Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Bologna: chiesto giudizio per 20 attivisti di Hobo

La procura di di Bologna ha chiesto il rinvio a giudizio per 20 attivisti del collettivo Hobo per i tafferugli che avvennero in città nell’ottobre 2014.

Sono 20 le richieste di rinvio a giudizio a Bologna del pm Antonello Gustapane ai danni di esponenti del colletivo Hobo. Secondo l’accusa, il 7 ottobre di due anni fa prima diedero vita ad una protesta contro lo sgombero di un campus universitario occupato abusivamente in città, con tafferugli in via Filippo Re. Poi continuarono la manifestazione in strada, bloccarono il traffico, invasero il rettorato e si scontrarono ancora con le forze dell’ordine.

Gli imputati hanno tra i 20 e i 30 anni, a parte un 63enne, e sono accusati a vario titolo di resistenza a pubblico ufficiale, getto di cose pericolose, danneggiamento, interruzione di pubblico servizio, furto e manifestazione non autorizzata. Per la procura la protesta fu guidata da Loris Narda e Parvis Jashn Tirgan, attivisti che nei mesi successivi furono colpiti da divieti di dimora. Narda, 30 anni di Catanzaro, attualmente è ai domiciliari. E’ conosciuto per aver dato l’assalto all’auto del leader della Lega Nord Matteo Salvini, un mese dopo la protesta in zona ateneo. La Procura contesta agli antagonisti di essersi opposti all’esecuzione del sequestro preventivo in via Filippo Re, piazzando una transenna di metallo e lanciando uova contro gli agenti.

La resistenza proseguì in via Zamboni, nel rettorato: con spintoni e calci alla Polizia, aste metalliche e il lancio di vari oggetti. Gli attivisti del collettivo sono accusati anche di aver rubato tavoli, sedie e cartelloni dalla biblioteca universitaria, per fare un presidio in strada. E di aver danneggiato gli arredi, oltre che il portone del rettorato, colpito con una sedia. Tavoli, panche e sedie furono messe inoltre su via Irnerio dove il traffico, e la circolazione degli autobus, furono bloccati per circa due ore. Peraltro da lunedì scorso lo stesso collettivo autogestisce nuovamente lo spazio universitario.

L’impressione è che in questo caso la Procura, prima di muoversi, attenda una segnalazione dall’Alma Mater.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Vittorio Pastanella

Autore

Articolo scritto da: | 985 articoli inseriti

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:32 ram:30357632