Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Approvato lo stato di emergenza in Emilia Romagna

Il Consiglio dei Ministri ha approvato ieri la dichiarazione dello stato di emergenza per l’Emilia Romagna e un primo stanziamento di fondi per 14 milioni di euro. Lo dichiara il presidente della Regione Vasco Errani che adesso auspica velocemente il riconoscimento, attraverso un decreto, dei danni subiti dalle imprese e dalle abitazioni private in seguito agli eventi meteorologici degli ultimi mesi. L’Emilia-Romagna chiederà al Parlamento di migliorare il recentissimo decreto 43 (26 aprile 2013) che ha prolungato al 31 dicembre 2014 lo stato di emergenza per il terremoto, riaprendo anche i termini per accedere al prestito da 6 miliardi per gli adempimenti fiscali delle imprese. In particolare, chiederà la deroga al Patto di stabilità interno per i Comuni colpiti. Tra le richieste anche l’eliminazione dei vincoli alle assunzioni di personale e il riconoscimento degli straordinari per permettere al personale dei Comuni di continuare ad affrontare l’emergenza dando risposte a cittadini e imprese; modifica dei criteri di proroga delle assunzioni; l’ammissione a contributo anche per le abitazioni in affitto a chi non è residente; l’estensione della copertura del prestito fiscale a tutto il 2013 (e non solo fino al 30 settembre) e l’inclusione fra i beneficiari delle imprese con gravi danni al fatturato; possibilità per le società di capitali di imputare le perdite del 2012 ai cinque bilanci successivi; l’eliminazione di ogni incertezza sulla detassazione dei contributi; un finanziamento aggiuntivo per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani; l’autorizzazione per coprire la differenza di interessi a carico delle famiglie dovuta alla sospensione delle rate dei mutui.
L’Emilia-Romagna è la regione con la più elevata criticità idrogeologica per il rischio di frane e alluvioni. Un rischio che riguarda quasi il 20% della superficie totale e 307 comuni dove abitano oltre 800mila persone o oltre 370mila famiglie. I dati arrivano dal vicepresidente di Ance regionale, Giovanni Torri, al convegno ‘La dimensione territoriale del partenariato pubblico privato’ a Bologna. “La nostra è anche una regione ad elevata concentrazione produttiva – ha spiegato Torri e – il risultato è che in Emilia-Romagna abbiamo il maggior numero di capannoni esposti a rischio naturale, dal momento che ben 7.941 strutture si trovano nelle aree ad elevato rischio idrogeologico. Come abbiamo purtroppo visto in occasione del terremoto dell’anno scorso – ha aggiunto – farci trovare impreparati di fronte ad eventi naturali catastrofici può mettere a rischio la nostra stessa sopravvivenza economica”. In Italia per mettere in atto gli interventi previsti dai piani regionali per l’assetto idrogeologico sarebbero necessari 40 miliardi di euro. Di questi il 68% al Centro-Nord.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7006 articoli inseriti

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:33 ram:30348760