Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Altri due indagati nel caso Parma

Sono il direttore amministrativo Marco Preiti e il responsabile organizzativo Corrado Di Taranto

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_crack_parma_20150320.mp4

Collecchio.
Altri due dirigenti del Parma sono stati indagati dopo l’ex presidente Ghirardi e l’ex amministratore delegato Leonardi con l’accusa di concorso in Bancarotta fraudolenta: sono il direttore amministrativo Marco Preiti e il responsabile organizzativo Corrado Di Taranto. Erano negli uffici del centro sportivo di Collecchio, dove questa mattina la Guardia di Finanza ha compiuto una perquisizione a tappeto. Poco dopo le 7 e ha coinvolto gli uffici di Collecchio (ad alcuni dei quali sarebbero stati messi i sigilli), quelli dello stadio Tardini e diverse residenze di dirigenti gialloblù. Oltre allo stadio e al Centro Sportivo, infatti, gli agenti delle fiamme gialle sarebbero entrate anche nell’abitazione dell’ex presidente del Parma, Tommaso Ghirardi, a Carpenedolo e negli uffici della Leonessa, l’azienda di famiglia. In città, invece, sono state controllate le case di Pietro Leonardi, ex amministratore delegato della società, di numerosi dirigenti e dipendenti, per un totale di circa settanta ispezioni. Il blitz di questa mattina segue di poche ore la sentenza del Tribunale civile di Parma che ha dichiarato il fallimento del club, affidandone l’esercizio provvisorio ai curatori fallimentari Angelo Anedda e Alberto Guiotto.
All’ingresso del Centro Sportivo si è fermato Alessandro Lucarelli. Il capitano ha parlato della situazione attuale, in seguito alle perquisizioni della mattinata: “Non c’è mai fine a questa situazione. Mi auguro che Manenti sia solo il primo a pagare e che, a cascata, siano smascherati tutti coloro che hanno portato il Parma in questo situazione. Domenica si gioca: lo stadio è disponibile. Noi vogliamo entrare in campo perché è il nostro lavoro. Non è fallito il Parma, non sono falliti i suoi tifosi o i suoi giocatori: è fallito Tommaso Ghirardi. Noi dobbiamo andare a testa alta. La scelta di giocare o non giocare esula dalla storia del Parma: ci stiamo muovendo perché cambi la situazione generale del calcio italiano. Servono norme più restrittive. Vogliamo maggiore rigidità nei controlli. Noi abbiamo chiesto garanzie e nuove regole. Dobbiamo avere certezze che le modifiche richieste vengano messe all’ordine del giorno nel Consiglio Federale del 26 marzo”.
Intanto lo stadio Tardini torna al Parma Calcio. E’ questo l’esito dell’incontro che si è svolto ieri tra il sindaco, Federico Pizzarotti, l’assessore allo Sport, Giovanni Marani, il direttore della Lega Calcio, Marco Brunelli e i due curatori fallimentari. Il sindaco Pizzarotti ha rassicurato i tifosi: “Gli eventi di questi giorni dimostrano che abbiamo fatto bene a prendere le distanze da un personaggio che non meritava la minima fiducia e che si sta rivelando ben peggio che inaffidabile. Ora comincia una fase nuova per il futuro del Parma: si torna a dialogare in modo responsabile. Da oggi il nostro lavoro servirà per riconsegnare alla città un Parma nuovo, legato alla sua storia più bella”.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Matteo Fogacci

Autore

Articolo scritto da: | 2899 articoli inseriti

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:29 ram:30283824