Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Femminicidio, approvato il decreto legge. Pene più severe, querela irrevocabile e allontanamento del coniuge violento

Arresto in flagranza per i responsabili di maltrattamenti familiari e stalking, patrocino legale gratuito per chi è vittima di uomini violenti e non può permettersi un avvocato e immediato allontanamento coatto da casa del coniuge, se c’è un rischio per l’integrità fisica della donna. Sono alcune delle novità contenute nel decreto legge contro il femminicidio approvato oggi dal Consiglio dei Ministri. Il testo si compone di 12 articoli e prevede anche l’aumento di un terzo della pena se alla violenza assiste un minore di 18 anni, oltre a pene più severe se le aggressioni sono commesse nei confronti di una donna in gravidanza o da parte del coniuge, anche se separato, e dal compagno, anche non convivente. Altro capitolo importante: la querela non sarà più revocabile, questo per evitare che la vittima sia poi sottoposta a pressioni e intimidazioni volte al ritiro della stessa. L’annuncio dell’approvazione del decreto legge, che punta anche alla repressione del cyberbullino e al contrasto alla violenza negli stadi, è stato dato dallo stesso premier Enrico Letta con un tweet a seduta in corso: “L’avevamo promesso. Lo facciamo”. Lo stesso Letta ha poi voluto ringraziare l’ex ministro dello sport e delle pari opportunità, Josefa Idem,che aveva avviato il lavoro in questa direzione prima di essere travolta dal caso Imu che l’ha portata alle dimissioni lo scorso 24 giugno. Impressionanti sono i numeri del femminicidio in Italia: nei primi sei mesi del 2013 81 donne sono state uccise e nel 75% dei casi il responsabile appartiene alla sfera familiare o affettiva. Donne come Silvia Caramazza, la cui tragica fine – uccisa e poi nascosta in un congelatore – ha scosso la città di Bologna circa un mese fa o come Jamila Assafa accoltellata in casa a Budrio dal marito dopo una lite nello scorso mese di febbraio. Certo il dilagare della violenza di genere richiede un ampio e profondo lavoro culturale ma la vita delle donne non può aspettare e l’auspicio è che la linea dura adottata dal Governo possa contribuire a fermare questa strage di donne di cui spesso l’autore è l’uomo che dovrebbe amarle e proteggerle.

rtmp://178.32.136.159:1935/telecentro/rvm_femminicidi_20130809.mp4
Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Barbara Paknazar

Autore

Articolo scritto da: | 397 articoli inseriti

Un Commento in “Femminicidio, approvato il decreto legge. Pene più severe, querela irrevocabile e allontanamento del coniuge violento”

  • Oreste scritto il 9 agosto 2013 pmvenerdìFridayEurope/Rome 18:15

    La legge è stata ampliata con la facoltà attribuita alle forze di polizia di intervenire anche su segnalazione di terzi informati sul fatto. Ma rimanendo il reato procedibile a querela, anche se irrevocabile, necessita comunque la conferma della notizia giunta da terzi.e la manifestazione della volontà di volere la punizione del colpevole. A mio parere, la donna è stata posta tra incudine e martello, non avendo più la possibilità di tenere a bada l’autore del reato per divieto di rimettere la querela e lasciando solo a lei la condizione di procedibilità . A mio parere il parlamento nell’esaminare il decreto per l’approvazione o modifica dovrà disporre la procedibilità d’ufficio, in modo che non dovrà essere la donna a decidere se far condannare, ma l’esito delle prove raccolte a seguito di notizia giunta alla P.G.

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:32 ram:30393768