Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Finale Emilia: le due ipotesi del prefetto per il comune

Potrebbero essere rimossi dei dirigenti o il comnue di finale Emilia potrebbe venire sciolto. Sono queste le ipotesi del prefetto di Modena per l’amministrazione toccata dall’inchiesta Aemilia.

Sono lo scioglimento o almeno la rimozione di alcuni dirigenti, le due possibilità contemplate per il Comune di Finale Emilia dal prefetto di Modena, Michele di Bari, che ha ricevuto nelle settimane scorse la relazione dei tre commissari designati per verificare le eventuali infiltrazioni della malavita nella ‘macchina’ comunale finalese. A riportare la notizia sono state la Repubblica e la Gazzetta di Modena.

Il prefetto dovrà proporre a breve al Ministero dell’Interno, con una relazione, quanto valutato per una amministrazione comunale toccata a inizio anno dall’inchiesta ‘Aemilia’ dei carabinieri, con l’arresto dell’ex responsabile dei Lavori Pubblici Giulio Gerrini per abuso di ufficio e con l’assegnazione di lavori per la ricostruzione post sisma alla ditta Bianchini, ritenuta in contatto con ambienti malavitosi. Nello specifico della relazione prefettizia, ci sarebbe la mancanza di un segretario generale nel Comune ad aver favorito determinate condotte abbassando il grado di legalità dell’ente. “Non ho mai negato ci siano state inadempienze burocratiche e mi prendo la responsabilità politica di quanto è avvenuto – ha affermato in più occasioni il sindaco di Finale Emilia, Fernando Ferioli, del Pd – ma il nostro non è un Comune mafioso. Anche l’accusa mossa all’ex capo dei Lavori pubblici lo dimostra. Noi abbiamo lavorato tanto per la ricostruzione dopo il terremoto e vogliamo andare avanti”.

Un “no” a quelle che vengono definite “soluzioni compromesso” è arrivato dal consigliere regionale della Lega nord Stefano Bargi– “nessun piano B, la trasparenza prima di tutto- ha affermato- Di fronte ad accuse pesantissime nessuno pensi di salvarsi con un repulisti dei dirigenti. Il problema è di chi avrebbe dovuto controllare e non l’ha fatto”. Giulia Gibertoni, capogruppo M5s in Regione, è invece tornata a chiedere l’istituzione di una commissione permanente sulla legalità.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Vittorio Pastanella

Autore

Articolo scritto da: | 985 articoli inseriti

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:34 ram:30275112