Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Maxirissa ai Giardini, Dionigi: “Ragazzini vittime di una subcultura”

“Gli adolescenti che hanno dato vita alla maxi-rissa ai Giardini Margherita sono le vittime di una subcultura: dal videoanalfabetismo nasce l’ignoranza, dall’ignoranza nasce la violenza e la volgarità. Si va all’infraumano e al subumano”. Questo il commento del Rettore dell’Alma Mater Ivano Dionigi alla rissa che venerdì scorso ha visto coinvolti 250 ragazzini tra i 14 e i 18 anni.

Chiamatelo Cyber-bullismo, chiamatela ribellione giovanile, resta il fatto che i 250 ragazzini per lo più minorenni che si danno appuntamento sul web per darsele di santa ragione nel centralissimo parco pubblico cittadino continuano a destare sgomento sotto le Due Torri. Oggi sulla maxirissa che venerdì pomeriggio ha visto schierate ai Giardini Margherita le due fazioni “BoloBene” e “BoloFeccia” – questi i nomi che si sono scelte le due bande rivali – si è espresso colui che dei giovani della generazione dopo rappresenta l’autorità, il Rettore dell’Università Ivano Dionigi. “Gli adolescenti che hanno dato vita alla maxi-rissa ai Giardini sono le vittime di una subcultura: dal videoanalfabetismo nasce l’ignoranza, dall’ignoranza nasce la violenza e la volgarità. Si va all’infraumano e al subumano”. Parola di Dionigi, che parla di un episodio che “dovrebbe preoccupare tanti: me come rettore, prima di tutto. Ma anche studenti, genitori, tutti gli educatori, tutta la società e i politici”. E conclude: “Che una cosa del genere poi capiti ai Giardini Margherita, a Bologna, mi dà da pensare e mi preoccupa”.
Anche Merola si dice preoccupato. Già alla Festa dell’Unità aveva bacchettato i genitori dei 250 adolescenti, parlando di “Episodio da non sottovalutare, visto che non si è trattato solo di ragazzini, ma anche di maggiorenni – ribatte il sindaco, allibito che quando Carabinieri e Polizia li hanno riportati ai genitori, questi hanno risposto ‘occupatevi di loro con tutti i problemi che abbiamo”. Merola ha ribadito di essere in contatto con la Procura per cercare di attivare una rete di prevenzione. Intanto è stato aperto un fascicolo, al momento contro ignoti. L’inchiesta ipotizza i reati di rissa aggravata e istigazione a delinquere. Per i ragazzi che hanno scatenato la maxi-rissa, ma anche per i loro genitori, il Comune di Bologna è pronto a mettere in campo i propri assistenti sociali con “percorsi mirati” insieme all’Azienda Usl.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 906 articoli inseriti

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:34 ram:30489736