Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Bologna: malfunzionamento delle macchine o errore, uomo muore in terapia intensiva

Un malfunzionamento dei macchinari oppure un errore umano. Potrebbe esserci una di queste due ipotesi dietro quanto accaduto a Gustavo Biagi., l’uomo di 66 anni, morto, mercoledì, per un arresto cardiaco irreversibile all’ospedale Maggiore di Bologna. L’uomo, originario di Bazzano ma residente a Castelfranco nel modenese, considerato un paziente ad alto rischio, era ricoverato nel reparto di Terapia intensiva cardiologica in attesa di un intervento. L’uomo che da tempo soffriva di cuore ha avuto un arresto cardiaco irreversibile mentre era attaccato alle macchine della terapia intensiva. Un evento che ha spinto l’Ausl ha segnalare la vicenda alla Procura di Bologna, al ministero della salute e all’assessorato regionale alla sanità come “evento sentinella”, secondo un protocollo regionale attivo dal 2007. La segnalazione è avvenuta perché l’ azienda sanitaria ha ritenuto di non poter escludere un malfunzionamento dei macchinari o un errore umano nella loro programmazione. Una delle ipotesi è che il guasto o l’ errore abbiamo impedito al personale del reparto di intervenire in tempo all’insorgere della crisi cardiaca.
In accordo con l’assessorato la Ausl ha avviato un indagine interna per capire cosa sia accaduto mercoledì mattina. Sul fronte giudiziario, la procura ha aperto un fascicolo e le indagini, coordinate dalla pm Beatrice Ronchi, sono state affidate ai Nas che ieri hanno sequestrato la cartella clinica dell’uomo.
Azienda sanitaria e assessorato alla sanità hanno rivolto ai familiari dell’uomo il loro cordoglio e l’assessore Carlo Lusenti auspica che possa essere presto fatto chiarezza su quanto accaduto.
La morte di Biagi richiama alla mente i casi di cosiddetta malasanità accaduti negli ultimi anni a Bologna. Nel 2010 fece discutere il caso della donna morta al Maggiore per una setticemia quattro giorni dopo l’ asportazione di un polipo duodenale. L’ultimo episodio in ordine di tempo risale, invece, a inizio gennaio, quando un anziano è stato trovato senza vita sulle scale esterne del policlinico Sant’Orsola due giorni dopo essere sparito dal reparto in cui era ricoverato. Il caso più eclatante resta però la morte di Daniela Lanzoni, la donna di 54 anni morta dopo l’asportazione, di un rene sano. Intervento preceduto e seguito da una catena di errori risultata poi fatale.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 7150 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:32 ram:37801448