Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Omicidio ateneo Bologna, ridotta la pena: l’amore omosessuale non e’ motivo abbietto

bottariSedici anni di reclusione nel secondo processo d’appello (nel primo la pena era stata di 30 anni) per Domenico Bottari, il messinese di 35 anni, che il 12 luglio del 2005 uccise con otto colpi di pistola il ventiduenne Riccardo Venier, di cui si era infatuato senza essere corrisposto, nel corridoio del dipartimento di Matematica dell’Ateneo del capoluogo emiliano. La diminuzione e’ motivata dalla caduta dell’aggravante dei motivi abbietti, perche’ secondo la Cassazione l’amore e’ proprio dell’uomo, che sia omosex o eterosessuale. La Corte di Assise di Appello di Bologna ha cosi’ riportato la condanna a quelle del primo grado quando nell’aprile 2007 Bottari venne condannato a sedici anni dal Gup Alberto Gamberini, con l’abbreviato che prevede una riduzione di pena di un terzo (la pena base era stata calcolata in 24 anni). Un anno dopo era arrivato il quasi raddoppio della pena, 30 anni, sempre con l’abbreviato, nel primo processo d’appello. I difensori avevano fatto ricorso per Cassazione e la Suprema Corte aveva deciso che il processo andava rifatto. La notevole differenza di pena tra il primo e il secondo grado (quasi il doppio) si era avuta perche’ i giudici della Corte d’Assise di Appello avevano ritenuto sussistere, oltre all’aggravante della premeditazione considerata pure nella prima sentenza, anche quella dei motivi abietti e futili, e quindi erano partiti dall’ergastolo, poi ridotto a 30 anni. I giudici della Cassazione avevano annullato la sentenza limitatamente proprio all’aggravante dei motivi abbietti e futili, che avevano eliminato (e quindi nel nuovo processo non se ne e’ tenuto conto), e al trattamento sanzionatorio. La Cassazione defini’ ”corretta e logica la motivazione illustrata con la sentenza di primo grado al fine di giustificare il giudizio di esclusione dell’aggravante cosi’ come contestata, esclusione fondata sui sentimenti di affetto e amore, propri di ogni essere umano – sia esso omo ovvero eterossessuale – sentimenti ai quali soltanto con contraddizione logica potrebbe riferirsi il concetto di abbietto”. Soddisfazione per la nuova sentenza e’ stata espressa dal difensore bolognese di Bottari, avv.Gennari. (fonte ANSA)


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 7150 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:38 ram:37798136