Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: redazione@telesanterno.com
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Calcio: il Parma sogna… a metà strada fra zona Champions e zona salvezza

Parma CalcioE’ durato un giorno, quello dell’anticipo, il sogno del Parma in zona Champions League, ma la vittoria contro la Fiorentina di ieri sera è decisamente il successo della svolta per il club emiliano. Milan e Samp oggi hanno scavalcato nuovamente la squadra emiliana tornata al quinto posto, e sulla lavagna dello spogliatoio gialloblù si segnano ancora i punti che mancano alla salvezza (ieri -17, scritto a pennarello al termine del match dall’amministratore delegato Pietro Leonardi); ma la stagione cambia decisamente prospettiva grazie al 3-2 di Firenze. La provincia emiliana è tornata infatti ad essere felice come un tempo, quando la salvezza era cosa d’altri o, peggio, si lottava in serie B. Ed è destino che la definitiva consacrazione della squadra di Guidolin sia arrivata proprio contro quel Prandelli che assieme al suo vice Pin e i vari Gilardino, Frey, Marchionni, Donadel e Mutu aveva segnato l’ultima stagione del Parma fra le grandi. “Ieri sera l’abbiamo fatta grossa – commenta oggi il presidente Tommaso Ghirardi pensando allo sgambetto al suo amico Prandelli – ringrazio il nostro allenatore e i miei giocatori. Entrambe le squadre volevano vincere ed è stata una bella partita. Per noi, non lo nascondo, è una grande vittoria. Noi qui dobbiamo dare atto al nostro direttore Leonardi di avere fatto cose eccezionali – prosegue – Zaccardo è stato rilevato con un pagamento piuttosto lungo di qualche milione di euro, Panucci è arrivato a parametro zero, anche se con un ingaggio elevato, Bojinov è un grande prestito”. Applausi prolungati proprio per il bulgaro che ieri, segnando il secondo gol alla Fiorentina, ha “vendicato” la sua avventura non certo a lieto fine con la maglia viola. “Per noi è stato un grande successo portarlo al Parma – aggiunge Ghirardi – Ci siamo riusciti perché veniva da due infortuni gravi, ora vedremo in Primavera cosa fare con il Manchester City, proprietaria del cartellino”. Bojinov segna, Amoruso risponde, Lanzafame sigilla il 3-2 finale. Il Parma si permette anche di vincere lasciando in panchina il gioiello Mariga e con Paloschi fermo ai box. “Ma il Parma vince per il suo gruppo non certo per i singoli – replica lo stesso attaccante dell’under 21 – La nostra forza è che chiunque entra fa bene. Tutti sanno cosa fare una volta chiamati in campo da Guidolin”. E la gara di Firenze ne è stata la dimostrazione più evidente. “Intanto però pensiamo alla salvezza”, ripete Paloschi. Ieri al termine dell’incontro avevano detto a turno la stessa cosa Guidolin, Bojinov, Lanzafame, Amoruso e Panucci. A Parma si può fare anche questo: sognare restando con i piedi saldamente a terra. Quel -17 significa sempre qualcosa.

AI VIOLA NON BASTA LA DOPPIETTA DI GILARDINO. GLI EMILIANI IN ZONA CHAMPIONS

E’ iniziato male per la Fiorentina il nuovo ciclo di ferro: il Parma è riuscito nell’impresa di espugnare il Franchi con un successo per 3-2 che racchiude gol, emozioni e anche molti errori, compresi quelli commessi dall’arbitro Orsato, incapace da subito di tenere in pugno il match. Però, i viola, come ammetterà a fine gara anche lo stesso Prandelli, hanno pagato anche i tanti sbagli commessi: vero che pure stavolta mancavano diversi giocatori (cinque, fra infortunati e squalificati) ma difesa e centrocampo non hanno mai saputo opporre resistenza, concedendo agli avversari spazi continui e invitanti che il Parma ha saputo ben sfruttare. A nulla è valsa la doppietta di Gilardino che ha dapprima sbloccato la partita, poi ha rimontato il primo vantaggio emiliano arrivato a inizio ripresa con l’ex Bojinov, scattato però in lieve fuorigioco. Gol irregolare e mille proteste viola come pure nel finale quando l’arbitro ha espulso Donadel per doppia ammonizione e quindi, in pieno recupero, dopo un mani di Morrone in errore. Non clamorosa, come nel caso di Henry, ma comunque sufficiente a far infuriare definitivamente la Fiorentina ed i suoi tifosi. Che da domani dovranno concentrarsi sul Lione: forse un bene. La squadra viola si è presentata al cospetto del Parma sempre in situazione d’emergenza. Tra gli emiliani privi di Paloschi spazio in attacco ad Amoruso e Bojinov alla prima volta da ex a Firenze, mentre Guidolin ha scelto inizialmente uno schieramento prudente. La gara, preceduta da cori partiti dalla curva Fiesole contro Lippi e Guidolin, si è accesa subito anche perché le due squadre sono di quelle che giocano e lasciano giocare. Così le occasioni già nei primi 45 non sono mancate, da Marchionni a Bojinov fino al vantaggio viola arrivato al 26′ con Gilardino su assist di Santana. La gioia per il vantaggio però è durata pochissimo: dopo 4′ il Parma è riuscito a pareggiare con Amoruso. Nella ripresa è continuata l’altalena di emozioni e soprattutto di gol: al 7′ il Parma è passato in vantaggio con Bojinov (poi insultato dai suoi ex tifosi) che ha sfruttato, scattando in fuorigioco, l’immobilismo della difesa viola. Prandelli ha tolto Santana e inserito Castillo, però ad andare a segno è stato ancora Gilardino che al 17′ ha sfruttato abilmente di testa un angolo battuto da Vargas. Ma anche stavolta la gioia è durata poco, complice pure il salvataggio di Lucarelli su una palla-gol di Castillo: Lanzafame su lancio di Panucci ha approfittato dell’ennesimo svarione difensivo avversari ed ha riportato in avanti il Parma. A quel punto la strada si è fatta davvero in salita per i viola rimasti pure in dieci che comunque hanno avuto le loro occasioni per raddrizzare il match come nei minuti di recupero quando Mirante ha parato su Gilardino. Ma i viola hanno commesso molti errori e il Parma meritatamente ne ha approfittato operando anche il sorpasso in classifica.

PRANDELLI “FIORENTINA, GRANDI INGENUITA’”. GUIDOLIN “ORGOGLIOSO DI QUESTO PARMA”

Per l’allenatore della Fiorentina, Cesare Prandelli, le colpe della sconfitta dei viola vanno addebitate esclusivamente ad alcune errori evitabili commessi dalla squadra ed alla buona partita del Parma. “Abbiamo commesso delle grandi ingenuità – ammette il tecnico – che da mesi non commettevamo, e abbiamo perso la partita contro una buona squadra. Peccato, perché quando abbiamo recuperato lo svantaggio la partita era in mano nostra ed ho pure pensato di vincerla. Invece abbiamo letto male il pallone di Panucci sul gol del 3-2”. Niente recriminazioni per l’espulsione di Donadel, sulla quale però Prandelli rivela un retroscena: “L’arbitro non ha visto il fallo, che peraltro c’era, ed e ‘stato consigliato dal quarto uomo, il che e’ legittimo; ma allora il quarto uomo deve collaborare per tutti i 90′, in questo modo qualche errore dell’arbitro si eviterebbe”. L’imperativo per la Fiorentina adesso, come predica Prandelli, è dimenticare la sconfitta e pensare subito alla Champions: “Non abbiamo il tempo di recriminare, perché martedì abbiamo la partita più importante della stagione: quella con il Lione”. D’accordo con Prandelli è Alberto Gilardino, autore dei due gol viola: “Abbiamo perso una partita incredibile, peccato perché alla fine potevamo pareggiare. Adesso però dobbiamo pensare al Lione”.
In casa del Parma l’euforia per la vittoria è tanta: l’allenatore Francesco Guidolin per esempio spiega che “siamo molto soddisfatti, perché abbiamo fatto una buona partita, abbiamo meritato di vincere ma anche la Fiorentina è stata brava: abbiamo affrontato un avversario molto forte e per batterlo c’é voluto un Parma spettacolare”. Guidolin aggiunge che “il momento più brutto della nostra partita è stato quando vincevamo 2-1: abbiamo abbassato i ritmi e la Fiorentina ci ha puniti, poi abbiamo ricominciato a giocare come all’inizio, tenendo alto il ritmo, e abbiamo vinto. Ho un gruppo straordinario, e sono molto contento della mia squadra”. L’ultima battuta del tecnico del Parma e sul suo rapporto con Firenze: anche oggi è stato fischiato, ma lui ammette che “ho sognato spesso di allenare in un posto bello come questo e mi dispiace per l’accoglienza che ho avuto”. Grande soddisfazione anche per il dg del Parma, Pietro Leonardi, che a proposito di obiettivi dice: “A noi mancano 17 punti per salvarci, prima li facciamo e prima potremo divertirci. Certo che vincere a Firenze è una cosa grossa: battere una squadra come la Fiorentina, che è superiore a noi, ci dà un autostima notevole”.

(Ansa)

Nella foto Valeri Bojinov


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7145 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:33 ram:35276248