Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

15 Marzo 1906: Rolls Royce, le auto più lussuose del mondo create da un ex strillone di giornali

“Se chiedi quanto costa, non sei un cliente adatto per questa vettura”: si sintetizza così il mito elitario ed esclusivo della più lussuosa marca di automobili del mondo, la Rolls Royce. Un mito nato il 15 Marzo 1906 quando due imprenditori inglesi, Henry Royce e Charles Rolls, costituirono la loro società in Manchester.
Paradossalmente l’auto più lussuosa del mondo fu creata da un uomo, Henry Royce, che aveva conosciuto fallimenti e povertà.
Royce era il più giovane dei cinque figli di una famiglia che gestiva un mulino per la produzione di farina ad Alwalton nella contresa di Huntingdonshire, mulino che fallì ed obbligò i Royce a trasferirsi a Londa. Qui il padre morì nel 1872, ed il giovane Royce a soli 9 anni dovette darsi da fare come strillone di giornali e fattorino per la consegna di telegrammi, riuscendo a frequentare solo un anno di scuola.
Nel 1878, con l’aiuto economico di uno zio, potè iniziare un periodo di apprendistato presso la compagnia ferroviaria Great Northen a Peterbourgh. Ma quando, tre anni dopo il danaro dello zio finì, dovette tornare a Londra e impiegarsi dapprima in una fabbrica di utensili, poi in una compagnia elettrica.
A 24 anni, nel 1884, con 20 sterline, tutti i propri risparmi, entrò in società con Ernest Claremont, un amico che ci mise altre 50 sterline, per avviare una piccolo laboratorio di apparecchi elettrici per la casa a Manchester, cominciando a produrre anche dinamo e gru elettriche. Questa volta l’attività ebbe miglior fortuna e nel 1899 la società venne nuovamente registrata come Royce Ltd, aprendo una nuova fabbrica a Trafford Park, sempre in Manchester.

Henry Royce continuava comunque a coltivare una segreta passione per la meccanica. In un angolo della sua fabbrica, a partire dal 1904, cominciò la costruzione di un nuovo motore e di una nuova automobile c he soddisfacesse i suoi parametri di qualità. Le prime vetture realizzate in questo modo, battezzate Royces, furono tre: una fu data al socio Claremont, una la tenne per sé, un’altra fu venduta ad uno dei collaboratori della sua azienda, Henry Edmunds, il quale a sua volta era amico di un nobile britannico, Lord Charles Rolls, che possedeva un salone automobilistico. Edmunds gli mostrò la vettura costruita dal suo titolare e combinò lo storico incontro fra Rolls e Royce all’Hotel Midland di Manchester. Fu qui che nacque il sodalizio fra i due, ed il mitico marchio della auto più esclusive del mondo.

Charles Rolls, era figlio del primo barone di Llangattock, aveva frequentato Eton e Cambridge; appassionato anch’egli di tecnologia, riconobbe subito la qualità della vettura prodotta da Royce, e volle stipulare immediatamente un accordo con lui: avrebbe acquisito e venduto tutte le auto che l’imprenditore di Manchester sarebbe stato in grado di produrre, ponendo solo due condizioni: che avessero un motore di almeno quattro cilindri, e che si chiamassero Rolls-Royce.

Il patto stabilito fra i due in un hotel nel 1904, si trasformò poi, due anni dopo, in una società vera e propria, la Rolls-Royce Ltd (Henry Royce conservò comunque a parte fino al 1932 la sua originaria società di dinamo e gru elettriche, la Royce Ltd & Company; la produzione continuò comunque anche dopo il 1932 con il nuovo proprietario Herber Morris: l’ultima gru elettrica su disegno di Royce fu costruita nel 1964).

Dalle fabbriche della Rolls-Royce in Inghilterra e negli Stati Uniti uscirono prestigiosissimi modelli di automobili (a cominciare dalla famosa “Silver Ghost”), ed anche motori aeronautici (altra passione di Charles Royce che visionava personalmente ogni progetto).

Proprio in un incidente aeronautica morì il suo socio Charles Rolls, nel 1910, quando si staccò la coda del Wright Flyer sul quale stava volando nel cielo di Bournemounth in Inghilterra.

Da quel momento Henry Royce lavorò ancora più duramente, passando giornate intere nelle sue officine, ed ammalandosi piuttosto seriamente. Nel 1912 subì un delicatissimo intervento chirurgico e venen dato quasi per spacciato. Ma si riprese e tornò ad occuparsi dell’azienda, soprattutto dei suoi progetti aeronautici. Nel 1930 proprio per le sue realizzazioni in questo settore fu nominato “baronetto di Seaton”.

Morì nel 1933. Trent’anni dopo gli fu dedicata, in sua memoria, una vetrata dell’Abbazia di Westminster, un onore mai concesso a alcun altro imprenditore britannico. E nel 1991 una sua statua fu collocata nell’Automotive Hall of Fame.

Tutto questo non impedì però che dopo la sua morte, la fabbrica che portava il suo nome finisse in bancarotta. Questo accadde nel 1971, a causa del peso degli investimenti sostenuti per lo sviluppo di un nuovo motore a reazione “turboventola” per giganti dell’aria. L’orgoglio britannico ferito fu salvato dal primo ministro del tempo, Margaret Teacher, che nazionalizzò la Rolls Royce.
Nel 1973 la divisione auto su scorporata da quella aeronautica e dalle altre attività tecnologiche del gruppo, e nel 2003 il marchio Rolls Royce è entrato nell’orbita Bmw, mentre l’altro marchio di auto di lusso, Bentley (di proprietà della stessa Rolls Royce fin dal 1931), è entrato invece nell’orbita dell’altra grande industria automobilistica tedesca Volkswagen.
.
.
.
AGENDA STORICA DEL 15 MARZO

1679: Il filosofo tedesco Gottfried Leibniz inventa il sistema di numerazione binario, su cui si basano ancora oggi – più di tre secoli dopo – i più moderni computer. Leibniz, che aveva già inventanto fin dal 1671 una perfezionata macchina calcolatrice in cifre decimali già capace di moltiplicare e dividere, enuncia la possibilità di rappresentare tutti i valori numerici attraverso la notazione binaria, ovvero utillizzando solo lo zero e l’uno.

1892: L’inventore americano Jesse W. Reno brevetta la prima “scala mobile” , in società conil collega George Wheeler. Il prototipo di una scala in grado di sollevare automaticamente persone da un piano all’altro verrà presentato ufficialmente al pubblico in occasione dell’Esposizione Universale di Parigi, nel 1900. Lo sviluppo industriale del brevetto sarà poi perfezionato da Charles Seeberger.

1927: L’ingegnere francese Henri Busiggnies inventa il radiogognometro, per la radioassistenza aerea. Il primo apparecchio lo costruì e presentò al pubblico nella propria camera da letto. Successivamente Busiggnies si trasferì negli Usa. Durante la guerra lo sviluppo della sua invenzione servì agli Alleati per localizzare l’esatta posizione di navi e sommergibili, captando le loro emissioni radio.

1956: Debutta a Broadway Il musical My Fair Lady di Alan Jay Lerner, su musiche di Frederic Loewe, adattato dall’opera Pigmalione di George Bernard Shaw. Dopo la prima il musical verrà replicato ben 2717 volte a New York, e 2281 volte a Londra.

1990: Mikhail Gorbachev diventa presidente esecutivo dell’Unione Sovietica

1995: Vent’anni dopo Toheni, un italiano, e precisamente l’emiliano Alberto Tomba, vince la Coppa del Mondo di Sci Alpino.
.
.
COMPLEANNI E LUTTI

Il 15 Marzo nascono il fisico bielorusso, premio Nobel, Zhores Alferov (1930), la scrittrice e musicista Adriana Lana (1969), il ministro Roberto Maroni (1955) e la cantante show girl Sabrina Salerno (1968).

Nello stesso giorno muoiono Giulio Cesare (100-44 a.C.), lo storico Cesare Cantù (1804-1895), l’armatore greco Aristotele Onassis (1906-1975), e lo scrittore americano Howard Phillips Lovercraft (1890-1937).


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7145 articoli inseriti

3 Commenti in “15 Marzo 1906: Rolls Royce, le auto più lussuose del mondo create da un ex strillone di giornali”

Trackbacks

  1. 15 Marzo: Rolls Royce, le auto più lussuose del mondo create da un …
  2. world racing 2 damaged cars | Junk Cars For Sale
  3. DS3 CITROEN AUTOPIU BOLOGNA | Citroen Automotive Marque

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:35 ram:35325408