Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Bologna: in 3000 per Matteo Renzi

“Le primarie sono per me un passaggio delicato, un anno fa di questi tempi il telefono non mi suonava più. Mi hanno detto che l’altra volta feci un discorso bellissimo per la sconfitta. Io domenica vorrei fare il discorso più brutto della mia vita, ma vincere”. Il sindaco di Firenze Matteo Renzi ha concluso così all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno la sua iniziativa elettoralle bolognese in vista delle primarie per la segreteria nazionale del PD che lo vedono contrapposto a Giuseppe Civati e a Gianni Cuperlo, che proprio in Emilia-Romagna lo ha sopravanzato nel voto dei circoli. In 3000 sono comunque accorsi per il primo cittadino di Firenze, compresi, in prima fila, il sindaco di Bologna Virginio Merola e il ministro per l’integrazione Cecile Kyenge. “Le primarie non sono una gara fra chi è più simpatico e carino, ma servono per dettare l’agenda all’Italia nei prossimi mesi, quello che ha fatto Berlusconi negli ultimi vent’anni: adesso tocca a noi”- ha sostenuto Renzi in un altro passaggio. “Se due milioni di persone si esprimono la serietà e la coerenza impongono che le riforme si facciano. Se in precedenza altri hanno fallito, noi cercheremo di non fallire”. Il sindaco di Firenze ha alternato il suo discorso nel quale ha ribadito il suo programma e i tre punti, taglio dei costi della politica, lavoro e Europa, da imporre come agenda a numerosi video. “Noi vorremmo che quando la sinistra dice di essere il partito del lavoro non lo sia perché fa i convegni sul lavoro, ma perché valorizza chi crea lavoro. E non ha paura di dire che il Pd non è la prosecuzione del sindacato con altri mezzi. Noi dialoghiamo con tutti, ma non ci facciamo dettare la linea da nessuno, né dagli imprenditori né dai sindacalisti” ha sottolineato, illustrando le sue proposte per il mercato del lavoro, e tornando così sulla polemica con il sindacato. Il sindaco di Fiernze ha parlato anche del cambiamento degli assetti di governo e della sentenza della Consulta sul porcellum ma non ha lesinato un riferimento anche alle inchieste sulle cosiddette spese pazze delle regioni, una delle quali ha colpito anche l’Emilia-Romagna. Stipendi dei consiglieri regionali equiparati a quelli dei sindaci dei comuni capoluogo e, soprattutto, abolizione delle indennità ai consiglieri e ai gruppi, la sua proposta. “Se c’è uno che frega….se qualcuno non ha seguito le regole è bene che vada a casa, punto. E la posizione presa dal Pd emiliano – ha detto riferendosi alla direzione che lunedì ha affrontato il tema – mi è sembrata molto chiara”. Il sindaco di Firenze, ha comunque riconosciuto quanto fatto in Emilia-Romagna, “è la Regione che costa meno, la prima che ha eliminato i vitalizi ai consiglieri – ha detto – però non basta”Renzi_Matteo


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7010 articoli inseriti

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:35 ram:30536472