Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: redazione@telesanterno.com
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

‘Ndrangheta al nord, arresti per 2 omicidi del 1992 nel Reggiano

C’è una svolta nei due omicidi di ‘Ndrangheta in cui furono uccisi nel Reggiano nel lontano 1992 Nicola Vasapollo e Giuseppe Ruggiero. La squadra mobile della questura di Reggio Emilia ha eseguito un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dal tribunale di Bologna al termine delle indagini svolte in collaborazione con i colleghi di Bologna e sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia. Destinatari dei provvedimenti sono Nicolino Grande Aracri, capo dell’omonima cosca di Cutro che operava in Emilia, Nicolino Sarcone suo braccio destro e Angelo Greco detto “Lino”, capo della ‘Ndrina radicata nel torinese.

Tutti e tre sono gia’ detenuti per altri reati. Per i due omicidi, che si inseriscono nel quadro della lotta per il predominio tra l’allora cosca dominante delle famiglie Grande Aracri, Dragone e Arena e gli “scissionisti” Ruggiero e Vasapollo, sono stati condannati in via definitiva come mandanti nel 1997 Raffaele Dragone, tutt’ora detenuto e Domenico Lucente, suicida in carcere. Perquisizioni sono state efffettuate anche nei confronti di tre indagati a piede libero per la vicenda. Si tratta di Antonio Le Rose detto “Rene'”, classe 1966, Antonio Ciampa’ detto “il coniglio”, classe 1958 e del Pentito Antonio Valerio che nell’ambito del processo Aemilia ha raccontato di aver preso parte ad uno degli episodi, ma senza aver sparato. Anche grazie alle dichiarazioni di Valerio, che sono state intrecciate con quelle fatte in passato dall’altro collaboratore Angelo Cortese e su cui sono stati operati riscontri si è arrivati alle ordinanze.

Le indagini della Polizia per risolvere i due “cold case” sono durate all’incirca quattro mesi, con un lavoro certosino di esame dei tabulati Sip di 25 anni fa, di incartamenti processuali riguardanti altri episodi riconducibili alla stessa guerra di mafia, di multe stradali, fino all’individuazione delle amanti degli uomini del clan. Tra i risultati, ad esempio, la ricostruzione del percorso fatto dai killer per uccidere Ruggiero, transitando su un ponte che oggi non esiste piu’.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 1116 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:29 ram:37741664