Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Pallavolo: bel successo per Modena

Dopo i successi di Trento e Monza negli anticipi, la 27ª giornata di serie A-1 si completa con le vittorie di Macerata, Latina, Treviso su Piacenza, Cuneo e Modena. Pineto retrocede in A2.

Macerata-Taranto 3-0 (25-23, 25-20, 25-23)
La Lube in un colpo solo ritrova il successo, uno Swiderski su cui poter contare e il quinto posto in classifica. Nel saldo negativo l’infortunio occorso a Corsano (ginocchio destro stavolta) ben sostituito da Smerilli e un Martino ancora alle prese con qualche problema alla caviglia infortunata a Monza. Al cospetto di un Taranto sorretto da un indomabile Cleber nulla è stato semplice. Macerata ha vinto due set in volata: il primo, dopo aver sprecato molto, grazie nell’infuocato finale ad un giallo alla panchina pugliese e ad un errore di Cleber, il terzo capovolto dall’ingresso di Swiderski che ha guidato lo sprint vincente. Ma nel secondo parziale Macerata, pur dominando, ha mostrato ancora pause preoccupanti. “Rientrare così è stato importante per me – ha sottolineato Swiderski – anche se non ho una partita intera nelle gambe. Voglio essere pronto in vista dei playoff”.

Lapresse Latina-Loreto 3-1 (25-19, 25-19, 25-27, 25-18)
Campionato “finito” per l’Andreoli che, dopo cinque sconfitte consecutive, ottiene, dominando, la vittoria che vale la salvezza. Ora la rincorsa di Loreto è solo su Forlì, ma i marchigiani hanno dimostrato sul campo di avere voglia e determinazione per rimettersi in corsa in queste ultime tre gare: «Il calendario continua a farci sperare – ha dichiarato a fine partita il tecnico dei marchigiani, Moretti, che rende merito al valore espresso dai laziali -; noi contiamo di fare sei punti nelle prossime due giornate e di giocarcela nell’ultima a Macerata». Incontenibile la gioia dell’allenatore dell’Andreoli, Medei: «E’ la mia prima grande soddisfazione, questo gruppo ha dimostrato di saper soffrire ed è stata questa la nostra più grande qualità». Merito del gruppo, ma anche delle sue individualità migliori con il veterano Vujevic (MVP) che ha fatto la differenza e il giovane Saitta che ha diretto la regia con lucidità.

Treviso-Piacenza 3-0 (25-21, 28-26, 25-23)
Piacenza forse non poteva aspirare a molto di più. E così Treviso ne ha approfittato. Successo netto, seppure più sofferto (primo set a parte) di quanto si sarebbe potuto supporre, viste le tante defezioni degli emiliani. Ma poco importa. Quel che conta è il peso: i tre punti per i trevigiani valgono molto in funzione terzo posto. Con tutto quel che comporta, in termini di fattore campo nei playoff, semifinale compresa. Piacenza era in emergenza, e questo lo si sapeva. Ma alle assenze di Marshall (gomito) e Meoni (tendine d’Achille) si è aggiunta quella di Rak (polpaccio). Lorenzetti è il maestro indiscusso dgli escamotage: gli dai una copertina anche cortissima e lui te la stiracchia, te la rappezza, fino a portarla a coprirti i piedi. Ma stavolta proprio non era possibile. Ha provato Zlatanov opposto, così come aveva fatto il tecnico di Trento, Stoytchev, sabato, con Kaziyski contro Forlì. Ma ovvio che il confronto non regge. Non solo per via del diverso spessore degli avversari, ma anche perché Zlati, a differenza del bomber rivale, non ha avuto molto supporto da parte di altri attaccanti. Grassano, in banda, è stato servito pochissimo (e il 17% spiega il perché), Bravo ha sbagliato molto per il suo standard. Ugualmente Piacenza ha rischiato di raddrizzare la partita. Anche dopo aver perso malamente il primo (non solo per il parziale 25-10, ma anche per gli 8 errori commessi e le 4 murate subite), dopo essere stata sotto 14-11, poi 20-17, quindi 24-21 nel secondo. Sulla battuta di Bravo ha quasi ribaltato tutto. Contrattacco dello stesso Bravo, errore di Fei, muro di Bjelica e 24-24. Ace col nastro di Bravo e set ball Piacenza. Da lì 4 punti di fila di Fei (ne ha fatti 12 nel solo secondo set!), compresa una murata ad una mano su Zlatanov. Tutto suo il 28-26. Nel terzo Piacenza ha anche tenuto, sempre senza avere peso al contrattacco. Ma non è mai stata davanti e mai ha dato l’impressione di poter girare la gare. Nemmeno sul 24-23. Quando Bravo ha sbagliato la battuta.

Pineto-Cuneo 1-3 (18-25, 25-23, 15-25, 11-25)
Il Pineto torna in A2, il primo verdetto del campionato è sancito anche dalla matematica. Cuneo, al via in campo con Nuti al palleggio e Peda opposto, gioisce per il buon ritorno di Wijsmans (non giocava da oltre un mese), difendendo il secondo posto dall’attacco di Treviso. Pronostico rispettato e vittoria senza patemi per il sestetto di Giuliani. L’orgoglio degli abruzzesi, determinati nel vincere un set, si è concretizzato nel secondo parziale; nel prosieguo, dopo l’ingresso di Nikolov, Grbic e Mastrangelo, la partita non ha avuto più storia, e Cuneo è volato via a tempo di record ( 41’ ), con Nikolov mattatore dal servizio dall’11-17 sino alla fine: Cuneo stava già pensando a domenica (Macerata).

Modena-Perugia 3-0 (25-22, 25-22, 25-21)
Gara avara di contenuti tecnici quella che consente a a Modena di agganciare un quarto posto che potrebbe diventare definitivo se i gialloblù sfrutteranno un calendario sulla carta agevole. Troppo falloso e remissivo Perugia perché ci fosse vera partita. Gli umbri, orfani di Bovolenta uscito all’inizio per il riacutizzarsi di un dolore al ginocchio destro, hanno giocato al di sotto delle proprie possibilità con una battuta imprecisa ed un attacco impalpabile. Modena ha così potuto rispondere con maggior continuità, grazie ad un Esko come sempre ispirato, ed in grande sintonia con Dennis, apparso in recupero. Sotto tono Savani e Cernic che non avranno di certo soddisfatto il ct Anastasi presente al Palapanini.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Maurizio Rizzi

Autore

Articolo scritto da: | 1339 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:31 ram:35237064