Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

La Fortitudo vince con Cavriago 75-60


da Bolognabasket.it
Acciacchi vari (out Alibegovic, Politi a mezzo servizio per la febbre, Zambrini e Nieri al rientro), ma anche tanta voglia di buttarsi il passato alle spalle: la Conad nel suo esilio forzato di Budrio magari non riesce a creare l’esodo voluto (7-800 persone) ma almeno ritrova la vittoria, contro una Cavriago che quando perde Cervi per infortunio, alla fine, non ha più frecce al proprio arco. Bene il risultato sul campo, quindi, e il resto tutto da verificare, laddove si decideranno le fortune non agonistiche di questa realtà.

Con ancora negli occhi la tremebonda roba vista e giocata a Villafranca, la squadra gioca minuti iniziali di lucarelliana paura, eh?, faticando negli appoggi a canestro e facendosi trovare addormentata sui rimbalzi lunghi che permettono ai cavriaghi secondi tiri e primi cesti. 4-8, poi stavolta però Giuliani, girandosi verso la panchina, qualcosa riesce a trovarlo: la febbre che sorprendentemente risveglia Politi, le corse di Montano che si sovrappongono a quelle di Acquaviva, e la palla che si mette a girare davvero bene: 12-1 di parziale, quindi, e PalaMarani in festa per un 21-10 di fine primo quarto di gran qualità.

Montano è in spolvero, e fa massimo vantaggio con la tripla di apertura. Poi, la squadra si sfilaccia un po’, tanto per non perdere le abitudini, e anche se Cavriago perde per infortunio Cervi, mal ricaduto sulla caviglia sinistra dopo un’entrata, il divario viene sgocciolato per via di minor intensità davanti e, di riflesso, occasioni concesse dietro. Ne approfitta Evotti con due triple, ma dal 29-21 Bologna riparte: sempre grazie ai garretti di Montano e Acquaviva, vera e propria manna dal cielo per evitare le magagne davanti alla difesa schierata. Diventa una sinfonia, se vista con occhi biancoblu, anche perché Cavriago, perso il suo bomber, davanti al canestro nemmeno sa da che parte cominciare. Montano continua a divertirsi, mette la bomba del 40-23, e il riposo arriva tra gli applausi, per una volta.

Quel poco che il punteggio potrebbe ancora dire viene subito zittito da un 6-0 che manda Bologna sul 48-25 e, di fatto, apre una fase del match dove non è che di sciampagn si possa parlare, con palle perse, tiri che a fatica arrivano al ferro e altre amenità. Eppure l’ambiente riesce a incattivirsi, poco gestito dai soliti timidi arbitri (la chicca è un fallo tecnico fischiato a Rossato senza che poi vengano tirati i liberi di circostanza) che permettono qualche randellata di troppo, di qua come di là. Sfilacciata e forse già un po’ deconcentrata, la Effe alza la testa, permettendo un 7-2 firmato Cacciavillani (zero su diecimila fin qui) che fa dire 56-40 al 30’.

Sapendo che la frivolezza ogni tanto si impossessa della squadra, e nessun vantaggio può definirsi davvero saldo, ci sarebbe di che spaventarsi nel momento in cui ancora Cacciavillani, chiaramente il fratello bravo di quello visto prima, spara la tripla del -13. Brividini, a cui deve porre rimedio ancora Montano, che con due triple, un assist per un 2+1 di Venturoli e altro buon lavoro riporta Bologna al ventello. Cavriago ci mette del suo, sprecando un bel po’ di roba dalla lunetta, anche se di appoggiare la testa sulla mannaia e farsi decapitare ne ha voglia zero: la Conad non difende più tanto, e dal 67-45 al 67-52 è poi un attimo, e alla fine si deve ringraziare che il neoentrato Pellicciari da tre punti faccia uno su due, per non doversi trovare con solo dieci punti da conservare nei due minuti conclusivi. Per cui, 5 filati di Venturoli chiudono la faccenda, riportando la F alla vittoria dopo svariate sconfitte, e ricacciando fuori dalla testa il rischio di uscire dalla zona playout. E ora, tornati a vincere in casa – qualsiasi casa sia – che si lotti per tornare al Paladozza, a tutti i costi: va bene che Budrio ha portato bene, ma che a nessuno passi per la testa di prendere la cosa come buona. Ci sono abbonati che hanno pagato per un servizio, una storia da portare avanti ed una credibilità da conservare. Per cui, che ora si combatta sugli altri campi.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 3335 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:33 ram:37751344