Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

La Virtus batte Caserta e prosegue la marcia play off

da bolognabasket.it

Vittoria serviva, e vittoria è arrivata. La Virtus sfrutta al meglio il doppio turno casalingo e con la vittoria di oggi continua a rimanere al quarto posto, e mette in tasca anche un pesantissimo 2-0 negli scontri diretti con Caserta. La Futurshow Station ora è un campo difficile da violare, e dopo la coppa Italia il trend continua a essere positivo, e la partita di oggi – contro una squadra fresca di vittoria con Siena e qualificazione ai playoff di Eurocup – è andata molto meglio di quella con Pesaro. I bianconeri di Bologna sono partiti 13-0 e hanno resistito al prevedibile rientro casertano, rimanendo attaccati alla partita con un parziale finale di Kennedy Winston, ovvero colui che fino a quel momento era stato il sesto uomo per coach Sacripanti. Si sa che il giocatore dell’Alabama va a fiammate, e stasera quella dell’ultimo quarto è valsa la partita. Ma il vero MVP è stato Viktor Sanikidze, stasera il vero “americano” della Virtus: 16 punti, 14 rimbalzi e un dominio atletico spaventoso. Se gli infortuni lo lasceranno in pace potrebbe essere lui il vero uomo in più per il finale di campionato virtussino. Bene anche Homan (14+7), importantissimo in un terzo quarto in cui non segnava nessuno. Ma comunque è stata una prova di squadra, e si sono riviste le facce giuste, quelle pronte a sbucciarsi i gomiti a ogni azione. Quattro giocatori in doppia cifra, Koponen a quota 9, e per oggi va benissimo così. L’unica nota negativa è la giornataccia ai tiri liberi: 11/24, e non è la prima volta.
Caserta ha trovato un Jumaine Jones straordinario (20+7), e un efficace Eric Williams, che però come spesso ha commesso troppi falli evitabili e si è escluso dalla partita. Per il resto onestamente non molto, a parte un discreto Colussi. Tutti gli esterni, dall’ex Di Bella (1/11) a Ere a Bowers, hanno sbagliato la partita, stritolati anche dall’ottima difesa della Virtus di oggi.

Poi bisogna parlare del pubblico, ovviamente: sarà stato l’orario, o la timida nevicata in corso, ma alla Futurshow Station c’era meno gente del solito, con ampi vuoti sugli spalti. Il dato ufficiale di 8014 (generoso) è comunque rimpinguato dall’impressionante muro di casertani e fossaioli – almeno 600 – che prima della partita avevano fatto un corteo con tanto di striscione: ”Basta parole, rivogliamo la Fortitudo”. Durante la partita, nei timeout, partivano cori Rivogliamo la fortitudo, oltre al consueto repertorio di Virtussino pezzo di merda, chi non salta è un virtussino eccetera.
Dal canto loro, i Forever Boys non si sono certo fatti pregare, e hanno risposto alla presenza fortitudina con striscioni vari: ”Bevenuti ai Caserta supporters sezione Bologna”, “Oggi siamo buoni e facciamo finta che esistiate davvero”, “Ecco l’unico che vi è rimasto” (con gigantografia di un succo Derby), La freccia gira e rigira torna in culo a chi la tira (2003-2010): e poi anche cori, da Non avete un cazzo da fare in avanti. Tra l’altro, era presente anche Dusan Vukcevic, colui che decise l’ultimo derby.

Cronaca: la partenza della Virtus annichilisce Caserta, che dopo cinque minuti si trova sotto 13-0, dopo aver sbagliato 9 tiri consecutivi. Sanikidze fa quel che vuole, e Koponen non è da meno. La Juve prova a reagire, e ricuce qualcosa grazie soprattutto a Jumaine Jones: 21-13 alla prima sirena.
Nel secondo quarto Eric Williams fa male alle Vu Nere, prima dei soliti problemi di falli. Caserta arriva comunque al -4 (23-19), prima di essere ricacciata indietro da un 7-0 virtussino. E’ ancora l’ottimo Jumaine Jones a mettere otto punti in un amen, ma gli rispondono Amoroso e Sanikidze. La Pepsi comunque ricuce, anche perché di là Winston sbaglia di tutto: 37-33 a metà, dopo una serie di orrori arbitrali per fortuna non influenti.
Dopo la pausa è Caserta a partire alla grande, mettendo la freccia e passando avanti (38-39) ancora con Williams. L’attacco virtussino si pianta, e Winston continua nel suo litigio col mondo, finendo sul pino dopo erroracci vari. Si cerca molto Homan che produce abbastanza, ma la partita resta in equilibrio e il punteggio ora è basso: 50-49 al 30°, con tripla sulla sirena di Jones.
Ultimo quarto: Colussi mette due triple, poi però commette antisportivo su Winston, che però sbaglia entrambi i liberi. Sanikidze vola, e coi suoi rimbalzi tiene avanti le Vu Nere. Un 6-0 del redivivo Winston dà il +7 alla Virtus (62-55). Negli ultimi tre minuti Jumaine riavvicina con tre liberi. Amoroso mette solo un libero, ma di là ruba e lancia Sanikidze per la schiacciata che vale la partita. Finisce 69-61, nel tripudio dei tifosi di casa. Alla fine, mentre le tifoserie si scambiano cortesie varie, arriva anche lo sfottò di Claudio Sabatini, che fa apparire sui maxischermi la scritta “Bentornati in Serie A”.

CANADIAN SOLAR BOLOGNA – PEPSI CASERTA 69-61 (21-13, 37-33; 50-49)
BOLOGNA: Rivers 10; Koponen 9; Bastone NE; Poeta 4; Homan 14; Winston 11; Sanikidze 16; Martinoni 0; Gailius 0; Fantinelli NE; Spizzichini NE; Amoroso 5.
CASERTA: Marzaioli NE; Koszarek 0; Colussi 9; Di Bella 6; Bowers 2; Garri 4; Ere 10; Martin 0; Williams 10; Jones 20.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 3332 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:30 ram:37749544