Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Il dramma di Rossi: caduta e frattura, mondiale addio

E’ il primo serio incidente della sua carriera. Fino ad oggi non aveva mai saltato un Gp. Gli auguri di Montezemolo

Finisce decisamente male il week end del Gp d’Italia per Valentino Rossi. Il pilota-mito del motociclismo aveva iniziato il suo sabato, come di consueto da qualche stagione a questa parte, con un nuovo casco che, in questa edizione, reca una carta jolly nella parte superiore. Rossi era all’attacco, per confermare, nonostante il fastidio alla spalla – causato da una caduta in allenamento con la moto da cross – la sua supremazia sul compagno di squadra, lo spagnolo Jorge Lorenzo, attuale leader della classifica iridata. Le prove libere dovrebbero servire per finire la messa a punto della moto in vista del turno di prove ufficiali del pomeriggio, ma il livello era già molto elevato.
Rossi a circa 15 minuti dalla fine del turno era terzo, davanti a tutti c’era Jorge Lorenzo. Rossi passa sul rettilineo, stacca forte, va verso la prima curva, sale sulla collina. Il suo compagno di squadra sembra migliorare il suo tempo e Valentino arriva dentro le due curve “Biondetti”, via la prima, mentre nel cambio di direzione non si capisce bene cosa sia successo. Sullo schermo il blu e il giallo che fanno la livrea di Rossi si mischiano. Poi l’immagine che ogni motociclista non vorrebbe mai vedere. Valentino è a terra, si tiene la gamba destra. Da sotto il casco si vede la smorfia di dolore.
Ecco cosa è successo: nel cambio di direzione, la moto di Vale si ‘intraversa’, perdendo aderenza sulla gomma posteriore. Inevitabilmente, la stessa gomma, con l’abbassarsi della velocità di rotazione, riacquista la presa sull’asfalto trasformandosi in una balestra per Rossi che viene proiettato in aria per cadere pesantemente sulla gamba destra. I soccorsi, tempestivi ed efficaci del circuito del Mugello, trasferiscono Vale nel centro medico della pista della Ferrari.
Tra i medici che si precipitano da Rossi ci sono Claudio Costa della Clinica Mobile e Claudio Macchiagodena, medico responsabile della Dorna. Le condizioni non sono buone, i due sanitari lo capiscono subito. Tra i primi a uscire dal centro medico c’é Katie Baines, addetta stampa del Team Yamaha che avverte i giornalisti della lesione di Valentino. Rossi ha una frattura esposta della tibia della gamba destra e come se non bastasse l’osso è uscito dalla gamba, fortunatamente senza ledere vasi sanguigni o nervi. Vale viene quindi sedato.
Nel frattempo la notizia si sparge nell’autodromo e una folla di tifosi difficile da contenere, arriva al centro medico. Il dolore deve essere atroce per Rossi, che ha accanto a sé Claudio Costa, vero angelo custode per i piloti della Motogp.
“La frattura è più seria di quello che ci aspettavamo – dice Costa – per il fatto di essere esposta e scomposta. Speriamo che Vale riesca a risorgere da questa frattura e dal dolore”.
Costa é visibilmente commosso e alla domanda riguardo al decorso clinico della guarigione, riusciva a dire: “Adesso non riesco a rispondere, non ce la faccio”. E’ Claudio Macchiagodena a ribadire: “Ci vorranno dalle 6 alle 8 settimane, dipende da molti fattori”. Intanto si organizza il trasferimento di Rossi con l’elicottero, al CTO di Firenze. Lì lo aspetta il Professor Buzzi che cercherà di ridurre la frattura rimettendo le ossa al loro posto, sarà lui a decidere se operare subito Vale o attendere altre verifiche cliniche. Certo è che la gara del Mugello, tradizionale festa per gli italiani, non vedrà le tradizionali gag di Valentino dedicate agli appassionati che vengono ogni anno a riempire le colline dell’autodromo. (In serata fortunatamente si è saputo che l’operazione si è conclusa nel migliore dei modi e che Valentino ha perfino ritrovato il sorriso – ndr). Foto di repertorio.

POCHE CADUTE IN CARRIERA:
QUESTA E’ LA PRIMA VERAMENTE GRAVE
FINO AD OGGI MAI SALTATO UN GP

Fino alla rovinosa caduta di oggi al Mugello in cui ha riportato la frattura di tibia e perone della gamba destra Valentino Rossi aveva sempre goduto di un occhio di riguardo dalla fortuna in tema di incidenti in gara. Poche, pochissime le fratture o le cadute importanti. Rossi ha una carriera invidiabile per un motociclista. Il 2010 è il quindicesimo anno di Rossi al mondiale, iniziò nel 1996 con la classe 125, da allora ha corso 230 gare e vinto 104 gran premi e nove titoli mondiali, meglio di lui ha fatto solo Giacomo Agostini. Ripercorrendo la carriera di Rossi sono poche le cadute che gli hanno condizionato la gara o fatto buttare via mondiali. Rossi al suo esordio è caduto tanto, 23 volte nella prima stagione mondiale in sella all’Aprilia 125 del Team AGV, tutte scivolate che non hanno mai fatto saltare una gara di quella stagione al giovane Vale. Gli anni della 250 hanno visto il Dottore incerto nella prima stagione, nel 1998, ancora protagonista di innocue scivolate, che non gli hanno permesso di conquistare l’iride al debutto. Poi la 500, con la Honda. Nel 2002 viene ricordata unacommozione celebrale sofferta per una caduta in prova nel GP d’Inghilterra a Donington Park. Rossi sarà regolarmente al via della corsa che vincerà come il titolo iridato di quell’anno. Nel 2004, nel primo anno in Motogp con la Yamaha, Rossi cade in gara nel Gp del Qatar. In quell’occasione Valentino era stato retrocesso in ultima posizione sulla griglia di partenza poiché un membro del suo team fu scoperto a pulire la piazzola di partenza di Rossi, la sera di sabato, prima della gara. Nel disperato tentativo di rincorsa sullo spagnolo Sete Gibernau su Honda, Vale finì in terra lacerandosi la mano sinistra. Anche quell’anno però Rossi non saltò un GP e vinse il titolo. Nel 2006 una micro frattura alla mano sul circuito di Assen in Olanda non impedisce a Valentino di finire la gara all’ottavo posto. Il 2006, però non sarà positivo per Rossi. Il titolo andrà all’americano Nicky Hayden su Honda. L’anno successivo, il 2007, Rossi si frattura una mano all’ultimo Gp dell’anno a Valencia. Vale si ritira in quell’occasione e il titolo andrà a Casey Stoner con la Ducati. Nell’aprile scorso Valentino aveva subito un incidente alla spalla cadendo in un allenamento di motocross. Con la caduta di oggi Rossi sarà certamente assente dalle gare per almeno due mesi, rischiando di perdere come minimo sei gare, rinunciando a tutte le chance di difendersi dal compagno di squadra, Jorge Lorenzo, oltre all’addio alla rincorsa del decimo sigillo iridato.

MONTEZEMOLO: “TORNERAI PIU’ FORTE”

“Tornerai più forte di prima”. La convinzione di Luca di Montezemolo è la stessa di tutta la gente della Ferrari che, attraverso ferrari.com, ha voluto mandare un messaggio di auguri e di sostegno a Valentino Rossi. “Tutta la Ferrari è con te in questo momento difficile – ha aggiunto Montezemolo – siamo certi che sarai presto di nuovo in pista, ancora più forte di prima. Se durante la convalescenza avrai voglia di allenarti un po’ su quattro ruote, ricordati che la porta di Maranello per te è sempre aperta”. (ANSA).

(ANSA).


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 7150 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:33 ram:37823360