Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

8 Settembre: dall’Armistizio a Star Trek, passando per l’invenzione del nastro adesivo

star_trek-tos-07-02Ci sono giorni più carichi di storia di tanti altri. L’8 Settembre è uno di questi, uno dei più ricchi di ricorrenze ed episodi, grandi e piccoli, che hanno creato svolte basilari nel cammino dell’uomo (la distruzione del Tempio di Gerusalemme, l’inizio della presa di Roma dal potere temporale del Papa, l’armistizio dell’Italia nella seconda guerra mondiale… ), ma anche avvenimenti che hanno cambiato il nostro presente (come l’invenzione del nastro adesivo) ed anche la visione del nostro futuro (come il primo episodio della saga di Star Trek).

L’INIZIO DELLA LEGGENDA DELL’ARCA PERDUTA E DEI TEMPLARI

Ma andiamo con ordine: l’ottavo giorno di Settembre del 70 d.C. i romani comandati da Tito, che ha avuto incarico dal padre l’imperatore Vespasiano di concludere la prima guerra giudaica, conquista Gerusalemme e distrutte il Tempio di Salomone in cui era custodita l’Arca dell’Alleanza.
Da quel momento cambia la storia politica e religiosa del medi oriente, soprattutto per questo riguarda il popolo ebraico, con conseguenze che si prolungano fino ai giorni nostri.
La distruzione del tempio, la sparizione del suo tesoro e dell’Arca dell’Alleanza (che pare sia finita in Etiopia, e, forse, presto sarà mostrata nuovamente al pubblico, consentendo agli scienziati di appurare se si tratta veramente dell’”originale” misteriosa custodia delle tavole mosaiche), hanno alimentato anche una serie di leggende storiche ed esoteriche che appassionano e fanno dibattere accademici, teologi e studiosi dilettanti, come ad esempio la leggenda dei Templari che durante la prima crociate avrebbe scavato proprio sotto il tempio di Gerusalemme, trovando il suo immenso tesoro ed anche, si dice, reliquie risalenti alla vicenda terrena di Gesù, per non parlare poi delle moderne avventure cinematografiche di Indiana Jones alla ricerca dell’Arca perduta.

E’ SEPOLTO A FERRARA IL PRIMO GRAN MAESTRO DEI TEMPLARI?

La leggenda delle origini dell’Ordine del Tempio potrebbe avere un’importante connessione storica con Ferrara: esiste infatti un documento del ‘400 che attesterebbe la sepoltura, proprio nella città estense, del fondatore e primo gran maestro dell’ordine templare, Hugo de Pains (o Ugo de’ Pagani, secondo una certa storiografia che gli attribuirebbe un’ascendenza italiana e non francese).

LA FINE DEL PAPA RE, E LA FUGA DEL RE SAVOIA

L’8 Settembre è un giorno fatidico anche per la storia del nostro paese. Lo è stato in due epoche diverse: nel 1870 quando hanno avuto inizio attorno a Roma le manovre militari del generale Cadorna, che porteranno il successivo 20 Settembre alla breccia di Porta Pia, che strapperà definitivamente la capitale dal potere temporale del Papa.
L’8 Settembre segnerà un’altra svolta storica dell’Italia, nel 1945, quando proprio in questo giorno il maresciallo Badoglio comunica ufficialmente l’Armistizio sottoscritto dall’Italia con gli Alleati, ex nemici del decaduto regime fascista.

L’annuncio viene dato pubblicamente, alle 18.30, prima dai microfoni di Radio Algeri da parte del generale Dwight D. Eisenhower e, poco più di un’ora dopo, alle 19.42, viene confermato dal proclama del maresciallo Pietro Badoglio trasmesso dai microfoni dell’EIAR.
L’Italia si smarca dunque dall’abbraccio mortale con il nazismo, ma lo fa nella massima confusione e con tragiche conseguenze (come l’eccidio di Cefalonia) per il modo in cui viene dato e gestito l’annuncio dell’Armistizio (che pure era rimasto segreto per diversi giorni, essendo stato firmato dal generale Castellano su delega di Badoglio e naturalmente con l’assenso del Re Vittorio Emanuele già il 3 Settembre esattamente alle ore 17.30 in località Cassibile nei pressi di Siracusa), per l’impreparazione e lo sbando dell’esercito lasciato praticamente senza ordini ed in balia delle truppe tedesche che invece avevano già previsto ed attuato un piano per neutralizzare i nostri soldati e occupare militarmente l’Italia, ed infine per il vuoto di potere susseguente alla fuga da Roma del Re e dello Stato Maggiore, compreso il maresciallo Badoglio, sulla corvetta Baionetta che farà prua per il più “sicuro” porto di Brindisi.

BADOGLIO: CONDANNATO DAL “TRIBUNALE DELLA STORIA”

Per tutti questi fatti, che ancora “bruciano” nella memoria storica di tanti italiani, il “Tribunale della Storia” che si riunisce ogni anno a San Mauro Pascoli, proprio il mese scorso ha emesso la sua prima sentenza di condanna a carico del maresciallo Badoglio (dopo che nei “processi” aveva sempre emesso assoluzioni, per personaggi storici come Garibaldi, il Passatore, ecc.) accusato di “inadeguatezza” e “opportunismo”, sia nella drammatica gestione del famoso armistizio dell’8 Settembre, sia per la sua intrinseca condotta militare (molte critiche sul suo operato anche nella prima guerra mondiale).

VIENE VENDUTO IL PRIMO ROTOLO DI NASTRO ADESIVO

Ci sono poi eventi, di minore portata, ma che finiscono per avere un impatto notevole nella vita quotidiana di tutti noi; è il caso ad esempio dell’invenzione del nastro adesivo, il cui primo rotolo, prodotta dall’industria chimica e mineraria “3M”, fu venduto negli Usa proprio l’8 Settembre del 1930. Era stato inventato da un tecnico dell’azienda, e suonatore di banjo, Richard Drew (1900-1981), su richiesta di alcuni carrozzieri che avevano bisogno di un metodo più rapido per attaccare le schermature sulle auto da verniciare. Drew ebbe l’idea di utilizzare del cellophane ricoperto con un adesivo di sua invenzione. Poi perfezionò questa sua intuizione creando striscie più lunghe e sottili. Era nato il nastro adesivo. Venne battezzato subito “Scotch” (e così registrato anche come marchio) ironizzando sull’accusa mossa all’inventore Drew di risparmiare, da scozzese, sull’adesivo delle prime confezioni (fonte Dizionario delle Scoperte Scientifiche e delle Invenzioni, Giorgio Rivieccio, edizioni Bur).

STAR TREK: LA VERA ODISSEA OMERICA DELLO SPAZIO

Se il nastro adesivo ha inciso in tanti modi, nel lavoro, nella casa, negli hobby, sul nostro presente, c’è un altro 8 Settembre che ha invece cambiato, da almeno due generazioni, la nostra visione del futuro: proprio in questo giorno, infatti, nel 1966 va in onda il primo episodio della saga televisiva e cinematografica di Star Trek.
Oggi ci sono in tutto il mondo fan e associazioni di appassionati “cultori” di questa impareggiabile serie di fantascienza, legata all’astronave Enterprise, nelle varie evoluzioni tecnologiche che ha subito in quasi quarantenni, nelle diverse serie televisive “alla ricerca di altre forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessun uomo è mai giunto prima”, dal primo prototipo che è stato mostrato nel recente “prequel”, alla nave della prima missione al comando del capitano Jonathan Archer (Scott Bakula), alla versione “classica” affidata al comandante Kirk (William Shatner), a quella più evoluta “next generation” guidata invece dal comandante Jean-Luc Picard (interpretato dall’attore shakespeariano Patrick Stewart).

LA FEDERAZIONE UNITA DEI PIANETI

Star Trek, fin dalla sua prima serie, ha modificato non solo i canoni della fantascienza (facendola uscire dalla fase “western spaziale” o da quella dei “mostri” provenienti dalla spazio profondo, mostri che rappresentavano anche le paure dell’uomo degli Anni Cinquanta e Sessanta di fronte alla minaccia della guerra nucleare che ha accompagnato tutto il periodo della guerra fredda), ma ha contribuito notevolmente a cambiare la visione del futuro di milioni di telespettatori, facendoli riflettere naturalmente anche sulla società del presente. L’ideatore della serie, Gene Roddenberry, ha infatti introdotto nel tracciato narrativo di Star Trek temi che riflettevano in chiave fantascientifica questioni razziali, etiche, emancipazione femminile, la speranza di pace e fratellanza dei popoli, sublimata nella “Federazione Unita dei Pianeti”, che ha messo al bando guerra e sfruttamento.

IL PRIMO BACIO INTERRAZIALE

Per la prima volta nella storia della televisione un giapponese, una donna di origine africana, diversi americani, uno scozzese, un alieno e un russo, nel momento in cui il mondo era spaccato in due dalla Guerra fredda, si trovavano a lavorare insieme nello stesso equipaggio, ad esplorare l’universo alla ricerca di nuove culture con cui dare vita a reciproci scambi in nome dell’uguaglianza e della pace. Nell’episodio Umiliati per forza maggiore, trasmesso negli Stati Uniti il 22 novembre 1968, si vide il primo bacio interrazziale della storia della televisione, del quale furono protagonisti Uhura, l’ufficiale alle comunicazioni, e il capitano Kirk. Il personaggio di Uhura – prima persona di colore a ricoprire un ruolo di ufficiale comandante e a mostrare l’ombelico in una fiction televisiva – divenne molto caro al pubblico, tanto che Martin Luther King intervenne personalmente affinché l’interprete, l’attrice Nichelle Nichols, non abbandonasse la serie (fonte Wikipedia).

ANCHE A BOLOGNA UN “CENTRO” TREKKER

Star Trek, assieme a Star Wars, sono oggi le colonne dell’immaginario collettivo del futuro. Entrambe le serie hanno generato mitologie fantascientifiche, estremamente coerenti al loro interno, dal punto di vista scientifico, filosofico, dello sviluppo storico delle vicende narrate e dell’evoluzione generazionale dei personaggi che vi compaiono. Per stabilire un parallelo fra le due saghe, ed al tempo stesso definirne le differenze, c’è chi ha paragonato Star Trek all’Odissea, e Star Wars all’Iliade, come poemi omerici dello spazio.
Star Trek ha fans in tutto il mondo. Ogni anno si organizzano conventions, chiamate “sticcon”, alle quali spesso i fans partecipano con le divise spaziali dei propri beniamini.
Anche a Bologna esiste un “centro” trekkiano – l’Ultimo Avamposto, in Via Boldrini 20/L – dove gli appassionati si riuniscono e dove si possono trovare dvd, libri, riviste, modellini, gadgets, costumi, e perfino “memorabilia” ed oggetti di scena originali.

ALTRE RICORRENZE STORICHE: GENOVA SCONFIGGE LA SERENISSIMA, JACK LO SQUARTATORE UCCIDE LA SECONDA PROSTITUTA, SI GIOCA LA PRIMA FOOTBALL LEAGUE, ARRESTATI I CAPI DELLE BRIGATE ROSSE, I FUNERALI DI PAVAROTTI E SABANI, IL PRIMO V-DAY DI GRILLO

Per concludere comunque la rassegna dell’ottavo giorno di Settembre nella storia, ricordiamo ancora nel 1298 la sconfitta dell’ammiraglio della Serenissima Andrea Dandolo ad opera dei Genovesi presso l’isola di Curzola; il comandante veneziano si ucciderà sbattendo ripetutamente il capo sulla parete della sua cella, dopo essere stato catturato.
Nel 1888 A Londra viene ritrovato il corpo della seconda vittima di Jack lo Squartatore, Annie Chapman; nello stesso anno, e nello stesso giorno in Inghilterra si disputano anche le prime 6 partite di calcio della Football League.
Nel 1974 i capi delle Brigate Rosse, Renato Curcio e Alberto Franceschini vengono arrestati a Pinerolo.
Nel 2007, l’8 Settembre, si celebrano in concomitanza due funerali di uomini di spettacolo: a Modena quello del grande tenore “Big” Luciano Pavarotti, ed a Roma quello dell’imitatore Gigi Sabani. Mentre nella stessa giornata un Beppe Grillo, più vivo che mai, da vita al primo “V-Day” in ben 200 piazze italiane, con oltre 5 milioni di persone che vi partecipano per protestare contro la partitocrazia e la gerontocrazia del sistema politico italiano.

NASCITE E MORTI ILLUSTRI DA RICORDARE

Fra i nati illustri in questo giorno, da segnalare: nel 1157 Riccardo I d’Inghilterra; nel 1413 Caterina da Bologna, religiosa; nel 1474 Ludovico Ariosto; nel 1925 l’attore inglese Peter Sellers; nel 1926 l’imprenditore Sergio Pininfarina; nel 1948 Davide Mengacci, conduttore televisivo italiano.

Fra i morti da ricordare: nel 1354 Cola di Rienzo, nel 1949 Richard Strauss; nel 1979 e nel 1999 due personaggi indimenticabili del calcio: il calciatore e allenatore spagnolo Ricardo Zamora, ed il mitico presidente interista Ivanoe Fraizzoli.

FESTE NAZIONALI

L’8 Settembre è Festa Nazionale in Andorra (Mare de Deu de Meritxell) ed a Malta (Tal-Victoria).
E’ anche la Giornata Mondiale della Fisioterapia.

Nella foto: l’equipaggio dei primi episodi di Star Trek (serie classica, con il Capitano Kirk)


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList

Autore

Articolo scritto da: | 7149 articoli inseriti

Un Commento in “8 Settembre: dall’Armistizio a Star Trek, passando per l’invenzione del nastro adesivo”

  • Stefano scritto il 8 settembre 2009 pmmartedìTuesdayEurope/Rome 12:19

    Sarebbe possibile avere maggiori dettagli sul documento del quale si fa menzione? Grazie. Saluti, Stefano Guglielmi
    E’ SEPOLTO A FERRARA IL PRIMO GRAN MAESTRO DEI TEMPLARI?
    La leggenda delle origini dell’Ordine del Tempio potrebbe avere un’importante connessione storica con Ferrara: esiste infatti un documento del ‘400 che attesterebbe la sepoltura, proprio nella città estense, del fondatore e primo gran maestro dell’ordine templare, Hugo de Pains (o Ugo de’ Pagani, secondo una certa storiografia che gli attribuirebbe un’ascendenza italiana e non francese).

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:36 ram:37886864