne è riuscita a scappare. A quel punto l’omicida è tornato dalla sua vittima, Benuzzi, che nel frattempo si era trascinato vicino all’ingresso, e gli ha sferrato gli ultimi colpi, uno dei quali alla gola. Resosi conto di quanto aveva fatto, il 32enne ha chiamato il 112 dicendo di aver compiuto l’omicidio, poi è andato a lavarsi perché sporco di sangue. E’ così che i carabinieri della compagnia di Cento e Casumaro lo hanno trovato pochi minuti dopo. Ai militari, comandati dal capitano Mattia Virgillo, l’uomo ha detto di aver ucciso per un suo problema psichiatrico. La stessa versione l’ha poi ripetuta al Pm Filippo Di Benedetto che l’ha interrogato, e al suo avvocato, Roberto Buzzola. Batista ora è in carcere con l’accusa di omicidio volontario, non esclude però che possa essere ritenuto responsabile anche di tentato omicidio nei confronti della compagna di Benuzzi, la cui salma è ora presso l’Istituto di Medicina Legale di Ferrara.

CASUMARO, IL MOVENTE NELLE PSICOSI DELL’OMICIDA

Per chi lo conosceva anche solo di vista era una ragazzo solare, sempre pronto a fare battute e che di certo non dava i segni di uno squilibrio psichico. A Casumaro, Batista Santiesteban, il parrucchiere 32 enne cubano che ieri sera ha ucciso il suo coinquilino con 5 coltellate, si vedeva poco. Per tutti però era un ragazzo tranquillo, così come erano persone per bene e normali anche Ivan Benuzzi e la sua compagna. Nella casa al civico 216 di via Bondenese vivano tutti e tre da circa due anni. Batista aveva conosciuto Benuzzi a Cuba nel 2001, erano diventati amici e nel 2002 era venuto in Italia per stare da lui. In paese si vedeva soprattutto la donna. Increduli dunque vicini e conoscenti anche se qualcuno dice di averli sentito altre volte litigi in quella casa. Litigi che forse, erano legati ai problemi che l’omicida aveva. L’uomo, ha spiegato il suo legale, l’avvocato Roberto Buzzola, soffriva da tempo di disturbi psichici, tanto che era stato seguito da uno psicologo che a sua volta verrà ascoltato in fase di indagini difensive. Malato da tempo di Aids ed epatite assumeva dei farmaci come cura, credeva però, ha aggiunto il suo legale, di essere usato come cavia dalla copia. Specialmente nell’ultimo periodo, ha poi concluso l’avvocato Buzzola che chiederà un perizia psichiatrica per il suo assistito, era diventato paranoico e pensava di essere seguito e spiato. Elementi questi che anche il Pm Di Benedetto dovrà valutare. Al massimo martedì ci sarà l’udienza di convalida dell’arresto, nel frattempo però verranno sentiti vicini e conoscenti per ricostruire il tipo di relazioni che c’erano tra i inquilini della casa di via Bondenese.

Nella foto: la casa del delitto, a Casumaro (Fe)


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 7150 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:31 ram:37818392