Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Caso Devid: il tribunale toglie ai genitori la potestà sugli altri quattro bambini

Di questi i due figli più grandi erano già stati dati in affido ad un'altra famiglia

Il tribunale per i minori dell’Emilia Romagna ha sospeso la potestà sui figli ai genitori del piccolo Devid, il neonato morto a soli 23 giorni a Bologna la settimana scorsa. I bambini verranno affidati al Comune. I genitori se lo vorranno potranno, in condizioni di sicurezza, continuare ad avere rapporti coi piccoli.

Ai genitori del piccolo Devid, il neonato di 23 giorni morto per problemi polmonari forse a causa del freddo il 5 gennaio scorso a Bologna è stata sospesa la potestà genitoriale. Il provvedimento emesso dal Tribunale per i Minori di Bologna coinvolge il fratello gemello del piccolo e la sorellina di un anno e mezzo avuta dalla madre con un altro uomo, oltre ai due figli più grandi della donna già precedentemente dati in affido.

I magistrati hanno stabilito che il tutore dei bambini sarà il Comune di Bologna ed è stata aperta la pratica di adottabilità per i bambini.
I due figli più piccoli attualmente si trovano in una struttura protetta dopo che a seguito della tragedia i due genitori avevano accettato di darli in affido volontario e per ora rimarranno lì.
“L’apertura del procedimento e’ un atto dovuto, fatto in conseguenza del ricorso presentato dalla Procura dei minori”, ha spiegato ai cronisti il presidente del Tribunale, Maurizio Millo.

La procedura per l’adottabilità avrà tempi lunghi e dovrà essere accertato che ne esistano i requisiti. In caso andasse a buon fine poi, i genitori potrebbero opporre ricorso, ovviamente con il sostegno di un legale. Il tribunale ha disposto che i genitori possano continuare ad avere rapporti con i bambini in caso lo desiderino. Sarebbe stata proprio la paura di perdere altri figli ad avere persuaso la donna negli ultimi mesi a non chiedere aiuto ai servizi sociali. I contatti dovranno avvenire in sicurezza.

Sulla vicenda della morte del piccolo è intervenuto il procuratore aggiunto di Bologna Valter Giovannini che ha invitato gli organi di stampa ad abbassare l’attenzione sul caso, per evitare di nuocere alle indagini, rischiando di condizionare sul piano emotivo futuri testimoni.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Barbara Paknazar

Autore

Articolo scritto da: | 526 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:34 ram:35202696