Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Ora non mettiamo troppa pressione al Bologna

Domani alle 15.30 la ripresa degli allenamenti

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_bologna_20160926.mp4

Il riposo di oggi i giocatori del Bologna se lo sono davvero meritato. La prestazione di ieri a Milano ha aggiunto un altro tassello a quella crescita che è stata finora costante dall’estate ad oggi. Dieci punti in sei partite sono un risultato storico, che da decenni non si vedeva. Soprattutto si ha l’impressione che non si tratti di un fuoco di paglia, di risultati casuali. Dalle difficoltà estive di Castelrotto ai risultati ottenuti in coppa e in Campionato tra le mura amiche, fino al primo punto ottenuto fuori casa, a San Siro, proprio il giorno del compleanno di Saputo, mette il bavaglio a tutti coloro che guardano le partite sulla carta, ai nomi famosi scendono in campo, senza, magari, guardare allenamenti o gli incontri in maniera approfondita. O magari, anche in questo caso, la vittoria è spesso demerito degli avversari e non di una squadra costruita esattamente come la voleva Donadoni. Si è scelta la rottura. Non più l’esperienza per non rischiare, ma la qualità di giovani che senza paura possono vincere o perdere, ma hanno la sfrontatezza di provarci sempre. A San Siro hanno preferito giocare palla e sfidare i nerazzurri a viso aperto piuttosto che fare il proprio compitino diligentemente. Verdi ha continuato a proporsi con giocate straordinarie, come l’assist per Destro al 14′ del primo tempo per la rete dell’attaccante, ma pure il colpo di tacco a liberare Dzemaili nel finale, quando i rossoblù sono andati vicino al vantaggio.
Ora la squadra non può fermarsi, anche perchè sei giornate sono troppo poche. Lo scorso anno dopo il pareggio con la Juve la squadra tirò i remi in barca. Ora non è ancora stato fatto niente se non un quarto del cammino per arrivare alla salvezza. Domenica arriva il Genoa, squadra sulla carta forte, ma alla quale mancheranno ben cinque titolari tra squalificati e infortunati. Avere nella testa l’idea che siano la vittima sacrificale può essere deleterio. Anche senza Pavoletti, Edenilson, Pandev, Ocampos e Orban, la squadra è sempre stata indigesta e il rischio di volare troppo sulle ali dell’entusiasmo esiste. E’ chiaro in panchina c’è Donadoni, che conosce benissimo la situazione e con l’aiuto dei più esperti saprà mantenere i giusti equilibri. Nello stesso momento pur festeggiando una posizione in classifica invidiabile, bisogna non caricare specie i più giovani di troppa responsabilità. In una squadra giovane ci saranno i momenti difficili e saranno proprio quelli nei quali bisognerà essere capaci di aspettare e incitare. Pulgar, Nagy, Masina, Krafth, Verdi, Krejci sono tutti in rampa di lancio, ma non sono già diventati campioni. Da domani rientrerà in gruppo anche Viviani, potrebbe allenarsi con i compagni anche Sadiq per un attacco che avrà così un’arma in più. Poi c’è Destro, il bomber. Tra gol nelle ultime cinque partite, un giocatore ritrovato anche se solo al 75-80% della condizione. Anche lui va coccolato, anche se Donadoni ha usato spesso il bastone e la carota, riuscendo, fino a questo momento, a tirarne fuori le migliori energie. Davvero una gestione oculata, ma pure che ha cercato di puntare sull’orgoglio del ragazzo, che ha fatto vedere tanto, ma ha ancora un potenziale che a Bologna si è visto solo raramente.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Matteo Fogacci

Autore

Articolo scritto da: | 3247 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:31 ram:34971816