Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]o.com
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

In Emilia Romagna è cesareo un parto su tre. Esperti a confronto a Bologna

In Emilia Romagna un bambino su tre nasce con un parto cesareo. Un valore che porta la nostra regione a piazzarsi al sesto posto in Italia per percentuale di cesarei effettuati. In Emilia Romagna dunque la situazione è migliore rispetto a molte altre regioni italiane ma il numero di parti cesarei continua ad essere considerato troppo elevato. Il ricorso al bisturi varia molto anche all’ interno della nostra regione. Nei centri medio piccoli la percentuale di cesarei resta sopra il 40% ma può raggiungere punte molto più elevate, fino al 80%. La situazione è diversa, invece, per i grandi ospedali dove si registrano oltre 1000 nascite all’anno, queste strutture, infatti hanno visto calare del 3% il ricorso al taglio cesareo. Nei grandi centri nascita la percentuale dei cesarei si aggira intorno al 30% come al Policlinico di Modena (29,2%) e al Sant’Orsola di Bologna ( 35%). Il record dei cesarei va alle case di cura private. In questo caso il primato nazionale spetta proprio ad una clinica emiliana, Villa Regina di Bologna, con l’86% delle nascite tramite cesareo, seguita dalla Clinica città di Parma dove è cesareo poco più di un parto su due. I dati sono stati resi noti ieri nel corso di un convegno organizzato dall’Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna, in collaborazione con l’Organizzazione mondiale della sanità al policlinico Sant’Orsola di Bologna. Tra le attività di Onda c’è anche la promozione di azioni per la riduzione dei cesarei. Un tema caro anche al ministro della salute Ferruccio Fazio che nei giorni scorsi ha esposto il suo piano di riforma al convegno dei Ginecologi a Milano. Un piano, accolto positivamente di medici, che prevede la chiusura dei punti nascita con meno di 500 parti l’anno, circa il 30% dei reparti maternità esistenti oggi in Italia, e l’accorpamento di quelli che non raggiungono i mille.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7145 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:32 ram:35218128