Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

‘Ndrangheta: sequestro di patrimoni per 5 milioni di euro

Maxi operazione contro le infiltrazioni della criminalità organizzata in regione. La Dia di Firenze e Bologna, coadiuvata dai Carabinieri di Reggio Emilia, ha posto sotto sequestro nelle province di Reggio Emilia, Perugia e Crotone, beni riconducibili a imprenditori edili calabresi da anni operanti in Emilia.

Ammonta a circa 5 milioni di euro il sequestro messo in atto dalla D.I.A di Firenze e di Bologna nelle province di Reggio Emilia, Perugia e Crotone nell’ambito dell’aggressione dei patrimoni ritenuti riconducibili alla criminalità organizzata.

L’operazione riguarda, in particolare, beni riconducibili ai fratelli Sarcone, tutti imprenditori edili originari di Cutro (Crotone) ma da anni stabilitisi in Emilia, ritenuti affiliati alla ‘ndrangheta calabrese e precisamente alla cosca Grande Aracri di Cutro, particolarmente attiva nelle estorsioni ai danni di imprenditori operanti in vari settori dell’economia locale.

Il sequestro è stato disposto in via d’urgenza dal Presidente del Tribunale di Reggio Emilia, su richiesta del Direttore della Dia Arturo De Felice, dopo che gli investigatori del Centro Operativo di Firenze avevano rilevato, da parte di familiari di uno dei fratelli Sarcone, ripetuti tentativi di sottrarre al sequestro ingenti somme di denaro. Tra i beni posti ai sigilli, circa 40 immobili fra terreni e fabbricati, numerosi autoveicoli, quote societarie e consistenti disponibilità finanziarie di molto sproporzionate rispetto all’attività lecita svolta.

“L’operazione – ha precisato la Dia – si colloca nell’ambito di un procedimento di applicazione di misure di prevenzione personali e patrimoniali avviato a seguito di una richiesta formulata dal Direttore della Dia all’esito di una accurata analisi delle infiltrazioni della criminalità organizzata di origine calabrese nei settori imprenditoriali dell’Emilia Romagna”. Da qui sono partite le indagini sulla posizione dei quattro fratelli, uno dei quali già condannato, con sentenza di primo grado emessa nel 2013, ad una pena di otto anni ed otto mesi per associazione di tipo mafioso, essendo stato accertato il suo ruolo di vertice nella cosca Grande Aracri.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7006 articoli inseriti

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:32 ram:30520408