Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: redazione@telesanterno.com
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

jump to centrootticomegavision.com

Morto detenuto a Bologna. Sappe: forse per droga



Un detenuto italiano di circa 40 anni e’ morto questa mattina per arresto cardiaco nel carcere bolognese della Dozza; condannato per omicidio, era recluso nel reparto penale. Lo ha reso noto il sindacato di polizia penitenziaria Sappe, aggiungendo che il personale in servizio nella sezione detentiva ”e’ intervenuto immediatamente, ma non c’e’ stato niente da fare”. Sono stati disposti accertamenti sanitari per verificare se l’uomo aveva assunto droga, ”cosa che, da quanto appreso finora, potrebbe essere molto probabile” secondo quanto riferito dal segretario generale aggiunto del Sappe, Giovanni battista Durante. ”Pochi giorni fa – ricorda Durante – avevamo denunciato il ritrovamento, da parte della polizia penitenziaria, di 50 grammi di marijuana nascosti nel magazzino frequentato dai detenuti lavoranti. Il problema della droga in carcere e’ ormai molto diffuso e la polizia penitenziaria, nonostante gli sforzi quotidiani, non dispone di alcun mezzo idoneo per contrastarne l’ingresso. Mancano le unita’ cinofili in molte regioni, tra cui l’Emilia-Romagna. Il sovraffollamento e la carenza di personale non consentono neanche di effettuare controlli adeguati. Lo scorso anno il Dipartimento aveva pensato di istituire le unita’ cinofile in Emilia-Romagna e nelle altre regioni dove mancano, ma nei giorni scorsi ci hanno comunicato che non e’ possibile dare corso al progetto per mancanza di fondi”. Nel carcere di Bologna – spiega il Sappe – ci sono circa 1.500 detenuti, per una capienza di 450 posti. I tossicodipendenti sono circa trecento. ”Nelle 204 carceri italiane abbiamo il 25% di detenuti tossicodipendenti, quindi circa 17.000, molti dei quali potrebbero scontare la pena all’ esterno, ma continuano a rimanere in carcere per mancanza di strutture in grado di ospitarli, nonostante una legislazione all’avanguardia che prevede gli istituti della sospensione della pena e dell’affidamento terapeutico’.

(fonte Ansa)


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Vittorio Pastanella

Autore

Articolo scritto da: | 801 articoli inseriti

Copyright © 2014 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
V.Bonazzi, 51 - 40013 Castel Maggiore (Bo) - tel: 051 63236 - fax 051 714795
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria di Pubblicità Publivideo2 Srl.

q:27 ram:24973496