Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Farmamarket: un’archiviazione e 21 richieste di rinvio a giudizio

Per quattro anni è rimasto negli scomodi panni dell’indagato di associazione per delinquere, falso in certificazione e truffa ai danni del Sistema sanitario nazionale. Ora per il prof. Pierluigi Zinzani, ematologo di fama internazionale del Policlinico Sant’Orsola di Bologna, è arrivata l’archiviazione. A deciderla è stato il Giudice per le Indagini Preliminari, su conforme richiesta della Procura. “Dopo più di quattro anni di indagini è stata riconosciuta l’innocenza del Prof. Zinzani”, ha sottolineato l’avv. Massimo Leone che con Mario Giulio Leone ha difeso il docente. Zinzani era finito indagato nell’inchiesta cosiddetta ‘Ricettopoli’ o ‘Farmamarket’, insieme ad una ventina di colleghi, ad alcuni farmacisti ed informatori scientifici. In pratica era stato accusato di aver partecipato ad un’organizzazione dedita a truffare il Servizio Sanitario Nazionale mediante la prescrizione fittizia di costosissimi farmaci salvavita a pazienti ignari e, in alcuni casi, addirittura, deceduti. Prima ancora del processo, però, le indagini hanno dimostrato l’assoluta estraneità dell’ematologo rispetto a tutti i fatti che gli venivano contestati. Il Prof. Zinzani non ha nascosto l’amarezza per essere finito in questa brutta vicenda, ma ha manifestato – tramite i suoi legali – “la propria soddisfazione per essergli stata riconosciuta dal Tribunale quell’innocenza che da sempre ha gridato”. Il pm della Procura di Bologna Enrico Cieri ha chiesto il giudizio per 21 persone coinvolte nell’inchiesta ‘Farma-Market’. La scorsa estate 28 avvisi di fine indagini erano stati notificati a medici, farmacisti e collaboratori di un’impresa farmaceutica. Oltre a Zinzani, l’archiviazione è stata chiesta e decisa poi dal Gip per altre cinque persone; in precedenza era stato stralciata e archiviata inoltre la posizione di un altro medico, Valerio Chiarini (assistito dall’avvocato Massimo Leone). All’inizio l’inchiesta aveva una cinquantina di indagati. I fatti risalgono al periodo dal 2004 al 2009, quando l’inchiesta divenne pubblica. Nel 2009 erano inoltre state emesse anche sei misure cautelari per altrettanti indagati, e 10 misure interdittive per 10 medici. Secondo quanto avevano accertato le indagini, i medici emettevano le ricette senza effettiva necessità terapeutica, i farmaci venivano ‘acquistati’ dall’informatore scientifico della ditta coinvolta (Italfarmaco) e poi ‘smaltiti’ in vari modi grazie ad una sua collaboratrice. Ai medici compiacenti arrivavano regalie, come un orologio Rolex e un home theatre.

(Fonte Ansa)


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7006 articoli inseriti

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:32 ram:30269344