Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

18 Giugno 1815: Waterloo, Napoleone sconfitto da un vulcano (e dalle emorroidi…)

La battaglia di Waterloo fra le truppe napoleoniche e quelle della “Settima Coalizione” (comprendente Regno Unito, Austria, Prussica, Russia, Paesi Bassi, Svezia, Regno di Sardegna e alcuni altri stati tedeschi) fu a lungo incerta.
Durò otto ore, otto ore di sanguinosi combattimenti, spesso corpo a corpo, che lasciarono sul campo ben 48mila soldati di ambo le parti (di cui le perdite francesi risultarono il quadruplo di quelle alleate).

Alla fine furono soprattutto le condizioni meterologiche a condizionare l’esito dello scontro in favore del Duca di Wellington ed a sfavore di Napoleone. Quest’ultimo avrebbe voluto attaccare le forze alleate all’alba, iniziando a bombardarle con l’artiglieria fin dalle 7 del mattino, ma la pioggia caduta tutta la notte impedì di muovere e piazzare i cannoni prima di mezzogiorno.
E fu proprio una sottovalutazione delle condizioni del terreno che rallentò moltissimo il suo piano di battaglia ed i movimenti delle sue truppe (in particolare i reparti di cavalleria che avrebbero dovuto impedire all’esercito prussiano di congiungersi con quello inglese) l’errore più fatale di Napoleone.

D’altro canto quello del 1815 fu un Giugno climatologicamente diverso da ogni altro, a causa della densa nube di polveri laviche che si era sprigionata alcuni mesi prima, in Aprile, dalla straordinaria eruzione del vulcano Tambora nella lontana Indonesia, la più potente e deflagrante eruzione che si ricordi a memoria d’uomo. Le polveri del vulcano velarono a lungo l’atmosfera di mezzo pianeta, dall’Indonesia fino all’Europa, suscitando un’estate insolitamente fredda e piovosa. Per cui si può in parte affermare che a Waterloo il povero Napoleone fu battuto da un vulcano.

Ci volle insomma la più potente eruzione vulcanica della storia, per cambiare il corso della storia stessa. La sconfitta di Waterloo segnò infatti la caduta definitiva di Napoleone, destinato a finire i suoi giorni nell’esilio di Sant’Elena.

C’è poi anche chi suggerisce che la sconfitta di Waterloo possa avere avuto anche una causa meno “nobile” e “grandiosa”, e cioè che possa essere derivata da un fastidiosissimo caso di emorroidi infiammate che impedì al povero Napoleone di concentrarsi e preparare la battaglia come aveva sempre saputo fare prima. Tambora, le emorroidi, Wellington: insomma, tutto ma proprio tutto, era contro di lui, quel fatidico 18 Giugno del 1815.
.
.
AGENDA STORICA DEL 18 GIUGNO

1836: Il Generale Alessandro La Marmora fonda il Corpo scelto dei Bersaglieri.

1873: La femminista Susan B. Anthony tenta di introdursi in un seggio elettorale e votare per le elezioni presidenziali americane. Allora il voto era riservato solo agli uomini e precluso alle donne. Scoperta, per questo suo tentativo dimostrativo, fu multata di 100 dollari.

1900: La vedova dell’Imperatore della Cina ordina che tutti gli stranieri presenti sul suolo cinese siano uccisi; il massacro comprende anche il personale diplomatico e le famiglie; verranno uccisi anche centinaia di missionari cristiani e cinesi convertiti.

1928: Amelia Earhart attraversa in aeroplano l’Oceano Atlantico. E’ la prima donna ad aver realizzato una simile impresa aerea.

1982: Il cadavere del banchiere italiano Roberto Calvi è ritrovato impiccato a Londra, sotto il ponte dei “Frati Neri” (Blackfriars Bridge). E’ l’epilogo cruento del crack della sua banca, il Banco Ambrosiano, vicenda legata anche al bancarottiere Michele Sindona ed a movimenti oscuri della finanza vaticana.
.
.
COMPLEANNI E LUTTI

Il 18 Giugno nascono il cantante inglese Paul McCartney (1942), la conduttrice televisiva Raffaella Carrà (1943), l’allenatore Fabio Cappello (1946), l’attrice Isabella Rossellini (1952), il calciatore Vincenzo Montella (1974) e la modella Marta Cecchetto (1978).

Nello stesso giorno ci lasciano l’attrice statunitense Ethel Barrymore (1879-1959) e il pittore Giorgio Morandi (1890-1964).


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7007 articoli inseriti

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:33 ram:30392080