Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

L’Emilia Romagna nella morsa dell’usura. Anche il fisco sta spingendo i cittadini verso i “cravattari”

usuraE’ un virus che prolifera soprattutto in momenti di crisi come questo. Momenti in cui c’è meno liquidità in giro, e soprattutto quando le banche stringono i cordoni. E’ allora che prospera l’usura. Il fenomeno nel 2009 si sta espandendo a macchia d’olio in tutta la penisola. Finiscono per esserne contagiate non solo le piccole imprese, ma anche le famiglie, che gli ultimi dati mostrano sempre più sovra indebitate (nella nostra regione, soprattutto nelle province di Modena e Reggio). Anche la recente febbre del superenalotto, assieme a quella delle scommesse sportive in generale e dei videopoker, pare abbiamo fatto la loro parte ad indurre molti italiani a contrarre debiti, che poi li hanno sospinti nelle mani dei cosiddetti “cravattai”.
L’Associazione Contribuenti Italiani (Contribuenti.it) rivela infatti che l’indebitamento delle famiglie nei primi sette mesi del 2009 è cresciuto dell’84.6%; seguito a ruota dall’aumento dell’usura, giunta al 68,4%.
Vittorio Carlomagno, presidente dell’Associazione Contribuenti, afferma che le famiglie a rischio-usura in Italia sono ormai 1.668.000; mentre le piccole imprese che si trovano sulla stessa soglia di rischio, o la hanno già varcata, sono ben 1.213.000; un fenomeno che ha assunto connotati sociali e che non può più essere ignorato.
L’indebitamento medio di una famiglia italiana è di 27.500 euro (senza contare l’ulteriore peso del debito pubblico su ciascun cittadino); quello di una piccola impresa media sfiora invece i 50mila euro (per la precisione 47.700).
Purtroppo anche l’Emilia Romagna è particolarmente esposta alle grinfie dei “cravattai”, spesso insospettabili professionisti, artigiani, commercianti, ma talvolta anche clan malavitosi di provenienza meridionale che stanno cercando di infiltrarsi nella regione (recentemente sono stati sequestrati nel riminese un albergo a altri beni di un clan familiare calabrese dedito all’usura). L’Emilia Romagna è infatti al quinto posto fra le regioni italiani più “incravattate”, preceduta da Piemonte, Campania, Valle d’Aosta (chi l’avrebbe mai detto!) e Sicilia; e seguita da Lombardia, Toscana, Veneto, Lazio e Puglia. Le regioni più indenni, per ora, sono Marche e Molise.
‘Purtroppo – conclude Carlomagno – i dati confermano che il fenomeno sta aumentando e che ancora non si è raggiunta la punta dell’iceberg. Anche in passato, ogni qual volta l’economia ha segnato brusche frenate, l’usura ha registrato delle forti crescite. Ora c’e’ un ulteriore problema. Anche in fisco sta indirettamente spingendo i cittadini verso l’usura. Ovvero, oltre la poca propensione alla elargizione del credito da parte delle banche si sta registrando un’aggressione al patrimonio familiare da parte del fisco, sia direttamente mediante la riscossione coattiva, sia indirettamente attraverso l’uso spregiudicato delle scommesse sportive, costringendo numerose famiglie monoreddito a richiedere prestiti. Tra queste, diverse sono quelle che si sono rivolte alle fondazioni antiusura”.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7145 articoli inseriti

Un Commento in “L’Emilia Romagna nella morsa dell’usura. Anche il fisco sta spingendo i cittadini verso i “cravattari””

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:35 ram:35279872