Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Oltre 91 milioni di euro per il mai realizzato Civis

Sale a oltre 91 milioni il conto dei soldi sprecati per il Civis, il tram su gomma a guida ottica di Bologna, mai entrato in funzione. Gli ultimi dati sono stati forniti dalla Guardia di Finanza Provinciale.

Praticamente un pozzo senza fondo il Civis per spreco di danaro. Supera i 91 milioni di euro il danno erariale causato dall’appalto, tra fornitura di mezzi e opere, del famoso tram su gomma che mai vedremo perché dichiarato non omologabile. Per il Civis si aggiunge ora un terzo filone di inchiesta: i danni per circa 48,6 milioni di euro relativi alle spese per le opere civili già realizzate, come pensiline, strade e marciapiedi che, oltre ad avere provocato disagi per i cantieri durati mesi, sono inutili, vista l’irregolarità del mezzo. I nuovi dati sono snocciolati dalla Guardia di Finanza Provinciale che annuncia, per questo terzo filone di sprechi, di avere denunciato alla Corte dei Conti altre otto persone oltre a quelle già segnalate nei due filoni precedenti. Si tratta di cinque componenti del CdA e il direttore dei lavori dell’allora Atc nel periodo in cui fu pubblicato il bando di gara per l’opera, e due componenti delle commissioni che dovevano valutare preventivamente i requisiti delle aziende che avevano presentato domanda. Le prime due voci di spreco sono quelle riguardanti i 49 tram – e si parla di 41 milioni di euro – e le spese di progettazione della tratta che va da Porta San Felice a Borgo Panigale: un altro milione e mezzo di euro.

Oltre agli sprechi del Civis le Fiamme Gialle di Bologna hanno scoperto molte altre voci di evasione e violazioni, illustrate nel bilancio dell’attività svolta nel 2013. Nella lotta all’evasione fiscale sono stati eseguiti 1046 controlli e contestate violazioni tributarie per 624 milioni di euro, con il recupero per le casse dell’erario di oltre 23 milioni di imponibile e la denuncia di 170 persone. Sono aumentati gli evasori totali: 142 persone (contro le 91 del 2012), con un imponibile sottratto a tassazione di oltre 320 milioni. Qualche curiosità: un pensionato bolognese di 60 anni che risiede in Svizzera avrebbe nascosto al fisco un reddito di 32 milioni di euro; oppure il caso di 36 infermieri dipendenti della sanità pubblica che avrebbero fatto il ‘doppio lavoro’, operando anche per ditte private.
Intanto la Guardia di Finanza sta continuando gli accertamenti nell’ambito dell’inchiesta “Spese pazze” nella Regione Emilia-Romagna e in primavera si dovrebbe arrivare alla chiusura delle indagini.

Nel video: intervista al Gen. Virgilio Pomponi, Comandante Guardia di Finanza Provinciale Bologna
rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_gdf_civis_20140207.mp4


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 906 articoli inseriti

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:34 ram:30495056