Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Morte di ‘Luna’ Stellato, nuovo incarico medico-legale

Verrà affidato un nuovo incarico medico legale per il caso della morte di Anna Maria Stellato, avvenuta nel luglio del 2015 a Torre Pedrera in provincia di Rimini. Nelle ultime ore si è appreso che per la vicenda un trentaduenne marocchino è indagato per omicidio volontario.

La procura di Rimini ha deciso di affidare un nuovo incarico al medico legale per verificare la possibilità di una ricostruzione alternativa delle cause del decesso della ventiquattrenne Anna Maria ‘Luna’ Stellato. La ragazza originaria di Milano ma cresciuta in Liguria venne trovata morta seminuda in mare a Rimini – nelle acque del bagno 61 di Torre Pedrera – il 15 luglio 2012. Secondo la prima inchiesta, la giovane morì per cause accidentali, un annegamento dopo un malore, forse dovuto a un’assunzione di droga.

Ora però c’è un uomo indagato per omicidio volontario. Si tratta del marocchino di 32 anni che ha visto Anna Maria viva per l’ultima volta. L’uomo avrebbe commesso tra il novembre 2014 e febbraio 2015, altri due delitti a Latiano, nel Brindisino e a Catania. A collegare l’arresto del 32enne marocchino, al momento detenuto nel carcere di Siracusa con l’accusa di aver ucciso due persone, con la fine di ‘Luna’ è stato un giornalista del ‘Corriere Romagna’ che, dopo verifiche in proprio, ha segnalato la circostanza alle autorità siciliane e riminesi.

Nel frattempo, il sostituto procuratore Davide Ercolani, appresa autonomamente la notizia nazionale da un carabiniere che si era occupato del caso e aveva riconosciuto in foto sul web il ‘testimone’ del caso ‘Luna’ finito nei guai a Catania, si era già attivato per l’apertura di un nuovo fascicolo. Dai primi accertamenti, sui vecchi tabulati telefonici, sono emerse contraddizioni. Uno dei dettagli emersi nelle ultime ore evidenzia che lo straniero aveva chiamato Luna al cellulare dopo aver gettato la borsa della ragazza – con dentro il cellulare – in un cassonetto della spazzatura.

Secondo l’accusa, la chiamata sarebbe stata fatta dopo che l’uomo aveva visto ‘Luna’ morire. il modus operandi dei delitti avvenuti in Puglia e in Sicilia getta poi un’ombra sull’uomo. A Rimini, a questo punto, sarà bloccato il procedimento giudiziario contro di lui per omissione di soccorso nei confronti della ragazza. Un altro nordafricano, indicato dal trentaduenne come spacciatore dell’ultima dose di eroina alla giovane, è stato assolto in appello dall’accusa di morte come conseguenza di altro reato.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7009 articoli inseriti

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:25 ram:30371736