Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Il Pm chiede l’archiviazione dell’accusa di violenza sessuale per l’uomo che dirigeva un’associazione “salva-prostitute”. Ad accusarlo erano state una ragazza nigeriana e la Casa delle Donne

Richiesta di archiviazione per l’accusa di violenza sessuale per improcedibilità per mancanza di querela, anche se l’accusa è stata in astratto ritenuta non infondata dalla Procura; avviso di fine indagine, che solitamente prelude alla richiesta di rinvio a giudizio, per diffamazione aggravata a mezzo stampa della Casa delle Donne e di una sua operatrice. E’ la conclusione dell’inchiesta del Pm di Bologna Valter Giovannini su Antonio Dercenno, presidente e fondatore dell’associazione Fiori di Strada onlus, che opera contro la tratta e lo sfruttamento della prostituzione e il reinserimento delle donne che abbandonano il marciapiede. Dercenno, 49 anni, ex sindacalista Cgil, tra i promotori dell’Avvocato di Strada, era finito indagato dopo che una nigeriana di 20 anni nell’autunno 2008 aveva riferito alla polizia di avance dell’uomo. Un’altra ragazza nigeriana aveva fatto sentire apprezzamenti sessuali registrati su un telefonino che, aveva detto, avrebbe pronunciato Dercenno. Altre confidenze erano state raccolte da agenti, ma, ovviamente, non sono utilizzabili processualmente. “Durante il corso delle indagini – ha osservato l’avv.Fabrizio Petix, che assiste Dercenno – le informazioni sono rimaste unicamente delle voci, mai l’autorità giudiziaria ha ritenuto di far formalizzare delle querele. E’ indicativo quale fosse il grado di certezza e di probabilità delle accuse. Gia nel corso delle indagini lo stesso Pm aveva chiesto di intercettare i numeri telefonici di Dercenno: il Gip rigettò e nel provvedimento sottolineò il fatto che non erano sufficienti le sole voci”.
La diffamazione era nata invece da una querela della Casa delle donne per non subire violenza che aveva denunciato Dercenno, perché in un comunicato stampa aveva sostenuto che le accuse mosse derivassero da rancori e sentimenti di invidia e odio personale nei suoi confronti. Dercenno aveva annunciato a sua volta una querela nei confronti della Casa delle Donne: “Non c’é mai stata una nostra querela – ha puntualizzato Petix – perché non si voleva contribuire a quel clima d’odio che correva a Bologna tra tutti gli operatori e che ostacolava l’operato in generale di chi opera contro la tratta delle donne. Ovviamente in tutta questa vicenda c’é stato un danno irreparabile nei confronti della persona Antonio Dercenno e dell’associazione Fiori di Strada, che ha paralizzato completamente l’attività”.
(ANSA).


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 7150 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:30 ram:37803088