Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

23 Giugno 1796: l’Armistizio di Bologna

Ventun milioni di scudi, oltre alla cessione delle città di Bologna, Ferrara, Ancona, oltre ad un ingente numero di capolavori artistici: fu questo il prezzo che il Papato (Pio VI) dovette pagare per ottenere un armistizio da Napoleone che nel frattempo era calato in Italia sconfiggendo gli austro-piemontesi e rivolgendo le sue attenzioni militari verso i territori del Regno Pontificio.

In poco tempo lo stesso Napoleone aveva già occupato le città papaline di Ancona e Loreto; per cui il Papa Pio VI fu indotto a scegliere il cosidetto “male minore”: venire a patti con il “demonio” francese.

La sospensione delle ostilità fra Papato e Francia fu firmata il 23 Giugno 1796 proprio a Bologna. Il trattato mise provvisoriamente fine ad un periodo di crescenti tensioni fra il Vaticano e la Francia, tensioni causate anche dall’ostilità della Chiesa agli eventi della Rivoluzione Francese e la politica anticlericale attuata dagli stessi rivoluzionari. Ad aggravare il clima di reciproci rancori e diffidenze c’era stato anche, a Roma, l’assassinio – dai francesi giudicato un “omicidio politico” – di un diplomatico d’Oltralpe, Hugo Basseville; assassinio su cui gravavano sospetti di complicità da parte dei servizi segreti vaticani.

La ventata napoleonica, che portava con sé nuovi ideali repubblicani di libertà e democrazia (ed oltretutto stava importando in Italia anche un altro potenziale antagonista della Chiesa, ovvero la Massoneria, un’organizzazione capace di attrarre nelle proprie fila l’intellighentia e l’alta borghesia delle maggiori città italiane, ed ovviamente anche di quelle del Papato, dove l’arrivo delle truppe francesi era spesso preceduto dall’innalzamento di “alberi della libertà” da parte di comitati civici rivoluzionari e filo-francesi), preoccupò alquanto le gerarchie ecclesiastiche, che pur di frenare in qualche modo l’avanzata di Napoleone e dei fermenti che portava con sé, accettarono di buon grado il giogo delle pesanti clausole del trattato di Bologna, clausole che furono ulteriormente inasprite alcuni mesi dopo dal nuovo trattato di Tolentino (Febbraio 1797).
E’ pur vero che la Chiesa da sempre “sa aspettare”, ed alla fine si riprese tutto con gli interessi quando la parabola di Napoleone finì tragicamente a Waterloo.

.
.
AGENDA STORICA DEL 23 GIUGNO

1894: Le idee ed i principi del Barone Pierre de Coubertin portano alla costituzione, alla Sorbona di Parigi, del Comitato Olimpico Internazionale, al quale viene affidato il compito di far rivivere gli antichi “Giochi Olimpici”.

1969: Esce in edicola il primo numero del quotidiano “Il Manifesto”, espressione di un gruppo di dissidenti “cacciati” dal Partito Comunista Italiano.

1993: Lorena Bobbit evira il marito, durante il sonno, con un coltello da cucina. I medici, con un delicatissimo intervento chirurgico, riusciranno comunque a restituire la virilità al marito della Bobbit.

1994: Dopo la liberazione di Mandela e l’abolizione delle leggi sull’Apartheid, la nuova Repubblica Sudafricana viene riammessa all’Assemblea delle Nazioni Unite.
.
.
COMPLEANNI E LUTTI

Il 23 Giugno nascono il filosofo Giambattista Vico (1668-1744), il sessuologo americano Alfred Kinsey (1894-1856), il matematico inglese Alan Turing (1912-1954), lo scultore Arnaldo Pomodoro (1926), il coreografo statunitense Bob Fosse (1927-1987), il politico irlandese Premio Nobel Martti Ahtisaari (1937), il conduttore televisivo Fabio Volo (1972), il calciatore francese Zinedine Zidane (1972), la showgirl Alessia Mancini (1978), la campionessa di nuoto Alessia Filippi (1987).

Nello stesso giorno muore l’imperatore Vespasiano (9-79 dC).


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7006 articoli inseriti

Un Commento in “23 Giugno 1796: l’Armistizio di Bologna”

Trackbacks

  1. Rose di Cristallo

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:31 ram:30289128