Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: redazione@telesanterno.com
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

jump to caber.org

Longo: “Il Bologna può tranquillamente arrivare a 40 punti. Per la retrocessione vedo in lizza le tre neopromosse e il Lecce. Rodriguez? Ha la stessa grinta di Forlan…”

Intervista di Ugo Mencherini e Vittorio Longo Vaschetto all’ex consulente di mercato del Bologna, Carmine Longo, nel corso della trasmissione “Tempi Supplementari” (Telecentro-OdeonTv)

Professore, gli addetti ai lavori parlano di un mercato italiano fatto con pochissimi soldi e in cui si va principalmente sui giocatori svincolati mentre sono alti i campionati in cui si acquista e girano soldi. Anche lei vede una situazione del genere?

Basta guardare al Barcellona, che si è rinforzato con Fabregas e Sanchez, mentre la Juve fa ben diversamente. In Italia c’è molta sofferenza: mancano soldi e idee. Il coraggio di azzardare non ce l’ha nessuno, perché quando non si possono acquistare a certe somme giocatori affermati, bisogna andare a pescare qualche giovane e rischiare.

A due giorni dalla chiusura del mercato, lei vede un Bologna più o meno forte rispetto alla scorsa stagione?

Non c’è stato l’acquisto top. Il canale del Bologna è tra il 12° e il 20° posto. Arrivando 11°, 12° o 13°, avrebbe fatto un buon campionato.

E il 12° posto è alla portata di questo Bologna?

Secondo me 40 punti li può fare tranquillamente.

Lei è dunque dell’avviso che sia mancato il grande acquisto, che l’anno scorso era stato Gaston Ramirez.

Bisogna sempre azzardare qualcosa, altrimenti il Ramirez di oggi non lo si potrebbe comprare. Quando io tentai di prendere Negredo, ad esempio, mi chiesero circa 13 milioni, ma non avevamo i soldi e non lo abbiamo preso. Dovessi muovere una critica, è quella di aver osato poco con i giovani.

Secondo lei Ramirez può partire alla cifra chiesta dal Bologna?

Sicuramente. Quando si cincischia troppo si pensa di fare l’affare: non si possono offrire 9 milioni per Gaston Ramirez e fa bene il Bologna a non darlo via.

Come vede l’arrivo di Diamanti? Non rischia di pestarsi un po’ i piedi con Ramirez? Lei lo avrebbe preso?

Io non faccio l’allenatore. Evidentemente il Bologna pensava di vendere Ramirez. Se si gioca con il 4-3-1-2 e gioca Diamanti, qualcuno tra Di Vaio, Acquafresca e Ramirez deve stare fuori. Se si gioca con il 4-3-2-1, quindi con una sola punta, qualcuno resta comunque fuori. I buoni giocatori non fanno comunque mai difetto e non sono mai troppi.

Quest’anno è arrivato Federico Rodriguez, che lei aveva seguito lo scorso anno. Secondo lei potrà ritagliarsi un po’ di spazio?

Io l’avevo chiesto in prestito, poi davanti alle cifre del Genoa mi sono tirato indietro. Io non l’avrei scambiato con Meggiorini, l’avrei preso in prestito con riscatto della metà ma Meggiorini me lo sarei fatto pagare. Rodriguez è un attaccante mancino e come tutti gli uruguagi ha molta tigna e non tira il piede indietro. Chiaramente deve farsi, perché è giovane ed è in fase di formazione dal punto di vista fisica, tecnico e agonistico. Ha tutti i presupposti per poter arrivare, pur non avendo la qualità di Ramirez. Diego Forlan 10-12 anni fa in Italia non lo avrebbe preso neppure una squadra di serie C, ma con la forza di volontà e la determinazione è diventato un campione. Rodriguez ha quella stessa tigna, quella stessa grinta.

Dopo di lei è arrivato Bagni, anche lui poi sollevato dall’incarico. Sembra che con i ds il Bologna non abbia pace.

Non posso commentare, perché Bagni lo conosco da tantissimo tempo e non sarebbe corretto.

Da più parti la difesa viene ritenuta l’anello debole su cui Bisoli dovrà lavorare parecchio. E’ d’accordo?

Il campionato del Bologna è quello di grande umiltà, determinazione e concertazione. Bisogna avere a grinta che aveva Bisoli da giocatore: non mollare mai. Se si evitano polemiche e si riesce a tenere il gruppo, si potrà fare bene. In serie A non ti regala niente nessuno e ci sono tre campionato: per i primi posti, per agguantare gli ultimi posti per l’Europa e il terzo, quello dei poveri. Ci sono tre neopromosse, di cui una penalizzata di ben 6 punti, il Lecce, il Chievo e il Cesena. Non mi strapperei le vesti: penso che il Bologna ce la possa fare.

Quali squadre vede come principali candidate alla retrocessione?

Le tre neopromosse, lo stesso Chievo se non prende un attaccante è in difficoltà perché il loro bomber Pellissier è in fase di spegnimento e da due anni non raggiunge la doppia cifra. Il Lecce bisognerà vedere come uscirà dal mese di agosto. Poi c’è sempre qualche squadra non indiziata che potrebbe finire nelle sabbie mobili, come lo scorso anno la Sampdoria e il Bari. In fase di pronostico, comunque, dico le tre neopromosse e il Lecce.

Di Francesco in panchina le piace?

E’ la squadra che fa l’allenatore. Un allenatore nel dare, dà poco ma può togliere tanto. In questo momento non mi sento di dire che sia migliore del Bologna.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Matteo Fogacci

Autore

Articolo scritto da: | 2127 articoli inseriti

Copyright © 2014 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
V.Bonazzi, 51 - 40013 Castel Maggiore (Bo) - tel: 051 63236 - fax 051 714795
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria di Pubblicità Publivideo2 Srl.

q:30 ram:24657936