Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Il PD bolognese dice sì al nuovo esecutivo ma “Dobbiamo dettare noi l’agenda”

“Governo Letta sì, purché sia un Governo al servizio del Paese e soprattutto a tempo”. Il PD bolognese tenta di ricompattarsi per appoggiare il nuovo esecutivo e il segretario Raffaele Donini rincalza: “Dobbiamo dettare noi l’agenda”.

La ricostruzione del PD passa da Bologna, dove da giorni i più giovani dei democratici di sinistra cercano di riaggiustare i cocci rotti e dare una nuova luce a un partito che racchiude in sé molte contraddizioni. In campo sono scesi gli assessori trentenni di Palazzo D’Accursio Matteo Lepore, Luca Rizzo Nervo e Andrea Colombo, sostenitori di Bersani alle Primarie, e il consigliere renziano Benedetto Zacchiroli.
“Ok al Governo Letta, purché sia un Governo al servizio del Paese – dice la segreteria di via Rivani – e purché si lavori in accordo con il Pdl per un tempo limitato ed esigibile”. I punti cardine restano i provvedimenti in materia economica e sociale, la riforma della legge elettorale, il taglio dei costi della politica e l’avvio di una riforma della seconda parte della Costituzione.
“Dobbiamo sentirci impegnati ad essere noi a dettare l’agenda del Governo nei punti essenziali- incalza il segretario Raffaele Donini – sapendo che riusciremo a risalire la china del rapporto con la nostra gente e con i cittadini italiani se ad essi arriveranno da subito risposte concrete”.
E sulla situazione del partito: “Si ricostruisca il Pd a partire dai territori e non dalle correnti o dai riposizionamenti politici personali o collettivi e non si disperda quel grande patrimonio di partecipazione politica che è rappresentato dai nostri iscritti, militanti, elettori che oggi sono, come lo siamo noi, preoccupati ed avviliti”.
Dalla relazione di Donini prende le distanze il consigliere comunale Francesco Errani, che spiega: “Bisogna riconoscere gli errori e chiedere scusa ai nostri elettori”. E poi: “Il PD bolognese individua solo responsabilità nazionali, ma anche chi ha sposato quelle idee sul territorio ne ha”. Ma Errani è l’unico dei 68 dirigenti PD presenti alla riunione “fiume” di mercoledì sera ad andare contro corrente: la relazione di Donini sulle ‘larghe intese’ è stata approvata dagli altri 67.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 906 articoli inseriti

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:31 ram:30253576