Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Casalesi: arrestato a Modena Antonio Corvino

Le squadre mobili di Caserta e Modena e hanno arrestato un ventitreenne esponente del clan del Casalesi, che secondo le accuse era a Modena per ricostituire un gruppo criminale.

E’ stato decisivo il pedinamento di alcuni presunti fiancheggiatori nella cattura di Antonio Corvino, 23 anni, ritenuto un elemento emergente del clan dei Casalesi arrestato ieri in un appartamento a Modena dalla Squadra Mobile di Caserta coadiuvata da quella della città della Ghirlandina. Il giovane, soprannominato “O malese” come il boss di una serie televisiva ha precedenti per estorsione, ricettazione, porto di armi improprie, truffa e reati contro la persona. Fino a qualche settimana fa era agli arresti domiciliari nel Casertano a San Cipriano d’Aversa, suo paese d’ origine, ma poi si è improvvisamente allontanato dal suo domicilio rendendosi irreperibile e diventando così destinatario di un provvedimento di custodia cautelare in carcere. Corvino era stato coinvolto in un’indagine coordinata dalla Dda di Bologna che, nell’aprile del 2012, aveva portato all’arresto per estorsione e rapina aggravata dal metodo mafioso di 8 persone, tutte di origine campana e da tempo residenti nella provincia di Modena, tra le quali lo stesso 23enne. Secondo le indagini – scaturite dalla denuncia di un imprenditore anch’egli di origini campane, attivo nel comparto ceramico di Sassuolo – il gruppo criminale, presentandosi a nome ‘del clan dei Casalesi, gruppo Schiavone’, recuperava i crediti vantati da alcuni imprenditori, aggiungendo una percentuale come loro compenso; alle vittime Corvino e gli altri arrestati si rivolgevano vantando l’ appartenenza al clan e affermando di ‘essere gli eredi di Sandokan’, ovvero del capo clan Francesco Schiavone. Le indagini avevano individuato come vittime 5 imprenditori locali del settore edile, alcuni dei quali sarebbero stati anche malmenati e minacciati con una pistola. Gli inquirenti ritengono che Corvino fosse ritornato in Emilia per ricostituire il gruppo criminale. Quando è stato catturato, il giovane è stato trovato in compagnia di due donne, originarie del casertano, che sono state denunciate a piede libero per favoreggiamento personale.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Vittorio Pastanella

Autore

Articolo scritto da: | 987 articoli inseriti

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:28 ram:30390040