Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Emergenza profughi: “sessanta ragazzi dormono nei parchi, fuori dal piano di accoglienza”

Sono sessanta, forse settanta. Vivono da un mese per strada.  Sono maschi, tra i 16 e i 36 anni. E sopratutto sono profughi provenienti dall’Africa , tunisini, libici, e con un permesso di soggiorno temporaneo in mano. Sono arrivati a Bologna da tempo, ma non si sa come. Transitati per Lampedusa pare siano stati trasferiti in altri centri di accoglienza del sud Italia. Poi non si sa come, da questi centri dove avrebbero dovuto avere un posto letto garantito, un po’ per caso, un po’ forse perché indirizzati, si sono messi in viaggio verso il nord e sono arrivati a Bologna. Qualcuno deve aver messo loro in tasca qualcosa per affrontare il viaggio, una manciata di spiccioli, ma non si sa chi. Non rientrano comunque nel piano di accoglienza regionale per i profughi libici, ma hanno un permesso temporaneo. Rientrano infatti nel cosiddetto articolo 20, cioè nel piano straordinario di accoglienza da adottarsi in caso di eventi eccezionali.

A lanciare l’allarme è stata l’associazione di volontariato Pari Opportunità e Sviluppo, che da giorni si occupa dell’assistenza medica e di fornire generi di prima necessità. I ragazzi, di cui alcuni minorenni e altri malati, dormono all’aperto, tra i giardini della Montagnola, di via del Lavoro e via Ferrarese, a Bologna. Il numero preciso è ancora incerto. “La protezione civile ci ha incaricato di compilare un elenco- spiega il presidente dell’associazione e medico Abdel Fatthwesam- Stanotte il nostro elenco contava 35 persone, con nome cognome e numero del permesso temporaneo”. Il fatto è che, continua Abdel Fatthwesam, “ogni giorno compaiono ragazzi nuovi, che non abbiamo mai visto”. L’associazione Pari Opportunità e Sviluppo fornisce cibo e assistenza sanitaria ogni giorno, ma chiede aiuto alle autorità. L’associazione ha coinvolto le istituzioni, ma, racconta Abdel Fatthwesam, “stanno giocando allo scarica barile. Mi sono rivolto all’assessore regionale allo Politiche sociali Teresa Marzocchi, che mi ha detto che la competenza è del Comune. Allora mi sono rivolto al Comune, ho parlato con la dirigente Annalisa Faccini, che si occupa dei servizi sociali. Mi ha suggerito di chiamare l’Asp poveri vergognosi almeno per cercare un letto ai ragazzi malati. Ma non c’è posto”. Infine il presidente di Pari Opportunità e sviluppo si è rivolto alla Protezione civile, racconta, che però senza il via libera del Comune ha le braccia legate. Le istituzioni sanno, la Questura sa, ma, denuncia Fatthwesam, si sono chiusi “nel silenzio”. Pari Opportunità e Sviluppo si affida a Facebook per lanciare un appello alle istituzioni cittadine che, si legge in un post dell’Associazione, “stanno volutamente ignorando quest’emergenza umanitaria”. Ma l’appello è rivolto anche ai bolognesi, perché portino cibo, e vesti ai ragazzi. In attesa che le autorità decidano sul da farsi.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 1565 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:31 ram:37881464