Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Bologna: omicidio Procopio, confessa il giovane albanese

Quando il pensionato ha minacciato di denunciarlo per furto, lui ha perso la testa e lo ha colpito ripetutamente a mani nude. Poi, con l’anziano steso sul pavimento della cantina, lo ha ucciso, strozzandolo con un piede premuto sul collo. Infine, utilizzando un solvente trovato nel locale, ha appiccato l’incendio. Il giovane albanese Esmerald Bibi ha confessato di aver ammazzato in questo modo Antonio Procopio, 75 anni, insegnante in pensione e suo vicino di casa. L’uomo era stato trovato morto il 27 marzo nello scantinato della sua casa di San Lazzaro di Savena, alle porte di Bologna. Lì era solito fare lavoretti di falegnameria. La notizia è stata anticipata dal quotidiano ‘L’Informazione” di Bologna. Lo straniero, 20 anni, che risiede nello stesso palazzo dove la vittima abitava con la moglie, via Orlandi, è in carcere da giugno con l’accusa di omicidio aggravato in concorso, distruzione di cadavere e incendio. Il 5 settembre ha chiesto di essere sentito e ha ammesso, per la prima volta, di essere lui l’autore del crimine. Nel racconto ha spiegato di aver agito da solo: una versione che quindi scagionerebbe il padre, pure lui indagato per concorso in distruzione di cadavere e incendio. Nazmi Bibi, 46 anni, era stato fermato insieme al figlio nei giorni successivi alla morte di Procopio, che inizialmente era sembrata un incidente, fino all’esito dell’autopsia che aveva riscontrato “asfissia meccanica da strozzamento”. La misura non venne convalidata dal gip Bruno Perla. I due, difesi dall’avvocato Valentina Matti, erano stati poi nuovamente arrestati a inizio giugno, quando il quadro indiziario raccolto dai carabinieri, si era fatto più pesante. Il Riesame, l’8 agosto, aveva rimesso in libertà il padre, considerandolo non coinvolto materialmente nell’azione. La figura dell’uomo – secondo i giudici – è rimasta sullo sfondo “come quelle di chi, già nell’immediato comprende le responsabilità del figlio e si adopera per tenerlo indenne”. Il favoreggiamento personale, infatti, non è punibile per un prossimo congiunto. Il pm Massimiliano Rossi, titolare del fascicolo, ha fatto comunque ricorso in Cassazione sulla decisione del Riesame, con la convinzione che Nazmi abbia aiutato il figlio. Nella confessione, comunque, Esmerald ha negato il coinvolgimento del padre. Ha spiegato che quella domenica pomeriggio era andato in cantina, una volta saputo che Procopio lo cercava. Secondo il racconto, il pensionato lo ha accusato di avergli rubato dei cd, e ha minacciato di denunciarlo. Ne è nata una lite e il giovane, più forte fisicamente, lo ha aggredito. Cadendo, l’anziano ha picchiato la testa contro un macchinario. Il giovane ha ammesso anche di essersi portato via le chiavi della cantina e della casa di Procopio. Ha detto, invece, di non saper nulla del portafogli e del cellulare del morto, oggetti spariti.

(Fonte Ansa)


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Gtv srl

Autore

Articolo scritto da: | 1565 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:27 ram:35260496